Sicurezza nei luoghi di lavoro

Sentenze penali della Corte di Cassazione in materia di sanità e sicurezza sui luoghi di lavoro

Un approfondimento specifico sulle sentenze emesse tra il 2015 e il 2019 rimarca l’importanza del settore delle costruzioni

Una indagine condotta nel 2020 ha esaminato l’insieme delle sentenze emesse dalla Suprema Corte di Cassazione per il quinquennio 2015-2019, con l’obiettivo di comprendere il rilievo statistico che possiede questa materia e il peso relativo che vi assume il settore delle costruzioni.

Grazie al lemma “Legge sulla sicurezza del lavoro” sono state dapprima individuate 1.589 sentenze tra le oltre 150mila accessibili tramite la base dati Sentenzeweb (1,04% del totale) e queste sono state successivamente sottoposte a progressivi livelli di analisi: standard, di congruenza, tematica.

La ricerca è stata condotta prendendo visione di ogni singola sentenza e ha portato a escluderne 336 in quanto non rilevanti ai fini della sicurezza sui luoghi di lavoro, a classificarne 551 come concernenti i cantieri e l’edilizia e 702 ad altre fattispecie.  Col 44% delle sentenze pertinenti, le costruzioni si confermano il principale settore produttivo considerato da tali provvedimenti e, fra queste, quasi un terzo sono state schedate nella base dati consultabile alla pagina dedicata

Nel testo, oltre al dettaglio delle sentenze esaminate per singole annualità e Sezione della Corte di Cassazione, vengono presentate anche le principali casistiche di esclusione.

Per approfondire:

Focus sulle Sentenze penali della Corte di Cassazione in materia di sanità e sicurezza sui luoghi di lavoro, con particolare riferimento al settore delle costruzioni – anni 2015/2019, gennaio 2021 (pdf2.87 MB)

Azioni sul documento

pubblicato il 2021/02/01 16:35:00 GMT+2 ultima modifica 2021-02-01T16:37:05+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina