Ufficio Relazioni con il Pubblico

Dal 1° gennaio 2023 cambia il programma di screening per il tumore della cervice uterina

Prima chiamata a 30 anni per le donne 25enni già vaccinate entro i 15 anni con almeno due dosi contro il Papilloma virus

A partire dal 1^ gennaio 2023, rimodulato il Programma di Screening regionale del tumore della cervice uterina, personalizzato per le donne venticinquenni già vaccinate per Papilloma Virus (HPV).

A partire dal prossimo anno, quindi, sarà posticipata a 30 anni la prima chiamata allo screening, ad iniziare dalle donne nate nel 1998 e vaccinate con almeno due dosi per HPV, entrambe somministrate prima del compimento dei 15 anni.

L’offerta attiva e gratuita di screening sarà così rimodulata:

  • 25-29 anni, nate prima del 1998: invito a Pap-test con cadenza triennale, indipendentemente dallo stato vaccinale;
  • donne nate dal 1998 in poi e vaccinate contro l’HPV con almeno 2 dosi in età inferiore ai 15 anni: primo invito a 30 anni per HPV test;
  • donne nate dal 1998 in poi e non vaccinate contro l’HPV: invito a Pap-test con cadenza triennale;
  • 30-64 anni: invito a test HPV con cadenza quinquennale, indipendentemente dallo stato vaccinale.


Vedi la notizia sul portale regionale Salute

Per maggiori informazioni sugli screening tumori femminili, vedi la sezione dedicata sul portale regionale Salute

 

Azioni sul documento

ultima modifica 2022-12-01T15:20:11+01:00
Questa pagina ti è stata utile?

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina