Fondazione per le vittime dei reati

Modalità di intervento

La Fondazione interviene su richiesta del Sindaco del Comune in cui si è verificato il fatto o del Sindaco del Comune di residenza della vittima.

La volontà del legislatore è stata quella di mettere in capo al Sindaco quel "filtro" naturale di maggiore conoscenza dell´evento o del fatto ed ha previsto che sia il Sindaco a dover formulare la richiesta di intervento alla Fondazione, anche senza una esplicita richiesta della vittima o del familiare.

Infatti è il Sindaco che meglio conosce il territorio, è più vicino alla situazione, può con maggiore cognizione di causa considerare la gravità, i danni che ne conseguono, le condizioni sociali della famiglia, e meglio valutare le ragioni morali ed etiche che ne richiedono l´intervento.

La richiesta deve illustrare i motivi e le considerazioni per cui si chiede l´intervento e, in particolare:

  • la descrizione del fatto criminoso;
  • la gravità in sé del reato consumato;
  • i danni che ne sono conseguiti;
  • le necessità impellenti della vittima e dei suoi familiari;
  • la risonanza dell´evento nella comunità locale;
  • le ragioni etiche che inducono a ritenere opportuno l´intervento della Fondazione.

 

I tempi di erogazione dell´intervento

La Fondazione si è data un Regolamento di attività in cui è previsto che la richiesta motivata del Sindaco debba avvenire nel più breve tempo possibile dall´evento, e nei successivi 60 giorni viene svolta l´istruttoria, assunta la decisione e attivato l´intervento.

 

Azioni sul documento
Pubblicato il 22/05/2012 — ultima modifica 29/10/2014
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it