Sede di Roma

Piano nazionale per la ripresa e la resilienza (PNRR)

Le Regioni costituiscono un gruppo di lavoro interregionale per individuare le priorità ed offrire al Governo una proposta di interventi condivisa

La Conferenza delle Regioni del 6 agosto 2020 ha deciso di costituire un gruppo di lavoro interregionale con l’obiettivo di fornire un contributo in termini di proposte per la stesura del Piano nazionale per la ripresa e la resilienza (PNRR). Il gruppo sarà coordinato dalla Presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, che ha già ricevuto dal Ministro per gli Affari europei, Vincenzo Amendola, la disponibilità ad avviare un ragionamento comune sugli investimenti previsti dal complesso degli strumenti del Piano. 

Il dispositivo per la ripresa e la resilienza mette a disposizione degli Stati membri in totale 672,5 mld di euro, di cui 312,5 mld di euro in sussidi e 360 mld di euro in prestiti per programmi di investimento e riforme. Offre, dunque, un sostegno finanziario agli investimenti pubblici e alle riforme degli Stati membri e garantirà che tali investimenti e riforme siano incentrati sulle sfide e sulle esigenze connesse alla transizione verde e digitale, in modo da garantire una ripresa sostenibile. 

I PNRR degli Stati membri potranno essere presentati per la prima valutazione da parte della Commissione nel momento in cui il dispositivo entrerà in vigore, presumibilmente non prima del 1° gennaio 2021. Mentre la deadline per la presentazione del Piani è fissata al 30 aprile 2021. Infatti, la proposta stabilisce che gli Stati membri preparino piani nazionali per la ripresa e la resilienza (PNRR) in cui venga definito il programma di riforme e investimenti per il periodo 2021- 2023. 

Le priorità indicate dal governo italiano sono il miglioramento della pubblica amministrazione fino alle politiche per ricostruire la coesione sociale e la transizione verso una economia verde e digitale.

Le Regioni condividono le priorità del Governo e si propongono con queste risorse prioritariamente di far ripartire le economie più duramente colpite dall’emergenza Covid-19 e realizzare investimenti per ridurre i divari territoriali del nostro Paese.

Per approfondire

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/08/27 19:30:00 GMT+1 ultima modifica 2020-09-01T08:59:52+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina