Delegazione presso l'UE: Europass

The European Union One Health 2018 Zoonoses Report

Data di pubblicazione: 12/12/2019

Ambito sintetico:Report Scientifico – Malattie Zoonotiche
Sintesi a cura dell'Università di Parma:

Report Europeo “One Health 2018” sulle zoonosi

La presente relazione dell'Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA) e il Centro Europeo per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie presenta i risultati delle attività di monitoraggio delle zoonosi svolte nel 2018 in 36 paesi europei (28 Stati membri (SM) e 8 Stati non membri SNM). La prima e la seconda zoonosi più comunemente riportate nell'uomo sono state la campilobatteriosi e la salmonellosi, rispettivamente. La tendenza dell'Unione europea (UE) per i casi umani confermati di queste due malattie è rimasta stabile nel periodo 2014-2018. La percentuale di casi di salmonellosi umana dovuta a Salmonella Enteritidis era allo stesso livello nel 2018 rispetto al 2017. Dei 27 Stati membri segnalanti, 16 hanno raggiunto tutti gli obiettivi di riduzione della Salmonella per il pollame, mentre 11 Stati membri non sono riusciti a raggiungerne almeno uno. Negli ultimi anni la prevalenza dell'UE di serovar target di Salmonella nelle galline da riproduzione, nelle galline ovaiole, nei polli da carne e nei tacchini da ingrasso è diminuita, ma si è bloccata nei tacchini da riproduzione. I risultati relativi a Salmonella delle autorità competenti per le carcasse di suino e per il pollame testati attraverso i programmi di controllo nazionali sono risultati più frequentemente positivi rispetto agli operatori del settore alimentare. Le infezioni da Escherichia coli produttori di tossine Shiga (STEC) nell'uomo sono state la terza zoonosi più comunemente segnalata nell'UE e sono aumentate dal 2014 al 2018. La yersiniosi è stata la quarta zoonosi più frequentemente segnalata nell'uomo nel 2018 con una tendenza stabile nel 2014-2018. Il numero di casi di listeriosi confermati segnalati è ulteriormente aumentato nel 2018, nonostante Listeria raramente superi il limite di sicurezza alimentare dell'UE testato negli alimenti pronti. In totale, sono stati segnalati 5.146 focolai di origine alimentare e idrica. La Salmonella è stata l'agente più comunemente rilevato con S. Enteritidis agente causale di un focolaio su cinque. La Salmonella nelle uova e nei prodotti a base di uova ha rappresentato la coppia agente/alimento a maggior rischio. Nel 2018 è stato segnalato un forte aumento delle infezioni da virus del Nilo occidentale (West Nile virus) nell'uomo. Il rapporto fornisce ulteriori aggiornamenti su tubercolosi bovina, Brucella, Trichinella, Echinococcus, Toxoplasma, rabbia, Coxiella burnetii (febbre Q) e tularemia.

Link: https://efsa.onlinelibrary.wiley.com/doi/epdf/10.2903/j.efsa.2019.5926

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/12/16 19:38:45 GMT+2 ultima modifica 2019-12-16T19:38:45+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina