Lìberati - Senza rispetto non c'è gara

Ep.1 – “Ti amo da vivere” Reti di donne contro la violenza sulle donne

l Coordinamento regionale dei centri antiviolenza riunisce i tanti centri antiviolenza regionali che accolgono, ascoltano, aiutano e spesso salvano le donne che subiscono violenza. Anna Pramstrahler, Paola Castagnotto e Rosanna Bartolini ci raccontano la storia del Centri, dalle prime pionieristiche battaglie al consolidarsi della rete con i servizi regionali e territoriali. Di come sono cambiate le donne che chiedono aiuto e come sta cambiando la cultura. E ci aiutano a capire perché ancora oggi è necessario insegnare alle persone a conoscere e desiderare la propria libertà. In sottofondo, le voci delle donne che sono uscite dalla violenza. Grazie alla rete.
30/01/2023

Ep.2 Uomini che cambiano. - Incontri e percorsi per chiudere con la violenza

Liberiamoci dalla violenza di Modena è stato il primo centro regionale ad occuparsi di uomini che maltrattano le donne. Attivato dall’Azienda USL è collocato all’interno di un Consultorio familiare del Servizio sanitario regionale.  Liberiamoci dalla violenza è anche un’incitazione a fare una scelta forte, importante. Un percorso non scontato per gli uomini, ma chi lo inizia può scoprire cosa vuol dire veramente essere uomini. Il centro nasce grazie all’impegno della dottoressa Monica Dotti, che lo progetta partendo dell’esperienza dei centri norvegesi, i primi in Europa. Dalla sua voce sentiamo come inizia questa esperienza. Alessandro Derosa, psicologo, ci parla invece del suo lavoro di ascolto degli uomini che hanno scelto di liberarsi dalla violenza. Le loro testimonianze accompagnano questo racconto.
30/01/2023

Ep 3 “Prendere parola adesso”.  Una nuova cultura per sconfiggere la violenza

Era il 2006 quando fu pubblicato un appello su alcuni quotidiani. Si intitolava "La violenza contro le donne ci riguarda: prendiamo la parola come uomini.”. Dopo una serie di femminicidi, questi uomini decisero che era il momento di interrogarsi e soprattutto di attivarsi. Cosa possiamo fare per cambiare questa situazione? Perché gli uomini sono violenti? Iniziò un percorso di autocoscienza, la mitica pratica del femminismo degli anni 60 e 70. E fu così che nacque Maschile Plurale. Con obiettivi precisi, intervenire con teorie e pratiche per un “cambio di civiltà”, fondato su una nuova qualità del rapporto tra gli uomini e le donne. La rivoluzione femminile della seconda metà del secolo scorso ha cambiato gli equilibri. Indietro non si torna. Ora spetta agli uomini fare passi avanti. Ci raccontano l’avventura e il lavoro di Maschile Plurale il presidente Professor Marco Deriu e Sandro Casanova, coordinatore su Bologna,  attivo come formatore.
30/01/2023

Azioni sul documento

ultima modifica 2023-04-03T12:14:32+02:00
Questa pagina ti è stata utile?

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina