Delegazione presso l'UE: Europass

Climate change as a driver of emerging risks for food and feed safety, plant, animal health and nutritional quality

Data di pubblicazione: 25/06/2020
Ambito sintetico: Report Tecnico, Ambiente

Sintesi a cura dell'Università di Parma:

I cambiamenti climatici come fattore di rischio emergente per la sicurezza di alimenti e mangimi, la salute delle piante, degli animali e la qualità nutrizionale

Il cambiamento climatico costituisce un fattore rilevante tra i rischi emergenti. Mentre un'ampia gamma di studi e relazioni lungimiranti ha esaminato l'impatto dei cambiamenti climatici sulla sicurezza alimentare, le sfide future per la sicurezza di alimenti e mangimi, la salute delle piante e degli animali e la qualità nutrizionale non sono esaminate in modo approfondito.

Una serie di cambiamenti complessi e interconnessi potrebbe mettere a dura prova il sistema alimentare europeo. Questi includono la crescita della popolazione, la globalizzazione, i cambiamenti climatici, la scarsità di risorse ed energia, la diminuzione della produttività agricola, la volatilità dei prezzi, la modifica delle tendenze alimentari, le nuove tecnologie e l'emergere di resistenza antimicrobica. Pertanto, la sicurezza degli alimenti e dei mangimi, la salute delle piante e degli animali e la qualità nutrizionale non possono essere considerate come garantite. È necessario intraprendere attività per garantire un’adeguata preparazione alle future sfide della sicurezza alimentare e della valutazione del rischio.

Un requisito chiave per garantire la sicurezza futura di alimenti e mangimi è un approccio olistico, che valuti i principali fattori di cambiamento nel sistema alimentare, per supportare l'identificazione dei rischi emergenti. Ciò consentirebbe l'anticipazione a lungo termine delle future sfide in materia di sicurezza alimentare e le esigenze di valutazione del rischio (dati coerenti, conoscenze, metodologie di valutazione del rischio) e persino la prevenzione di problemi di sicurezza. Il cambiamento climatico costituisce un fattore rilevante per i rischi emergenti per la sicurezza di alimenti e mangimi, la salute di piante e animali (comprese le specie terrestri e acquatiche) e la qualità nutrizionale degli alimenti.

Il progetto CLEFSA ( CLimate change  and Emerging risks  for Food  SAfety, cambiamento climatico e rischi emergenti per la sicurezza alimentare) mira a sviluppare e testare nuove metodologie per l'identificazione, la caratterizzazione e l'analisi dei rischi emergenti legati al cambiamento climatico. Questo è un compito impegnativo, dato il numero e la diversità dei pericoli da considerare e le grandi incertezze coinvolte. Il progetto fornisce un elenco di problematiche/ rischi emergenti potenzialmente collegati ai cambiamenti climatici e caratterizza tali problematiche/ rischi in termini di impatto potenziale, probabilità di emergere, altri criteri qualificanti, indicatori degli effetti dei cambiamenti climatici e delle incertezze associate.

Sebbene gli effetti previsti dei cambiamenti climatici sulla sicurezza alimentare siano ben documentati, permangono numerose lacune nella comprensione di come i cambiamenti climatici possano influire sulla sicurezza alimentare. La presente relazione non si sforza affatto di essere pienamente completa su questo aspetto. Piuttosto che fornire informazioni approfondite su singoli problemi, tenta di illustrare il quadro più ampio, proponendo possibili soluzioni per identificare problemi pertinenti e rilevanti partendo da deboli segnali, incompleti e caratterizzati da elevata incertezza.

Il progetto CLEFSA ha esplorato la possibilità di (a) utilizzare il fattore specifico, il cambiamento climatico, per l'anticipazione a lungo termine di molteplici rischi emergenti, utilizzando scenari di cambiamento climatico; (b) utilizzare l’approccio della scansione dell'orizzonte e il lo sviluppo collettivo per raccogliere una vasta gamma di segnali da una varietà di fonti di informazione; (c) utilizzare una rete di conoscenze di esperti di organizzazioni internazionali nell'Unione europea e nelle Nazioni Unite; (d) progettare uno strumento di analisi delle decisioni multi-criterio (MCDA) per caratterizzare i segnali attraverso un processo partecipativo, in cui le conoscenze degli esperti sono utilizzate per identificare le questioni rilevanti da informazioni vaste e spesso incomplete; e (e) sviluppare metodologie e indicatori per l'analisi e la visualizzazione delle informazioni raccolte durante la caratterizzazione e per affrontare l'incertezza in un contesto ancora povero di dati.

È stata creata una rete interdisciplinare CLEFSA, costituita da esperti di organizzazioni intergovernative internazionali e coordinatori di grandi progetti UE coinvolti nel cambiamento climatico. Il compito di questa rete è supportare l'identificazione di problemi emergenti, progettare lo strumento MCDA a fini di caratterizzazione e supportare la costruzione del gruppo di caratterizzazione. I criteri per identificare i problemi emergenti potenzialmente interessati dai cambiamenti climatici sono stati definiti sulla base di quelli utilizzati nel processo di identificazione dei rischi emergenti dell'EFSA e adattati allo specifico fattore di rischio in analisi. È stato lanciato un sondaggio per raccogliere una vasta gamma di contesti potenzialmente colpiti dai cambiamenti climatici, includendo segnali deboli, in tutte le aree di EFSA. Più di 600 persone hanno preso parte al sondaggio, portando alla luce oltre 240 problematiche. Le questioni identificate nel sondaggio sono state integrate dalla ricerca in letteratura, utilizzando strumenti di ricerca online sviluppati da altre istituzioni dell'UE, le reti dell'EFSA per i rischi emergenti (Rete di scambio di rischi emergenti, EREN) e altre informazioni risultanti dall’attività di EFSA in merito all’argomento. I problemi identificati sono stati filtrati e raggruppati in base a criteri specifici. L'elenco può essere visualizzato e revisionato sulla base di conoscenze aggiornate e nuovi rischi emergenti. La procedura adottata per identificare i problemi/rischi emergenti garantisce una pronta adattabilità ai cambiamenti nelle conoscenze scientifiche.

Nelle situazioni povere di dati, come nel caso deirischi emergenti, le decisioni dipendono in gran parte dal giudizio degli esperti e quindi è in queste situazioni che spesso vale la pena utilizzare i migliori metodi per rappresentare ed esprimere giudizi di esperti. E’ stato definito in modo partecipativo con gli esperti della rete CLEFSA un approccio multi-criterio per caratterizzare le problematiche identificate e potenzialmente supportare il processo decisionale. Due di questi approcci, impatto e probabilità di emergenza, sono associati a un sistema di punteggio. Gli altri otto criteri forniscono informazioni utili per decidere quale tipo di follow-up è adatto e da chi vada eseguito (valutatori del rischio, gestori del rischio, ricercatori, ecc.). Tutti questi criteri sono stati definiti nella misura del possibile, in considerazione della diversa natura delle aree e delle problematiche per le quali sono stati progettati per essere applicati e delle conoscenze limitate disponibili sulle problematiche identificate.

Gli scenari di cambiamento climatico sono stati redatti sulla base dell’archivio dati climatici fornito dalla piattaforma Copernicus C3S implementata dal Centro Europeo per le previsioni meteorologiche a medio termine (European  Centre  for  Medium-Range  Weather  Forecasts , ECMWF) per conto della Commissione Europea. Questi dati sono stati utilizzati per caratterizzare i problemi emergenti identificati rispetto all'insieme di criteri stabilito. E’ stata progettata anche un’app CLEFSA, codificata in linguaggio di programmazione R e lanciata sul server Open Analytics. L'app ha lo scopo di strutturare l'esercizio di caratterizzazione e facilitare la seguente analisi statistica e visualizzazione dei risultati. La caratterizzazione è stata eseguita da un gruppo di 60 esperti identificati dalla rete CLEFSA, dal pannello EFSA correlato e dai gruppi di lavoro, basandosi sui criteri sopra menzionati. L'obiettivo della caratterizzazione è identificare, sulla base delle conoscenze e delle competenze degli esperti, i problemi rilevanti derivanti dalle informazioni vaste e spesso incomplete recuperate nel sondaggio. È stato creato uno strumento per l'analisi e la visualizzazione dei risultati della caratterizzazione per le diverse problematiche nel campo dell'impatto/della probabilità, che include una valutazione dell'incertezza cumulativa (= livello di confidenza degli esperti + diffusione dei punteggi tra i diversi esperti). Questo strumento costituisce un banco di prova per testare metodologie di visualizzazione innovative.

Il progetto CLEFSA ha caratterizzato e analizzato statisticamente oltre 100 problematiche emergenti in termini di sicurezza degli alimenti e dei mangimi, salute delle piante e degli animali e qualità nutrizionale. Alcuni di essi sono stati caratterizzati per il loro impatto sulla salute umana e animale. L'analisi indica che i cambiamenti climatici possono aumentare la gravità, la durata e/o la frequenza dei potenziali effetti del pericolo considerato nei problemi identificati. Tuttavia, l’effetto più pronunciato sembra insistere sulla probabilità di emergere dei rischi. È difficile trarre una conclusione generale applicabile a tutte le aree di EFSA. Focalizzandosi sui parametri caratterizzati da un maggiore livello di confidenza, ovvero la probabilità che un rischio emerga, la maggior parte delle aree di interesse di EFSA comprendono delle fattispecie distribuite lungo tutti gli intervalli. Tuttavia, nello scenario dei cambiamenti climatici, la salute delle piante mostra una convergenza di problematiche ai massimi livelli di probabilità di emergenza, seguita da problemi di contaminazione (all'interno di questo gruppo, le biotossine marine mostrano la più alta probabilità di emergenza). Tuttavia, questo potrebbe piuttosto essere un riflesso dello stato attuale delle conoscenze piuttosto che una rappresentazione obiettiva del rischio comparato.

Lo sviluppo collettivo di progetti e la caratterizzazione dei pareri degli esperti sono stati utilizzati per ampliare la portata dell'esercizio a diverse aree e catturare possibili interconnessioni attraverso di esse. La limitata disponibilità di evidenze conferisce elevata incertezza e ampie descrizioni per ogni singolo problema. L'ampia varietà di questioni identificate e caratterizzate in questo rapporto sottolinea la necessità che i responsabili delle politiche e gli altri attori rilevanti nel sistema alimentare prendano in considerazione l'adeguamento della sorveglianza e del monitoraggio per prepararsi ai rischi emergenti causati dai cambiamenti climatici. Le considerazioni sui cambiamenti climatici possono influire sulla valutazione dei rischi per la salute umana, vegetale, animale e ambientale. Pertanto, affinché la valutazione del rischio rimanga pertinente, è necessario tenere conto dei cambiamenti climatici. Gli approcci olistici per affrontare molteplici fattori di stress, compresi i cambiamenti climatici, dovrebbero essere sempre più esplorati nell'area della sicurezza di alimenti e mangimi.  Nelle valutazioni del rischio condotte da EFSA, gli scenari legati ai cambiamenti climatici potrebbero essere presi in considerazione nella fase di formulazione del problema e nella caratterizzazione del pericolo, valutando le tendenze di prevalenza o incidenza e identificandone la persistenza e la distribuzione nell’ambiente.

Il cambiamento climatico ha il potenziale di causare, aumentare o modificare l'insorgenza e l'intensità di alcune malattie di origine alimentare e l’insediamento di specie esotiche invasive dannose per la salute delle piante e degli animali. Ha un impatto sulla presenza, intensità e tossicità delle fioriture di alghe e batteri marini e d'acqua dolce potenzialmente tossici, sull’incidenza e sulla persistenza di vari parassiti, funghi, virus, vettori e specie invasive, dannosi per la salute delle piante e degli animali. È probabile che il cambiamento climatico porti alla (ri)emersione di nuovi pericoli, aumenti l'esposizione o la suscettibilità ai pericoli noti e cambi i livelli di micronutrienti e macronutrienti negli alimenti e nei mangimi. Per la natura stessa della sfida, questo elenco è inevitabilmente incompleto e senza dubbio sorprese impreviste ci attendono in futuro.

Per approfondimenti (pagina in Italiano)

https://www.efsa.europa.eu/it/topics/topic/climate-change-and-food-safety

Link: https://efsa.onlinelibrary.wiley.com/doi/epdf/10.2903/sp.efsa.2020.EN-1881

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/06/29 11:31:12 GMT+1 ultima modifica 2020-06-29T11:31:12+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina