Agenzia di informazione e comunicazione

Agricoltura. Cimice asiatica, la Regione in campo. Disponibili da subito 250 mila euro per l’attivazione di mutui a tassi agevolati per le imprese ortofrutticole colpite.L’assessore Caselli “In meno di due settimane dal tavolo tecnico con le associazioni agricole e le organizzazioni dei produttori ortofrutticoli, pronto il bando per salvaguardare il lavoro e il reddito delle imprese. Ora avanti con la vespa samurai, il piano nazionale straordinario e le misure europee. La Regione farà la propria parte"

Via libera dalla Giunta al provvedimento che migliora le condizioni di accesso al credito per l’ortofrutta dell’Emilia-Romagna. Le Regioni del Nord Italia scrivono al ministro Bellanova per un piano nazionale straordinario

10/09/2019 16:23

Bologna – La Regione non perde tempo e a meno di due settimane dal tavolo tecnico con le associazioni agricole e le organizzazioni dei produttori ortofrutticoli convocato dall’assessore regionale all’Agricoltura, Simona Caselli, per fare il punto sui danni da cimice asiatica, ha già licenziato un primo provvedimento per sostenere l’accesso al credito delle imprese agricole emiliano-romagnole.

Il bando, approvato dalla Giunta regionale, stanzia 250 mila euro per la concessione, tramite gli organismi di garanzia, di un contributo in regime di de minimis a favore delle imprese agricole del settore orto-frutticolo con priorità a quelle delle zone colpite dalla cimice asiatica e da altre avversità climatiche e fitosanitarie.

“Come avevamo promesso nell’incontro tecnico di fine agosto- afferma Caselli-, ci siamo impegnati per dare rapidamente un sostegno concreto alle aziende agricole del settore ortofrutta colpite dal flagello della cimice asiatica. Questo primo provvedimento consentirà alle imprese di accedere a mutui e prestiti agevolati ed evitare crisi di liquidità; sul 2020 chiederemo un rafforzamento di ulteriori 250 mila euro che si aggiungono al milione di euro già previsto. Interveniamo anche con la delimitazione territoriale dei comuni colpiti per attivare le procedure previste per autorizzare gli sgravi contributivi e abbiamo avviato un confronto con il sistema bancario per una dilazione sui pagamenti delle rate dei mutui in scadenza”.

 “Questa mattina- prosegue Caselli- come Regioni del Nord Italia abbiamo mandato al ministero della Politiche agricole una lettera congiunta con la richiesta di attivare un piano nazionale straordinario basato sostanzialmente su quello dell’Emilia-Romagna. Ho sentito poi il ministro Bellanova che ha confermato la volontà di incontrarci a breve. In quella sede chiederemo anche il sostegno delle aziende agricole colpite attraverso l’istituzione di un fondo che permetta di affrontare le conseguenze di quest’anno difficilissimo e di ripartire il prossimo anno. Un altro punto importante riguarda gli ammortizzatori sociali per i lavoratori dipendenti del settore. Attraverso l’Arefhl, l’associazione europea delle regioni e dei produttori di ortofrutta, che presiedo, ci stiamo attivando anche in Europa per chiedere un rafforzamento delle misure di prevenzione e gestione delle crisi nell’ambito dei fondi dell’Ocm e uno stanziamento dedicato, nei fondi per la ricerca, per progetti finalizzati a individuare efficaci metodi di lotta di questo insetto. Abbiamo già ottenuto un incontro con l’Unità Ortofrutta DG Agri per il 1^ ottobre prossimo”.

L’impegno della Regione non si ferma solo all’aiuto economico, ma come più volte affermato vuole combattere la diffusione del parassita per dare una risposta definitiva al problema.

Il 20 settembre entrerà in vigore Dpr 05/07/2019, n. 102i (GU 208 del 05/09/2019), il provvedimento che la Regione Emilia-Romagna ha sollecitato fin dal 2015, che modifica il recepimento della direttiva comunitaria Habitat da parte del nostro Paese e introduce una deroga al divieto di introduzione in natura di specie non autoctone: provvedimento che può consentire l’immissione della vespa samurai per contrastare la cimice.

“Siamo soddisfatti per questa decisione- dice Caselli- alla quale speriamo seguano le altre azioni richieste per fronteggiare l’emergenza cimice. La Regione è pronta: abbiamo già chiesto al governo di poter predisporre, assieme al Crea, il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria, lo studio necessario ad avere l’autorizzazione per l’introduzione della vespa samurai. Va lanciato un investimento straordinario sulla ricerca di questo parassitoide antagonista con protocolli semplificati e non da quarantena”.

“Aiuti economici, un piano straordinario nazionale, leve europee per la prevenzione e la gestione delle crisi, studi e ricerche- chiude Caselli- non sono parole ma atti concreti di una Regione che non aspetta tempo e affronta i problemi al fianco degli imprenditori e dei lavoratori. Voglio così tranquillizzare alcuni esponenti dell’opposizione che, evidentemente non documentati, hanno lanciato grida di allarme ingiustificate su una presunta inerzia dell’amministrazione. Stiamo mettendo in campo tutte le azioni possibili per contrastare questa calamità senza perdere un solo minuto”.

 

Il bando per l’accesso al credito approvato oggi

Il bando, che sarà pubblicato sul portale della Regione Emilia-Romagna (http://agricoltura.regione.emilia-romagna.it/), dà priorità alle imprese che hanno una superficie minima di due ettari di impianti frutticoli nelle province di Bologna, Ferrara, Forlì-Cesena, Modena e Ravenna. Sono le aree dove si sono registrati i maggiori danni da cimice asiatica, sulla base dei rilievi fatti dal servizio Fitosanitario regionale. Le domande dovranno essere presentate all'Organismo di garanzia entro il 21 ottobre 2019.

 

In allegato:

Gli impegni a livello nazionale e in Europa sul fronte della lotta alla cimice asiatica

« Torna all'archivio

Azioni sul documento

pubblicato il 2018/01/02 19:14:04 GMT+2 ultima modifica 2018-09-17T16:52:50+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina