Delegazione presso l'UE: Europass

Calcium l‐methylfolate as a source of folate added for nutritional purposes to infant and follow‐on formula, baby food and processed cereal‐based food.

Data di pubblicazione: 17/01/2020

Ambito sintetico: Nutrizione ed additivi
Sintesi a cura dell'Università di Parma:

L-metilfolato di calcio come fonte di folato aggiunto a fini nutrizionali a formule per neonati e formule di proseguimento, alimenti per bambini e alimenti a base di cereali trasformati.

A seguito di una richiesta della Commissione Europea (CE), al gruppo di esperti scientifici sulla nutrizione, sui nuovi alimenti e allergeni alimentari (NDA) dell'EFSA è stato chiesto di esprimere un parere scientifico sull'estensione dell'uso del L-metilfolato di calcio da utilizzare come fonte di folato aggiunto per l'alimentazione di lattanti, formule di proseguimento, alimenti per l'infanzia e alimenti a base di cereali trasformati a norma del regolamento (UE) n. 609/2013. Nel 2004 l'EFSA ha valutato l'uso del L-metilfolato di calcio come fonte di folati negli alimenti per particolari usi nutrizionali, integratori alimentari e alimenti destinati alla popolazione generale. Il nuovo processo per la produzione di un alternativo al più conosciuto folato, usa platino come materiale catalizzatore, e non ha sollevato alcun problema di sicurezza. Inoltre, il suddetto processo ha una resa costante che porta ad un prodotto in linea con le specifiche proposte. Sulla base degli studi valutati nella valutazione precedente, si è concluso che il L-metilfolato di calcio non è genotossico e che gli studi subcronici e di embriotossicità/teratogenicità, portati a termine in ratti, non hanno rivelato effetti avversi, fino alle dosi più elevate testate. Il gruppo di esperti scientifici ha ritenuto, perciò, che ulteriori studi tossicologici sulla fonte nutritiva non siano necessari. Lo studio di intervento su neonati sani, fornito in prima istanza dal richiedente, non ha indicato differenze nei parametri di crescita e di tolleranza nei neonati che hanno consumato una formula per neonati integrata con il L-metilfolato di calcio o con acido folico; per cui non ha sollevato preoccupazioni in merito alla sicurezza o alla tollerabilità della categoria dei neonati. Lo studio ha inoltre fornito ulteriori prove a sostegno della biodisponibilità del L-metilfolato di calcio. Il gruppo di esperti scientifici ritiene che l L-metilfolato di calcio sia una fonte da cui l’acido folico è biodisponibile e conclude che perciò è sicuro seguendo gli usi proposti ed i livelli d'uso corrispondenti per neonati e bambini piccoli.

Link: https://www.efsa.europa.eu/it/efsajournal/pub/5947

 

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/01/17 12:05:00 GMT+1 ultima modifica 2020-01-22T12:06:03+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina