Istituzioni del FederalismoLibriRivista di studi giuridici e politici
Copertina del numero 4 dell'anno 2014 della rivista Istituzioni del Federalismo

La Rivista Istituzioni del Federalismo (IdF), presente nel panorama editoriale dal 1980, è promossa dalla Giunta regionale dell'Emilia-Romagna. La pubblicazione trimestrale, diretta dal Prof. Gianluca Gardini, ospita contributi a carattere scientifico sulle autonomie territoriali, di taglio multidisciplinare, seppure con una naturale preferenza per l'ambito giuridico-politico. I contributi, redatti in italiano, inglese, spagnolo, francese vengono pubblicati in lingua originale, in modo da stimolare un interesse nei confronti della Rivista anche da parte degli studiosi di altri ordinamenti.

en es fr

Nel prossimo numero

Il prossimo fascicolo, intitolato “Autonomie territoriali e diritti”, contiene saggi che affrontano, sotto diverse angolazioni, le criticità che taluni diritti incontrano nel loro concreto godimento e l’effetto derivante dalle differenziazioni prodotte dalle autonomie territoriali. La Sezione “Saggi e articoli” raccoglie anzitutto le riflessioni di tre studiosi – Paolo Veronesi, Lorenza Violini e Francesca Angelini – intorno alla rimozione del divieto di fecondazione eterologa operata dalla sentenza n. 162/2014 della Corte costituzionale e alle problematiche che ne conseguono, in punto di uniforme garanzia della prestazione entro i confini nazionali. Delle indesiderabili disparità da Regione a Regione si occupano anche Federica Grandi e Alessandra Pioggia nei due saggi successivi, in relazione, però, in questo caso, alle procedure di interruzione volontaria della gravidanza e alle diffuse obiezioni di coscienza opposte dal personale medico delle strutture pubbliche. Giulia Massari ricostruisce invece il sistema di farmacovigilanza italiano e indaga se, nel complesso intreccio di competenze che lo caratterizza, esista un margine di autonomia decisionale in capo alle singole Regioni. Nella Sezione “Note e commenti”, poi, Carlo Alberto Ciaralli affronta lo spinoso tema della trascrizione in Italia dei matrimoni omosessuali celebrati all’estero, mentre Markus González Beilfuss illustra le politiche pubbliche intraprese in Spagna per tutelare la diversità sessuale ed estirpare l’omofobia. I contributi successivi mutano radicalmente settore: quello di Laura Pergolizzi esamina l’informativa antimafia e, in particolare, i controlli antimafia eseguiti sui contratti per la realizzazione di Expo Milano 2015, quello di Piera Maria Vipiana analizza l’impiego di ordinanze dei Sindaci ai fini della bonifica degli immobili dall’amianto. Infine, nell’ambito dell’“Osservatorio regionale”, Roberto De Luca valuta criticamente le elezioni svoltesi in Calabria nel 2014 e fornisce le chiavi di lettura per interpretarne gli esiti.