Delegazione presso l'UE: Europass

Welfare of pigs during killing for purposes other than slaughter

Data di pubblicazione: 28/07/2020
Ambito sintetico: Report tecnico

Sintesi a cura dell'Università di Parma: 

Revisione delle evidenze scientifiche sulla mortalità delle api

Nel 2013 l'EFSA ha adottato un documento orientativo sulla valutazione del rischio dei prodotti fitosanitari sulle api (Apis mellifera, Bombus spp. e api solitarie) (EFSA, 2013), che finora non è stato pienamente attuato a causa della mancanza di consenso tra gli Stati membri. Per questo motivo, gli stati membri hanno chiesto una revisione del documento di orientamento prima di considerare la piena attuazione.

Nel marzo 2019, la Commissione europea ha incaricato l'EFSA di rivedere il documento orientativo sul rischio valutazione dei prodotti fitosanitari sulle con l’obiettivo specifico di fornite "Una revisione e una sintesi delle prove per quanto riguarda la mortalità di fondo delle api, in particolare considerando una gestione apistica realistica e la naturale mortalità di base. "All'EFSA è stato specificamente chiesto di fornire questo riassunto in un documento separato, affrontato in questo rapporto, che si concentra unicamente sulla mortalità delle api adulte.

La mortalità delle api, in particolare per le api bottinatrici, è stata utilizzata nel precedente documento di orientamento nel contesto dell'impostazione dei valori soglia. Il presente rapporto mira a rafforzare le conoscenze sulla questione: (i) adottando un approccio più sistematico rispetto a quello usato in precedenza; e (ii) di ampliare la portata dell'analisi oltre la mortalità di base delle bottinatrici. Sono state formulate otto diverse domande di valutazione, al fine di tenere conto dei vari gruppi di api, la differenza tra periodi attivi e inattivi e considerare specificamente l'influenza di pratiche di apicoltura sulle api da miele. È stato effettuato un tentativo di stima dei tassi di mortalità giornaliera, ove possibile, per ciascuna domanda di valutazione. Come principale fonte di informazioni è stata eseguita una revisione sistematica della letteratura. Però, sulla base di un esercizio di definizione della letteratura, l'EFSA ha ritenuto che la letteratura disponibile avrebbe fornito poche informazioni sull'impatto diretto delle pratiche apistiche sulla mortalità gestita delle api da miele. Perciò tali informazioni sono state anche raccolte tramite un sondaggio inviato agli apicoltori in diversi paesi europei. La procedura metodologica seguita per questo lavoro è stata definita in un protocollo che è stato sottoposto a consultazione con il gruppo delle parti interessate, con esperti degli Stati membri e con il gruppo di lavoro istituito per la revisione del documento orientativo sulle api dell'EFSA.

Api da miele

Il set di dati disponibile per le api da miele è risultato abbastanza grande da poter trarre conclusioni piuttosto solide, almeno riguardo i tassi di mortalità giornaliera. I risultati dell'analisi hanno evidenziato importanti differenze nei livelli di mortalità a seconda delle caste e del ruolo delle api nella colonia.

L'analisi per le api mellifere è stata eseguita separatamente per i dati raccolti sulle bottinatrici, i dati raccolti su api dell’alveare (ovvero lavoratori che non hanno ancora lasciato l'alveare per la ricerca di cibo) e un terzo gruppo che includeva i dati raccolti sui lavoratori in generale, indipendentemente dal loro ruolo. Come previsto, le api bottinatrici presentavano i più alti tassi di mortalità giornaliera, con valori sempre superiori al 5% e valori mediani intorno al 10-12%. Tutti i tassi di mortalità disponibili per le api bottinatrici sono basati sulla misurazione del tempo di volo (ovvero tra l'età del primo foraggio e l'età alla morte). Il tasso di mortalità giornaliera del 5,3% stimato nel precedente rapporto di EFSA (2013) è risultato estremamente conservativo, con solo uno misurazione su 191 che presenta un valore inferiore. Le api operaie hanno presentato il set di dati più piccolo; i tassi di mortalità giornaliera sono compresi tra il 3,7 e il 6,3%. Il set di dati generico per tutte le api operaie (che copre tutti i ruoli e le fasi) è risultato di gran lunga il più ricco. Come tale, potrebbe essere eseguita un'analisi più dettagliata e approfondita. I livelli di mortalità giornaliera sono risultati, come previsto, inferiore a quelli trovati per le api bottinatrici. La variabilità nei dati è stata probabilmente guidata da diverse condizioni sperimentali, ma nel complesso è stata evidenziata una chiara distribuzione, con valori medi giornalieri dei tassi di mortalità intorno al 3,5–4,0%. Inoltre, per un sottoinsieme di studi eseguiti nell’Europa centrale, è stato registrato un modello stagionale piuttosto chiaro, con tassi di mortalità in aumento dalla primavera all’estate.

Le api drone presentavano tassi di mortalità giornaliera simili a quelli delle bottinatrici durante l'estate (7–10%), ma valori più bassi in primavera e in autunno. La mortalità registrata durante il periodo invernale (inattivo) è risultata molto variabile. Per un sottoinsieme limitato di studi è stato possibile stimare un tasso di mortalità giornaliera, e questo era notevolmente inferiore rispetto al periodo attivo. I valori stimati erano generalmente inferiori all'1%, con una media di circa lo 0,35%.

I dati di letteratura sull'impatto delle pratiche apistiche sulla mortalità erano limitati a: (i) l'applicazione di alcuni prodotti veterinari contro gli acari di Varroa; e (ii) la pratica dello spostamento dell'alveare. Per entrambi, l'impatto sulla mortalità delle api adulte è apparso nella maggior parte dei casi molto limitato, nonostante alcuni rari esempi in cui sono stati innescati aumenti della mortalità giornaliera. Le informazioni sullo spostamento dell'alveare sono risultate sufficienti per dimostrare che questi effetti sono molto limitati nel tempo (di solito un giorno dopo lo spostamento), mentre per i prodotti veterinari tale dimensione temporale non è stata completamente studiata nei rari casi dove si è visto un effetto.

Questi risultati erano in certa misura in linea con i risultati del sondaggio, sebbene quest’ultimo abbia presentato importanti limitazioni in termini di bilancio zonale (un basso tasso di risposta dalla zona meridionale) e coerenza di risposta. Il sondaggio mirava a quantificare l'effetto di 20 pratiche comuni di apicoltura informazioni condensate su: (i) il loro tasso di applicazione (percentuale di apicoltori che eseguono il pratica); (ii) la loro frequenza di applicazione; (iii) il tasso di eventi irregolari (cioè> 100 api morte) registrati in relazione all'applicazione; e (iv) la percentuale di mortalità delle api durante gli eventi irregolari. Il risultato principale è che la mortalità delle api in relazione alle pratiche comuni dell'apicoltura è bassa, con un punteggio di mortalità delle api inferiore all'1%. Solo due pratiche hanno mostrato punteggi più alti: "Aprire l'alveare" e "Affumicare le api". Mentre il primo ha un alto tasso di applicazione (91%) e frequenza (17 volte per stagione), quest'ultima ha un'alta mortalità in caso di eventi irregolari (16%).

Bombi

Il set di dati per bombi era considerevolmente più piccolo di quello per le api. L’eterogeneità dei dati ha portato alla raccolta di informazioni molto disperse per una manciata di specie. Pertanto, non è stato possibile trarre solide conclusioni. Tuttavia, i dati erano probabilmente sufficienti per definire un intervallo plausibile di tassi di mortalità giornaliera di base e per fornire alcune indicazioni delle differenze tra le specie. Bombus terrestris ha presentato i valori di mortalità giornaliera più bassi (media intorno al 2%), mentre altre specie (B. pascuorum, B. lucorum e B. lapidarius) presentavano una distribuzione più omogenea, con valori complessivamente più alti (media intorno al 6%). Il tasso di mortalità giornaliera del 4,4% riportato nel rapporto precedente di EFSA (2013) non sembra essere conservativo per B. terrestris, in quanto corrisponde più o meno al 90 ° percentile dei valori recuperati. D'altra parte, lo stesso valore sembra piuttosto conservativo per le altre specie, corrispondente al ~ 15 ° percentile della rispettiva distribuzione del tasso di mortalità. Solo un riferimento ha fornito informazioni sulla mortalità dei bombi durante il periodo solitario attivo. Tale mortalità era del 27% per B. hortorum e del 35% per B. ruderatus. Poiché non erano disponibili indicazioni più precise sui tempi, non è stato possibile calcolare un tasso di mortalità giornaliero. Allo stesso modo, è stato trovato solo un riferimento adatto per fornire informazioni sulla mortalità delle regine di bombi durante il loro periodo di inattività (inverno). Il successo di svernamento medio è stato del 44,6% (ovvero mortalità del 55,4%). Ancora una volta, poiché non erano disponibili indicazioni più precise sui tempi, non è stato possibile calcolare un tasso di mortalità giornaliero.

Api solitarie

Come per i bombi, il set di dati per le api solitarie era considerevolmente più piccolo e più sparso di quello per le api da miele. Sono stati presentati dati per quattro specie, tre delle quali appartengono alla famiglia Megachilidae (Osmia rufa, Osmia cornuta e Megachile rotundata) e uno (Lasioglossum fratellum) appartiene alla famiglia degli Halictidae. Sebbene siano state osservate differenze tra le specie, non è stato identificato alcun modello chiaro nella distribuzione dei dati. Il tasso di mortalità giornaliera del 5% indicato in EFSA (2013) sembrava essere in linea con la tendenza centrale osservata in questa revisione, ovvero il 5% era vicino valore mediano di tutte le specie. Non sono stati trovati molti dati sulle prestazioni di svernamento delle specie di api solitarie che vanno in letargo da adulte. In effetti, sono state recuperate solo tre pubblicazioni che riportano questo tipo di informazioni. In inverno, la mortalità totale per Lasioglossum fratellum, basata su un numero molto limitato di api, è risultata essere del 29%. La mortalità invernale totale per Osmia cornuta variava tra il 13,6% e il 34,7%. Non è stato possibile derivare i valori dei tassi di mortalità giornaliera da uno qualsiasi degli studi disponibili

Nonostante diverse limitazioni relative ai dati, la presente recensione offre la più ampia raccolta sistematica di evidenze scientifiche sull'argomento fino ad oggi. Come tale, fornisce basi più solide per una definizione della mortalità di base per i tre gruppi di api. Gli intervalli riportati, le stime centrali e le distribuzioni consentiranno la revisione del precedente rapporto EFSA (2013).

Link: https://efsa.onlinelibrary.wiley.com/doi/epdf/10.2903/sp.efsa.2020.EN-1880 

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/07/28 12:25:00 GMT+2 ultima modifica 2020-08-03T12:23:37+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina