Semplificazione

Obiettivi e risultati

L'impegno della Regione Emilia-Romagna nelle attività di semplificazione: dal 2005 a oggi, attraverso il decisivo passaggio alla legge regionale 18/2011.

La legge regionale di semplificazione 18/2011 - Misure per l'attuazione degli obiettivi di semplificazione del sistema amministrativo regionale e locale. Istituzione della Sessione di semplificazione - è stato l’approdo di un percorso che, in tema di semplificazione, la Regione ha intrapreso già con la revisione statutaria del 2005.

Norma: Legge regionale di semplificazione 18/2011

Approfondimento: Regione che semplifica

Oltre ad introdurre nel sistema regionale e degli enti locali alcune specifiche misure di semplificazione immediatamente produttive per cittadini e imprese, la legge regionale 18/2011 ha istituito un nuovo metodo di lavoro per affrontare le svariate e trasversali attività di semplificazione. Capisaldi di questo metodo sono il sistema degli accordi con gli enti locali, la consultazione delle parti sociali, delle associazioni di categoria e dei cittadini attraverso l'istituzione del Tavolo permanente per la semplificazione, il Nucleo tecnico regionale, l'Analisi di valutazione permanente dei procedimenti e la relativa banca dati, la Sessione di semplificazione.

Approfondimento: Presentazione della legge regionale di semplificazione 18/2011 (ppt, 250.5 KB)

Approfondimento: Misure di semplificazione per cittadini e imprese

 

Sistema degli accordi con gli enti locali

La governance che la legge regionale 18/2011 introduce per garantire efficacia e risultati soddisfacenti volti alla semplificazione amministrativa e normativa, si fonda sullo strumento dell'Accordo tra Regione ed Enti locali, previsto dall'art.2.

L’Accordo è  uno strumento consensuale che implica l’assunzione diretta, da parte delle amministrazioni interessate, di una precisa responsabilità politica in ordine al raggiungimento di livelli effettivi di semplificazione.

Esempi di Accordi sono quelli per l’adozione omogenea della modulistica e l’uniforme applicazione delle procedure amministrative (art.7)

 

Tavolo permanente e Nucleo tecnico per la semplificazione

Il Tavolo permanente per la semplificazione rappresenta la sede politica di consultazione delle parti sociali, dei consumatori e dei cittadini utenti dei servizi. I soggetti che ne fanno parte identificano i procedimenti amministrativi che presentano maggiori criticità e formulano proposte da sottoporre alla Sessione annuale per la semplificazione dell’Assemblea Legislativa regionale.

Approfondimento: Tavolo permanente per la semplificazione

La composizione e le modalità di funzionamento del Nucleo sono definite con atto della Giunta regionale, secondo criteri che garantiscano la rappresentanza tecnica delle autonomie locali.

 

Analisi e Valutazione Permanente (AVP) dei procedimenti e Banca dati dei procedimenti

L’Analisi e Valutazione Permanente dei procedimenti (art.3) è una novità introdotta dalla legge regionale 18/2011 il cui perno è costituito dal monitoraggio costante degli effetti degli interventi di semplificazione rispetto agli obiettivi di miglioramento dell’azione amministrativa.

Approfondimento: Analisi e Valutazione Permanente dei procedimenti (AVP)

A supporto dell’attività di analisi e valutazione, e più in generale con l’obiettivo di garantire interoperabilità tra amministrazioni, la legge prevede la realizzazione di una Banca dati informatica dei procedimenti amministrativi di Regione ed enti locali (art.6). La banca dati dei procedimenti  permetterà alle amministrazioni competenti di ottemperare all’obbligo  previsto nell’art. 9 di non richiedere al privato documenti già in loro possesso.

 

Sessione annuale di semplificazione

La Sessione annuale di semplificazione si svolge presso l'Assemblea Legislativa regionale allo scopo di valutare le proposte formulate dal Nucleo tecnico e dal Tavolo permanente e adottare le eventuali misure legislative che risultino necessarie. In occasione della Sessione, inoltre, vengono esaminati gli esiti dell’Analisi e Valutazione Permanente dei procedimenti effettuata nel corso dell'anno precedente.

Approfondimento: Sessione assembleare di semplificazione

 

Azioni sul documento
Pubblicato il 12/01/2016 — ultima modifica 18/01/2016
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it