La Regione e la sua storia

V Legislatura

1990 - 1995

Le istituzioni contro la criminalità

6 dicembre 1990: il disastro dell'Istituto SalveminiSi vota il 6 maggio del 1990. Enrico Boselli viene eletto presidente della Giunta regionale il 18 luglio. Il 6 dicembre, in seguito all'approvazione del Parlamento della legge 6 novembre 1990, (n° 336) entra in vigore il secondo Statuto della Regione.

Quello stesso giorno, in mattinata, un aereo militare si schianta sull'Istituto Salveminidi Casalecchio di Reno. Il bilancio è 12 studenti morti e 72 feriti. Nel pomeriggio il Consiglio regionale si riunisce per esprimere il suo unanime cordoglio.

Appena un mese dopo, la notte del 4 gennaio 1991, al Pilastro di Bologna sono assassinati tre carabinieri. In seguito si scoprirà che erano stati trucidati dalla "Banda della Uno Bianca" che in quegli anni si macchiò di efferati crimini in Emilia-Romagna. L'8 gennaio il Consiglio Regionale si riunì in seduta straordinaria alla presenza del presidente della Repubblica, Francesco Cossiga, del presidente del Senato, Giovanni Spadolini e della presidente della Camera, Nilde Jotti.

L'attività legislativa di quei mesi si segnala per la "Disciplina delle attività estrattive". In sostanza si mette in moto la pianificazione che ha lo scopo di far rispettare le compatibilità ambientali e paesaggistiche di pari passo con la promozione dell'innovazione tecnologica del settore, per un corretto utilizzo dei materiali.

 

Il comitato per i servizi radio-tv

Nel gennaio del 1992 sono approvate le norme per il funzionamento del Comitato regionale per i servizi radiotelevisivi.
In agosto vengono attivate varie iniziative di solidarietà a favore degli sfollati delle Repubbliche nei territori dell'ex Jugoslavia, in particolare l'attenzione è per Croazia e Slovenia e vengono stanziati 400 milioni per "l'accoglienza e l'assistenza ai rifugiatisul proprio territorio".
Nel mese di ottobre vengono redatte, in attuazione dell'articolo cinque dello Statuto, le norme per l'attività di comunicazione della Regione e per il sostegno del sistema dell'informazioneoperante in Emilia-Romagna. Con tale provvedimento la Regione intende mettere in campo un sistema che dia informazioni non solo sulle proprie attività ma anche degli Enti e delle aziende da essa istituiti al fine "di assicurare un'effettiva partecipazione della comunità regionalealla formazione e attuazione delle scelte programmatiche, legislative e amministrative".

 

La protezione dei consumatori

A fine anno una legge fissa le norme per la tutela dei consumatori e degli utenti. Con ciò si vuole assicurare una protezione efficace contro i pericoli per la salute e la sicurezza dei cittadini e contro i rischi che possono nuocere agli interessi economici dei consumatori.
 
In seguito alle dimissioni di Enrico Boselli, il 6 luglio 1993 Pier Luigi Bersani diventa il nuovo presidentedella Regione. Verso la fine di questa legislatura si possono annotare la liquidazione della "Sivalco" che si trasforma nel Consorzio "Azienda speciale Valli di Comacchio" di cui la Regione possiede il 90%, la disciplina relativa allo smaltimento dei rifiuti a tutela della salute, la ricerca delle migliori garanzie di protezione dell'ambiente, l'assistenza domiciliare per i pazienti terminali.

Azioni sul documento

pubblicato il 2016/05/13 08:40:00 GMT+1 ultima modifica 2018-01-22T10:14:55+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina