Relazioni internazionali

Il governo di Addis Abeba visita il sistema agro-industriale emiliano-romagnolo

Incontri dall’8 al 12 ottobre 2018 per studiare forme di modernizzazione dell’agricoltura e dell’industria leggera

Una delegazione di alto livello del governo di Addis Abeba ha visitato il sistema agro-industriale della Regione dall’8 al 12 ottobre 2018.

Una missione istituzionale che ha visto presenti Bogale Feleke Temesgen, Ministro dell’industria, Eyasu Abraha Alle, Ministro per l’agricoltura e l’allevamento e Admasu Nebebe Gedamu, Ministro alle finanze e cooperazione economica, i rappresentanti delle Direzioni generali competenti e gli amministratori dei nascenti parchi agro-industriali etiopi.

In programma per approfondire la conoscenza del modello agro-industriale emiliano-romagnolo, nell’ambito del Piano di sviluppo quinquennale 2016-2020 del Paese africano che punta in particolare alla modernizzazione dell’agricoltura e dell’industria leggera.

La visita è stata organizzata dalla Regione, Ervet (Emilia-Romagna valorizzazione economica territorio) e Aster, in collaborazione con l’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo (Aics), l’Università di Ferrara, l’Ambasciata italiana in Etiopia, Ice e Unido, l’organizzazione delle Nazioni Unite per lo sviluppo industriale

La delegazione è stata ricevuta dal presidente Stefano Bonaccini e gli assessori regionali alle Attività produttive, energia e green economy, Palma Costi, alla Formazione, lavoro e politiche allo sviluppo, Patrizio Bianchi e l’Assessore all’agricoltura, caccia e pesca Simona Caselli.             

Nel corso del fitto programma sono state svolte visite e incontri presso alcune delle più importanti aziende del settore agroalimentare, in testa Conserve Italia, Granarolo e Barilla – oltre che iniziative specifiche con le “eccellenze” del sistema regionale delle Università, della ricerca e dell’innovazione (cluster Agrifood di Parma, Tecnopolo e Crpa Lab. di Reggio Emilia, ecc.) e Fico, il parco agroalimentare più grande del mondo che sorge alla periferia del capoluogo felsineo. Di particolare interesse anche l’esperienza dell’Ager-Borsa merci del mercato dei cereali (la filiera del grano duro essendo di primario interesse per l’economia etiope).

La missione ha rappresentato un’importante occasione per sondare le opportunità di investimento da parte delle imprese italiane, in particolare quelle emiliano-romagnole, a sostegno dei programmi di crescita economica del Paese africano, oltre a favorire la collaborazione con le istituzioni, le Università e gli enti protagonisti per lo sviluppo delle filiere agroindustriali regionali.

In particolare si è convenuto sull’interesse a favorire la collaborazione delle università (mobilità di docenti e studenti, ricerca congiunta) e sviluppare una nuova collaborazione tra imprese e istituzioni dell'Emilia-Romagna e dell'Etiopia con particolare attenzione alle catene del valore agricolo e manifatturiero, alle PMI, alle cooperative (formazione della forza lavoro, trasferimento tecnologico, partecipazione a fiere, consorzia/imprese di trasformazione delle colture e dei macchinari agricoli progetti, comprese le certificazioni di campo di prova, di processo e di qualità del prodotto e di produttori, organizzazione e gli attori di trasferimento tecnologico (clust-er, agro-industriale parchi, technopoles, incubatori, ecc.).

Azioni sul documento

pubblicato il 2018/10/13 14:50:00 GMT+2 ultima modifica 2018-10-29T15:52:15+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina