Delegazione presso l'UE: Europass

Re-evaluation of phosphoric acid–phosphates – di-, tri- and polyphosphates (E 338–341, E 343, E 450–452) as food additives and the safety of proposed extension of use.

Data di pubblicazione: 12/06/2019

Ambito sintetico: Ingredienti alimentari

Sintesi a cura dell'Università di Parma:

Rivalutazione di fosfati di acido fosforico - di-, tri- e polifosfati (E 338-341, E 343, E 450-452) come additivi alimentari e sicurezza dell'estensione d'uso proposta

Il gruppo di esperti scientifici sugli additivi alimentari e gli aromi aggiunti agli alimenti (FAF) ha fornito un parere scientifico per rivalutare la sicurezza dei fosfati (E 338-341, E 343, E 450-452) come additivi alimentari. I fosfati sono additivi autorizzati nell'Unione Europea conformemente a quanto riportato negli allegati II e III del regolamento (CE) n. 1333/2008. L’esposizione ai fosfati, è stato stimato, attraverso la dieta varia da 251 mg P (fosfato) / persona al giorno, nei neonat,i a 1,625 mg P / persona al giorno per gli adulti (bassa esposizione) e da 331 mg P / persona al giorno nei neonati a 2.728 mg P / persona al giorno per gli adulti (alta esposizione, 95° percentile). Il fosfato è un elemento essenziale per tutti gli organismi viventi, viene assorbito all'80-90% come ortofosfato libero ed escreto attraverso il rene. Il gruppo di esperti scientifici ha ritenuto che i fosfati posseggano una bassa tossicità orale acuta e non vi è alcuna preoccupazione in merito alla loro genotossicità e cancerogenicità. Nemmeno durante lo sviluppo sono stati riportati effetti tossici. Il Pannel ha derivato un gruppo di assunzione giornaliera ammissibile (DGA) per i fosfati, espressi come P, di 40 mg / kg peso corporeo per giorno e ha concluso che questa DGA è protettiva per la popolazione umana. Il gruppo di esperti ha inoltre osservato che nello scenario di esposizione stimato in base alle stime precedentemente riportate, è stata superata la DGA proposta per neonati, bambini piccoli ed adolescenti. Il gruppo di esperti scientifici ha inoltre osservato che l'esposizione aggiuntiva ai fosfati causata dall’assunzione di integratori porta a superare la DGA proposta. Il gruppo di esperti scientifici infine, ha concluso che i dati disponibili non hanno dato origine a problemi di sicurezza in bambini al di sotto delle 16 settimane che consumano formule già preparate.

Link: https://www.efsa.europa.eu/en/efsajournal/pub/5674

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/06/12 15:50:00 GMT+2 ultima modifica 2019-06-25T18:01:17+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina