venerdì,  11 agosto 2023

Agricoltura biologica e interventi agro climatico ambientali, circa 16,3 milioni di euro all’anno di contributi

Mammi: "Risorse alle imprese agricole per il sostegno al reddito e per azioni di innovazione in ambito biologico e per la biodiversità”

Sostegno all’agricoltura biologica e ad alcuni interventi agro climatico ambientali. La Giunta regionale ha approvato le domande relative ai bandi emanati nel dicembre scorso, come complemento del Programma di Sviluppo Rurale 2023-27 della Regione Emilia-Romagna, in applicazione del Piano strategico della Pac approvato dalla Commissione europea. 

Sono 2.620 le domande di sostegno finanziate per adottare e mantenere pratiche e metodi di produzione biologica, con la concessione dell’Area agricoltura sostenibile, che in tutta la regione riguarda una richiesta per oltre 14,7 milioni di euro annui e una superficie totale di oltre 68.600 ettari. Quest’area, attestandosi a oltre il 19% della Superficie agricola utile (Sau) dell’Emilia-Romagna, rappresenta un’ulteriore progressione verso l’obiettivo prefissato dall’Unione europea di avere il 25% della Sau regionale a produzione biologica entro il 2030.

Per quanto riguarda la conversione dei seminativi in prati e pascoli, sono state ammesse 14 domande finanziate per circa 25,2 mila euro annui e per oltre 100 ettari di superficie agricola utile. Mentre per l’intervento “Allevatori custodi dell'agrobiodiversità” sono state finanziate 92 richieste per 245.800 euro annui e per un totale di 1.229 unità di bestiame adulto. Gli allevatori che accedono a questi finanziamenti si impegnano a favorire la tutela e la valorizzazione della biodiversità animale e vegetale, e operano per la conservazione delle risorse genetiche delle razze animali autoctone, meno produttive rispetto ad altre razze e destinate a essere abbandonate se non si garantisce a questi allevatori un adeguato livello di reddito e il mantenimento di un modello di agricoltura sostenibile.

Per alcuni altri interventi agro-clima-ambientali (quali promozione impiego sostanza organica, gestione reflui, lavorazioni ridotte del suolo e riduzione deriva fitofarmaci) sono state predisposte graduatorie condizionate alla modifica del Piano Strategico della Pac. Tali graduatorie verranno confermate entro il prossimo autunno.

Infine, sono ancora in corso le istruttorie di ammissibilità delle domande di sostegno relative alle produzioni integrate e ad altre azioni di riduzione dell’impatto dell’uso di prodotti fitosanitari.

Il biologico in Emilia-Romagna

Gli operatori del biologico in Emilia-Romagna a fine 2022 erano circa 7.300, 6.000 produttori e 1.300 imprese di trasformazione, per una superficie che raggiunge circa i 200mila ettari e rappresenta il 19.2% della Sau regionale. Le dimensioni delle imprese bio sono in costante aumento, un fattore importante per mantenere competitività sui mercati.

Dal 2014 tramite il Programma di Sviluppo Rurale la Regione ha messo a disposizione delle imprese agricole emiliano romagnole per la conversione e il mantenimento del biologico oltre 190 milioni di euro, con una crescita di bio dal 2014 del +123%. Nel nuovo complemento di Sviluppo Rurale 2023- 2027 sono a disposizione 188 milioni di euro.

Azioni sul documento

ultima modifica 2023-08-11T14:06:26+01:00
Questa pagina ti è stata utile?

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina