Il bando per il sostegno umanitario

600mila euro sono destinati a progetti che intervengano sui bisogni di sostegno umanitario, sanitario e psicologico di donne, anziani, disabili e bambini sfollati in Ucraina o in transito nelle principali città ucraine verso i confini per fuggire. Il nuovo bando, che scade il 9 maggio, è rivolto alle Ong, associazioni del Terzo Settore e agli Enti locali che presenteranno progetti per profughi e sfollati interni ucraini.

In particolare, i progetti possono riguardare il supporto ai centri di accoglienza locali attraverso la fornitura di prodotti alimentari e non alimentari di prima emergenza, la prestazione di servizi medici di emergenza, fornitura di medicinali, materiale e attrezzature sanitarie.

E ancora, attività e servizi di sostegno psicosociale e orientamento legale per le persone vulnerabili, rifugiati e sfollati interni, a partire dalle donne e dai bambini; la messa a disposizione di strutture ricettive o alloggi per gli sfollati che intendono restare all’interno dei confini ucraini (servizi di accoglienza, mensa, alloggio, strutture e abitazioni private); il supporto logistico ai trasporti, in condizioni di sicurezza, delle persone da Ucraina  ai paesi dell’Unione Europea o confinanti con il paese, ad eccezione di Russia e Bielorussia; il sostegno ai trasporti di beni e aiuti umanitari dai paesi confinanti con l’Ucraina, per sopperire alla scarsa disponibilità interna.

E infine, attività di supporto scolastico a favore dei bambini accolti, da realizzare sia in presenza che da remoto, nonché attività ludico- ricreative per mitigare gli effetti drammatici della guerra e della fuga.

Azioni sul documento

pubblicato il 2022/05/03 13:51:14 GMT+2 ultima modifica 2022-05-03T13:51:14+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina