martedì,  14 giugno 2022

New York dopo la Silicon Valley, l’Emilia-Romagna rafforza il ponte dell’innovazione con gli Usa: decisiva la collaborazione fra atenei e imprese

Prosegue la missione regionale: gli incontri con il Console generale e Ice, all’Italian Academic Center e con Era, il più grande acceleratore di start up newyorkese

Dopo la Silicon Valley, New York. L’Emilia-Romagna rafforza il ponte dell’innovazione verso gli Stati Uniti guardando alla grande metropoli americana, ormai la seconda area più avanzata dal punto di vista del digitale dell’alta tecnologia dopo quella californiana, dove la Regione arrivò per prima nel 2015 aprendo il presidio che tuttora assiste start up e imprese innovative emiliano-romagnole in California.

Il rafforzamento delle relazioni e l’apertura di nuove opportunità a New York nel campo della ricerca e dello sviluppo e a favore del sistema socio-produttivo regionale, così come dell’attrattività di investimenti in Emilia-Romagna, sono stati i temi al centro dell’incontro che la delegazione regionale guidata dal presidente della Regione, in questi giorni in missione istituzionale negli Usa, ha avuto ieri al Consolato generale italiano con il console Fabrizio Di Michele, i vertici di Ice, il presidente Carlo Ferro e il direttore per il Nord America, Antonio Laspina.

Il console Di Michele ha sottolineato come per poter operare negli Stati Uniti siano strategici la cooperazione fra università e il rapporto di queste con le imprese su ricerca e trasferimento delle conoscenze, ciò su cui l’Emilia-Romagna ha puntato di più con le sue reti regionali Tecnopoli, Alta Tecnologia e Alta Formazione, oltre ai ClustER attivi in tutti i comparti. Organismi dove sistema produttivo e università collaborano in maniera strutturale.

Azioni sul documento

pubblicato il 2022/06/14 13:40:00 GMT+2 ultima modifica 2022-06-14T15:25:32+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina