Sede di Roma

News n. 11/2019

News dal Parlamento e dal Governo del 3 aprile 2019

I lavori del Senato della Repubblica  

Senato

In Aula, il 2 aprile, è previsto l'esame del disegno di legge n. 844, già approvato dalla Camera dei deputati, in materia di azione di classe. Le Commissioni riunite Giustizia e Industria, mercoledì 13 marzo, ne hanno concluso il vaglio, conferendo mandato ai senatori Pepe e Girotto, già relatori nelle rispettive Commissioni parlamentari, a riferire favorevolmente in Assemblea. Nessuna delle proposte emendative presentate al testo approvato dalla Camera è stata approvata, quindi con il voto favorevole dell’Aula il testo diventerebbe legge dello Stato. Il provvedimento sottrae la materia al Codice del consumo e la porta all'interno del Codice di procedura civile, rendendola uno strumento di più ampia applicazione e portata. Con la nuova collocazione della disciplina, ogni azione sarà sempre esperibile da tutti coloro che avanzino pretese risarcitorie in relazione a lesione di "diritti individuali omogenei" (ma non ad "interessi collettivi"); l'azione sarà quindi nella titolarità di ciascun componente della "classe", nonché delle organizzazioni o associazioni senza scopo di lucro che hanno come scopo la tutela dei suddetti diritti, e che sono iscritte in un elenco tenuto dal Ministero della Giustizia.

Da martedì 2 aprile la Commissione Finanze è impegnata con l'esame del disegno di legge di conversione del decreto-legge 25 marzo 2019, n. 22, recante misure urgenti per assicurare sicurezza, stabilità finanziaria e integrità dei mercati, nonché tutela della salute e della libertà di soggiorno dei cittadini italiani e di quelli del Regno Unito, in caso di recesso di quest'ultimo dall'Unione europea (A.S. 1165). Il termine per la presentazione di emendamenti è stato fissato per il 5 aprile, alle ore 12.

Gli Uffici di Presidenza delle Commissioni congiunte Bilancio di Senato e Camera, martedì 2 aprile, nell'ambito dell'esame del Doc. LIX, n. 1, ovvero la Relazione sull'andamento degli indicatori di benessere equo e sostenibile nel 2019, hanno in agenda un ciclo di audizioni, tra cui i rappresentanti di ISTAT, ASVIS e SVIMEZ. La Relazione aggiorna la previsione degli indicatori BES (benessere equo e sostenibile) per il triennio in corso in base agli effetti della legge di bilancio 2019-2021. Il quadro programmatico per il successivo triennio sarà presentato dal Governo nell’Allegato BES che accompagnerà il Documento di economia e finanza (DEF) previsto entro la fine di aprile.

Presso la Commissione Agricoltura il 2 aprile, in sede redigente, prosegue la discussione del provvedimento recante Norme per la valorizzazione delle piccole produzioni agroalimentari di origine locale (S. 728). Questi gli emendamenti presentati in Commissione da votare. Relatore all’interno della Commissione sarà il sen. Bergesio.

La Commissione Salute ha fissato il termine per le richieste/proposte di audizione per l’indagine conoscitiva su Numero Unico 112 e per le emergenze-urgenze è fissato alle ore 12 del prossimo lunedì 8 aprile.

Davanti alle Commissioni Politiche UE di Camera e Senato, martedì 2 aprile alle ore 13 è prevista l’audizione del Rappresentante permanente d'Italia presso l'Unione europea, Ambasciatore Maurizio Massari, sullo stato dei negoziati sui principali dossier europei di interesse dell'Italia.


I lavori della Camera dei Deputati

Aula dei Deputati

L’Aula inizia i lavori della prima settimana d’aprile con l'esame del disegno di legge “Modifiche al codice penale, al codice di procedura penale e altre disposizioni in materia di tutela delle vittime di violenza domestica e di genere” (C. 1455-A e abb.). La Commissione Giustizia ha accolto una serie di emendamenti e riformulato il testo, eleggendo al proprio interno il Comitato dei Nove. Questo comitato ha l’incarico di presentare il testo all’Assemblea per il voto finale, prima che il provvedimento acceda al vaglio del Senato.

Le Commissioni riunite I Affari costituzionali e XI Lavoro hanno proseguito l'esame del disegno di legge C. 1433, approvato dal Senato, recante “Interventi per la concretezza delle azioni delle pubbliche amministrazioni e la prevenzione dell'assenteismo”, cui è abbinata la proposta di legge C. 781. Questo è il nuovo testo approvato dalle due commissioni riunite. Ora partirà l’esame dell’Assemblea, prima che il provvedimento possa far ritorno al Senato.

 La Commissione parlamentare per le questioni regionali, in merito all'indagine conoscitiva sul processo di attuazione del "regionalismo differenziato", ha svolto le seguenti audizioni: Enzo Maria Marenghi, professore di diritto amministrativo presso l'Università di Salerno; Gianfranco Cerea, professore di economia pubblica presso l'Università di Trento; Felice Alberto Maria Giuffrè, professore di istituzioni di diritto pubblico presso l'Università di Catania; Beniamino Caravita di Toritto, professore di istituzioni di diritto pubblico presso l'Università "La Sapienza" di Roma; Giuseppe Marazzita, professore di istituzioni di diritto pubblico e diritto costituzionale presso l'Università di Teramo; Mario Bertolissi, professore di diritto costituzionale presso l'Università di Padova; rappresentanti dello Svimez.

La Commissione I Affari Costituzionali ha in previsione per giovedì 4 aprile il primo esame del provvedimento recante “Disposizioni concernenti la carta d'identità elettronica e la sua utilizzazione per l'accertamento dell'identità personale” (C. 432), appena presentato in Parlamento.

La Commissione VI Finanze prosegue giovedì 4 aprile l’esame del provvedimento recante disposizioni per la semplificazione fiscale, il sostegno delle attività economiche e delle famiglie e il contrasto dell'evasione fiscale (C. 1074). Il 2 aprile è scaduto il termine per la presentazione degli emendamenti, che ora verranno illustrati e votati.

Presso la Commissione VII Cultura, prosegue l’esame dei diversi disegni di legge depositati sull’introduzione dell'insegnamento scolastico dell'educazione civica o educazione alla cittadinanza attiva e responsabile e alla Costituzione. Per il giorno 3 aprile sono previste le seguenti audizioni:

  • Ore 14: rappresentanti dell'ANCI
  • Ore 14.30: rappresentanti di Save the Children, Unicef e Cittadinanza attiva

La Commissione VIII Ambiente, nell'ambito dell'indagine conoscitiva sui rapporti convenzionali tra il Consorzio nazionale imballaggi (CONAI) e l'ANCI, alla luce della nuova normativa in materia di raccolta e gestione dei rifiuti da imballaggio ha in programma un’audizione con i rappresentanti del CARPI (Consorzio Autonomo Riciclo Plastica Italia) martedì 2 aprile.

Martedì 2 e giovedì 4 aprile è previsto presso la Commissione XIII Agricoltura l’esame del ddl di conversione del decreto legge n. 27/2019 recante Disposizioni urgenti in materia di rilancio dei settori agricoli in crisi e di sostegno alle imprese agroalimentari colpite da eventi atmosferici avversi di carattere eccezionale e per l'emergenza nello stabilimento Stoppani, sito nel comune di Cogoleto (C. 1718 Governo - Rel. Gallinella). In particolare il 2 aprile sono previste le seguenti audizioni:

  • Ore 11: audizione di rappresentanti della Conferenza delle regioni e delle province
  • Ore 12: audizione del direttore dell'Agenzia per le erogazioni in agricoltura (AGEA), dottor Gabriele Papa Pagliardini
  • Ore 12.30: audizione di rappresentanti di Agrinsieme (Confagricoltura, CIA, Copagri e Alleanza delle cooperative italiane - agroalimentare) e Coldiretti

Il termine per la presentazione degli emendamenti è fissato alle ore 10 di venerdì 5 aprile.


I lavori del Governo 

Governo

Nella Gazzetta ufficiale del 29 marzo 2019 sono stati pubblicati alcuni importanti provvedimenti del Governo. Parliamo, in particolare, del testo riordinato della conversione in legge del decreto sul reddito di cittadinanza e della riforma delle pensioni e del decreto che propone il rilancio del settore agricolo nazionale in crisi e l’aiuto alle imprese agroalimentari. 

E’ ancora in preparazione, invece, il decreto-legge sulla crescita del Paese. Guardando la bozza del decreto si vede come questo sia orientato a intervenire con misure trasversali. Sono previste nuove misure fiscali, ma anche il rilancio degli investimenti privati utilizzando misure tra loro molto diverse (semplificazione, mini-bond, cartolarizzazione, tempi di pagamento tra le imprese, ecc.). Per finire, questo provvedimento guarda anche alla tutela del Made in Italy e dei marchi storici di interesse nazionale, per evitare che varie aziende appartenenti alla nostra tradizione industriale subiscano la delocalizzazione all’estero, come s’è più volte verificato. 

Il Ministro dell’Economia e delle Finanze, Giovanni Tria, e il Segretario Generale dell’OCSE (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico), Angel Gurria, hanno presentato al MEF il Rapporto economico sull’Italia 2019. Il documento, pubblicato dall’OCSE ogni due anni per ciascun Paese UE, fornisce valutazioni in merito al quadro macroeconomico nazionale e indica alcune raccomandazioni di politica economica. Il documento linkabile contiene una vasta sintesi dei contenuti del Rapporto OCSE

Il Ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio ha firmato il Decreto che sblocca le risorse per circa 60.000 lavoratori delle 18 aree di crisi complessa in 11 Regioni. Il decreto interministeriale Ministero del Lavoro/MEF assegna risorse pari 117 milioni di euro per la riattivazione degli ammortizzatori sociali. Le aree interessate sono le seguenti: 

1 Lazio - Rieti e Frosinone
2 Puglia - Taranto
3 Toscana - Piombino e Livorno
4 Friuli Venezia Giulia - Trieste
5 Sicilia - Termini Imerese e Gela
6 Umbria - Terni e Narni
7 Molise - Isernia, Boiano, Campochiaro, Venafro
8 Liguria - Savona
9 Sardegna - Portovesme e Porto Torres
10 e 11 Marche - Abruzzo Val Vibrata - Valle del Tronto - Piceno


Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Logo Conferenza delle Regioni

La Conferenza delle Regioni è comparsa in audizione il 2 aprile 2019 dinanzi alla Commissione Agricoltura della Camera dei deputati per l’esame del decreto-legge “Disposizioni urgenti in materia di rilancio dei settori agricoli in crisi e di sostegno alle imprese agricole colpite da eventi atmosferici avversi di carattere eccezionale e per l’emergenza nello stabilimento Stoppani, sito nel comune di Cogoleto”. Questo è il commento dell’assessore Di Gioia, portavoce delle Regioni. Il decreto legge è stato pubblicato in Gazzetta ufficiale Serie Generale n. 75 del 29 marzo 2019, di cui presentiamo anche il dossier elaborato dal Servizio Studi della Camera. Appena il 28 marzo scorso la Conferenza delle Regioni aveva lamentato la mancanza di un provvedimento sul quale confrontarsi e ribadito l’urgenza di azioni per un settore in profondo stato di crisi. 

Regione Emilia-Romagna, Toscana ed Umbria hanno indirizzato un ordine del giorno al presidente del Consiglio dei Ministri e ai ministri dello Sviluppo economico, dei Trasporti e dell’Economia per chiedere il rispetto degli impegni, più volte annunciati dal Governo, di far fronte ai gravi disagi per le imprese, i lavoratori e i cittadini innescati dal sequestro del viadotto Puleto, e la conseguente chiusura della E45. I Presidenti delle regioni coinvolte dalla chiusura di questa importante arteria di comunicazione lamentano un'assenza di azioni e di risposte alle richieste di aiuto pervenute dagli Enti Locali, dalle autonomie territoriali e dalle rappresentanze economiche e sociali delle comunità coinvolte. Poichè ad oggi – si legge nel documento - non è stata data risposta alla richiesta dei sindaci di incontro con il Ministro dello Sviluppo Economico per affrontare la situazione di difficoltà in cui si trovano le imprese del territorio e non si è dato seguito all'impegno assunto dal Ministero del Lavoro il 5 marzo scorso di adottare un provvedimento di autorizzazione per l'utilizzo di ammortizzatori sociali a sostegno delle aziende e dei lavoratori, si chiede l'intervento del Governo, oltre che il riconoscimento dello stato di emergenza

La Conferenza delle Regioni e delle Pa è convocata il 3 aprile 2019 alle 15.30. In apertura dei lavori interverranno il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Vito Crimi, e il capo del Dipartimento della Protezione Civile, Angelo Borrelli, per discutere dell’ipotesi di decreto-legge recante: "Disposizioni urgenti per eventi sismici" che ad un primo esame viene valutato dalle Regioni assolutamente inadeguato, oltre che non recettivo delle richieste emendative delle autonomie. L’incontro si propone di definire una strada di lavoro comune per arrivare ad un’ipotesi maggiormente condivisa e aderente alle esigenze dei territori.

Il 3 aprile, alle 17.30, è convocata la Conferenza Stato-Regioni.
Segnaliamo che, dopo un lungo periodo di manutenzione, è online il nuovo sito della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Pa di Trento e Bolzano.

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/04/03 09:25:00 GMT+2 ultima modifica 2019-04-03T13:18:47+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina