venerdì,  16 luglio 2021

Moda, nasce il Tavolo regionale permanente: regia unica per il rilancio del settore

Nella task force della Regione tutti gli attori del fashion made in Emilia-Romagna: istituzioni, imprese, Università, Unioncamere e il sistema della ricerca

foto di Giorgio Salvatori, archivio fotografico APT ServiziInsieme per il rilancio. In Emilia-Romagna nasce una piattaforma per il rilancio del settore moda regionale che riunisce tutti gli interlocutori, dal tessile abbigliamento al calzaturiero. L’obiettivo è quello di realizzare una cabina di regia che definisca priorità e interventi per il comparto puntando su ricerca e sviluppo ma anche digitalizzazione, sostenibilità e internazionalizzazione.

Ieri a Bologna, nella sede della Regione, la riunione di insediamento del ‘Tavolo regionale permanente del settore moda’ voluto dall’assessore regionale allo Sviluppo economico e lavoro, Vincenzo Colla, che riunisce le istituzioni (Comuni di San Mauro Pascoli, Carpi e Città Metropolitana di Bologna), Confindustria, Cna, Confartigianato, Confcommercio, Confesercenti, organizzazioni sindacali di settore, il mondo della formazione e della ricerca, le università emiliano-romagnole, Unioncamere Emilia-Romagna, Centergross Bologna, Carpi Fashion System, Fashion Research Italy, Cercal e il Clust-ER Create.

Il comparto moda è tra i più importanti in regione e oggi impiega oltre 87.000 addetti tra industria manufatturiera, commercio e servizi: sono 32.500 le unità locali attive, il 7,2% del totale in regione. È la terza filiera in Emilia-Romagna per valore dell’export con 7,7 miliardi di euro all’anno. L’industria della moda ha risentito dell’impatto della pandemia da Covid-19 in misura maggiore rispetto all’industria manifatturiera regionale nel suo complesso e nel 2020 ha fatto registrare una contrazione del valore aggiunto del -22,0% (rispetto al 2019).

Cinque sono i temi che saranno affrontati in una prima fase del lavoro comune: economia circolare e transizione ecologica, digitalizzazione e nuove tecnologie, distribuzione e commercializzazione, internazionalizzazione di imprese e mercati, competenze per la transizione. La transizione ecologica sarà un elemento trasversale che accompagnerà i lavori come punto di partenza imprescindibile. Le analisi partiranno da un nuovo concetto di filiera non più intesa come processo che si conclude con l’immissione del bene sul mercato, bensì riletta in modo più ampio in funzione dell’intero ciclo di vita del prodotto, dalla progettazione al fine vita.

“L’incontro odierno – prosegue l’assessore Colla- rappresenta l’avvio di un percorso in cui affrontare i temi più urgenti e strategici per il settore e condividere linee d’azione per lo sviluppo sul medio e lungo termine. Il metodo utilizzato è quello del Patto per il Lavoro e il Clima che, attraverso il riconoscimento dei diversi ruoli, porta alla condivisione di obiettivi strategici e di responsabilità”.

Azioni sul documento

pubblicato il 2021/07/16 15:19:06 GMT+2 ultima modifica 2021-07-16T15:19:06+02:00