Delegazione presso l'UE: Europass

Cumulative dietary risk characterisation of pesticides that have acute effects on the nervous system Cumulative dietary risk characterisation of pesticides that have chronic effects on the thyroid

Data di pubblicazione: 27/04/2020
Ambito sintetico: Report scientifico – Pesticidi

Sintesi a cura dell'Università di Parma: 

Caratterizzazione cumulativa del rischio dietetico cumulativo dei pesticidi che possono avere un effetto acuto sul sistema nervoso o un effetto cronico sulla tiroide

Il regolamento (CE) n. 396/2005 sui livelli massimi di residui (LMR) di pesticidi negli o sugli alimenti e sui mangimi stabilisce che gli effetti cumulativi e sinergici dei pesticidi dovrebbero essere presi in considerazione per la valutazione del rischio dietetico, quando sono disponibili metodologie appropriate. Il regolamento (CE) n. 1107/2009 relativo all'immissione sul mercato dei prodotti fitosanitari stabilisce inoltre che i residui dei prodotti fitosanitari non devono avere effetti nocivi sulla salute umana, tenendo conto degli effetti cumulativi e sinergici noti, nel caso in cui i dati scientifici ottenuti metodi accettati dall'EFSA per valutare tali effetti siano disponibili.

La valutazione cumulativa del rischio (Cumulative risk assessment CRA) è stata definita come l'analisi, la caratterizzazione e la possibile quantificazione dei rischi combinati per la salute o l'ambiente dovuta all’esposizione a più agenti o fattori di stress (US EPA, 2003). Si differenzia dalla maggior parte delle valutazioni, che considerano singolarmente gli effetti di un agente o di un fattore di stress.

Il processo CRA è stato applicato per valutare gli effetti cumulativi dei residui di antiparassitari su due organi noti per essere sensibili ai pesticidi (il sistema nervoso e la tiroide) e testare le metodologie sull'intero processo di valutazione del rischio (identificazione e caratterizzazione dei pericoli, valutazione dell'esposizione e rischio caratterizzazione) per effetti acuti e cronici.

Per entrambe le valutazioni, le conclusioni generali (tenendo conto dei margini di incertezza) riportano come il rischio derivante dall’esposizione cumulativa dei consumatori ai pesticidi assunti attraverso gli alimenti è inferiore alla soglia che richiede la modifica delle misure normative attuali.

Effetti acuti sul sistema nervoso

È stata condotta una valutazione retrospettiva del rischio cumulativo acuto di esposizione alimentare ai residui di pesticidi, supportata da un'analisi dell'incertezza basata sulla consultazione di conoscenze specialistiche, per due effetti sul sistema nervoso: l'inibizione dell'acetilcolinesterasi (AChE) cerebrale e/o eritrocitaria e le alterazioni funzionali della divisione motoria.

I pesticidi considerati in questa valutazione erano stati identificati e caratterizzati nel rapporto scientifico sull'istituzione di gruppi di valutazione cumulativa di pesticidi per i loro effetti sul sistema nervoso. Le valutazioni cumulative dell'esposizione sono state condotte attraverso la modellizzazione probabilistica dell'EFSA e dell'Istituto nazionale olandese per la salute pubblica e l'ambiente (RIVM) utilizzando due diversi strumenti software e riportate separatamente. Queste valutazioni dell'esposizione hanno utilizzato i dati di monitoraggio raccolti dagli Stati membri nell'ambito dei loro programmi ufficiali di monitoraggio dei pesticidi nel 2014, 2015 e 2016, insieme ai dati sul consumo individuale di 10 popolazioni di consumatori di paesi e fasce di età diversi. Questo rapporto completa la caratterizzazione del rischio cumulativo, tenendo conto dei dati disponibili e delle incertezze coinvolte. Per ognuna delle 10 popolazioni, si è concluso con vari gradi di certezza che l'esposizione cumulativa ai pesticidi che hanno effetti acuti sul sistema nervoso sopra menzionato non supera la soglia normativa stabilita dai gestori del rischio

Effetti cronici sulla tiroide

La stessa metodologia di valutazione cumulativa del rischio è stata è stata condotta per gli effetti sulla tiroide, in particolare ipotiroidismo e ipertrofia delle cellule parafollicolari (C-cell), iperplasia e neoplasia. I pesticidi considerati in questa valutazione sono stati identificati e caratterizzati in un precedente rapporto scientifico sull'istituzione di gruppi di valutazione cumulativa dei pesticidi per i loro effetti sulla tiroide. Le valutazioni cumulative dell'esposizione sono state condotte attraverso la modellizzazione probabilistica dell'EFSA e dell'Istituto nazionale olandese per la salute pubblica e l'ambiente (RIVM) utilizzando due diversi strumenti software e riportate separatamente. Queste valutazioni dell'esposizione hanno utilizzato i dati di monitoraggio raccolti dagli Stati membri nell'ambito dei loro programmi ufficiali di monitoraggio dei pesticidi nel 2014, 2015 e 2016 e dati sul consumo individuale di 10 popolazioni di consumatori di paesi e fasce di età diversi. Questo rapporto completa la caratterizzazione del rischio cumulativo, tenendo conto dei dati disponibili e delle incertezze coinvolte. Per ciascuna delle 10 popolazioni, si è concluso con vari gradi di certezza che l'esposizione cumulativa ai pesticidi che hanno gli effetti cronici sulla tiroide sopra menzionati non supera la soglia per la considerazione normativa stabilita dai gestori del rischio.

 Link ai due pareri:

https://efsa.onlinelibrary.wiley.com/doi/10.2903/j.efsa.2020.6087

https://efsa.onlinelibrary.wiley.com/doi/10.2903/j.efsa.2020.6088

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/05/04 10:46:37 GMT+2 ultima modifica 2020-05-04T10:46:37+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina