Sede di Roma

Misure di contrasto alla diffusione del Covid-19 negli uffici pubblici

Un accordo di Regione Emilia-Romagna con Anci, Upi e organizzazioni sindacali

La Regione Emilia-Romagna ha siglato un accordo con Anci, Upi, Città metropolitana sulle linee guida che ciascuna amministrazione, nella sua differenziazione ed autonomia garantita dalla Costituzione, potrà applicare al meglio tenendo conto delle condizioni di partenza, della dimensione, della collocazione geografica, per contrastare la diffusione del virus Covid-19 negli uffici pubblici.

Le parti sociali, Anci e Upi, si impegnano a sostenere l’applicazione delle linee guida e l’Amministrazione Regionale non solo le applicherà, ma incentiverà economicamente comportamenti e investimenti utili ad arginare il virus, facendo della trasformazione della PA locale un’opportunità per contribuire alla ripresa economica e sociale quando non saranno più necessarie le misure restrittive. 

In primo luogo - recitano le linee guida - è necessario garantire la massima sicurezza nei luoghi di lavoro, a partire dalle sanificazioni; la presenza in ufficio si rende necessaria solo se indispensabile, massimo impulso allo smartworking e un nuovo investimento di 2 milioni di euro per l'innovazione tecnologica dei territori.

Per approfondire

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/03/19 19:35:00 GMT+2 ultima modifica 2020-03-31T12:11:07+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina