Sezioni

Sicurezza nei luoghi di lavoro

Guida operativa per l’utilizzo del criterio di aggiudicazione dell’offerta economicamente più vantaggiosa negli appalti di lavori pubblici di sola esecuzione

 

24 gennaio 2013

 

Committente: -

Autori: ITACA (Istituto per l’innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale).

 Curatori: Gruppo di lavoro coordinato dall’Osservatorio regionale sui contratti pubblici della Regione Toscana e costituito da: Ivana Malvaso, Annarosa Pisaturo, Annalisa Magherini e Maria Luisa Stegagnini in rappresentanza dell'Osservatorio Regionale sui Contratti Pubblici della Regione Toscana e i rappresentanti designati da ANCI, ANCE Toscana (Stefano Varia e Riccardo Gaddi) e da SITEB (Mauro Ciani).

 Riferimento al territorio dell’Emilia-Romagna: No

Riferimento al settore costruzioni:

Target principale: Pubbliche amministrazioni e operatori economici interessati agli appalti pubblici di lavori.

 

Contenuti principali:

La guida, avente ad oggetto il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, rappresenta un valido supporto alle stazioni appaltanti nella delicata gestione degli affidamenti di appalti di lavori pubblici per la sola esecuzione. Con l’applicazione di tale criterio, che comporta una certa complessità tecnica nella gestione della procedura, l’amministrazione aggiudicatrice ha maggiore possibilità di rispondere più appropriatamente ai bisogni espressi dalla collettività pubblica su esigenze di tipo economico, ambientale, sociale, attivando un più efficace contrasto a fenomeni d’infiltrazione della criminalità organizzata e del lavoro nero e garantendo, in maniera trasparente, una maggiore competizione tra gli operatori economici. La guida fornisce un contributo di tipo pratico sia per la fase di impostazione della procedura che per la fase di esecuzione del contratto attraverso suggerimenti per la stesura della documentazione di gara e dello stesso contratto.

Il documento si articola in tre diverse Parti. La Parte I introduce i principali aspetti del criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa mettendo in luce i vantaggi rispetto al criterio del prezzo. Nella Parte II sono evidenziati i passaggi più complessi che comporta la sua adozione in tutte le fasi delle procedure di gara, in particolare nella richiesta di migliorie progettuali in offerta, nella  definizione delle “Griglie di valutazione” delle offerte con particolare attenzione al controllo, ad opera della stazione appaltante, della messa in atto da parte dell’esecutore delle migliorie proposte in offerta tecnica. La Parte III si focalizza nella descrizione dei metodi per l’attribuzione dei punteggi in sede di valutazione delle offerte.

Azioni sul documento

pubblicato il 2014/02/07 11:41:35 GMT+2 ultima modifica 2014-02-07T12:41:00+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?