Delegazione presso l'UE: Europass

Safety evaluation of the food enzyme 4‐α‐glucanotransferase from Aeribacillus pallidus (strain AE‐SAS)

Data di pubblicazione: 08/03/2019

Ambito sintetico: Valutazione della sicurezza di additivi alimentari

Sintesi a cura dell'Università di Parma:

Valutazione della sicurezza dell'enzima alimentare 4-α-glucanotransferasi da Aeribacillus pallidus (ceppo AE-SAS)

L'enzima alimentare 4-α-glucanotransferasi (1,4-α-d-glucano: 1,4-α-d-glucano 4-α-d-glicosiltransferasi, CE 2.4.1.25) è prodotto usando una specie di Aeribacillus non geneticamente modificato, il quale ceppo è conosciuto come pallidus (precedentemente identificato come Geobacillus pallidus) e distribuito da Amano Enzyme Inc. L'enzima alimentare è destinato ad essere utilizzato nei processi di cottura e nella lavorazione dell'amido per la produzione di destrine modificate. Per i processi di cottura, in base ai livelli massimi di utilizzo raccomandati ed ai singoli risultati consultabili dalla banca dati alimentare europea dell'EFSA, l'esposizione alimentare all'enzima, espressa come Solidi Organici Totali (SOT), è stata stimata fino a 0,050 mg TOS/kg di peso corporeo (PC) al giorno. La valutazione dell'esposizione per le destrine modificate non è stata considerata necessaria. I test di genotossicità, comunque, non hanno sollevato problemi di sicurezza. La tossicità sistemica è stata valutata mediante uno studio di tossicità orale durato 90 giorn,i applicando dosi ripetute in ratti. Da questo studio, il gruppo di esperti scientifici ha identificato un livello di effetti avversi non osservati (NOAEL) di almeno 900 mg TOS/kg di peso corporeo al giorno, definita perciò come la dose più elevata testata. Una ulteriore ricerca è stata fatta per la somiglianza della sequenza aminoacidica dell'enzima alimentare con quella di alcuni noti allergeni. In una partita/lotto infatti è stato ritrovato un conosciuto allergene che agisce a livello dell’apparato respiratorio, una α-amilasi. Il gruppo di esperti scientifici ha ritenuto che una reazione allergica dovuta all'ingestione di 4-α-glucanotransferasi prodotta da A. pallidus AE-SAS in soggetti in cui l’apparato respiratorio viene sensibilizzato dall’ α-amilasi non può essere esclusa, ma la probabilità è considerata bassa. Nel complesso, il gruppo di esperti ha concluso che, nelle condizioni d'uso previste ed in base ai dati forniti, questo enzima alimentare non dà adito a problemi di sicurezza.

Link: http://www.efsa.europa.eu/en/efsajournal/pub/5628

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/03/08 14:15:00 GMT+1 ultima modifica 2019-06-07T16:35:55+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina