Gli obiettivi strategici

CULTURA, INFORMAZIONE E FORMAZIONE

La cultura del lavoro e della sicurezza deve partire dalla scuola e dal sistema di Istruzione e Formazione professionale, assicurando a tutte le persone, dal primo giorno di ingresso nelle organizzazioni di lavoro, anche per stage o tirocini, e lungo tutto l’arco della vita lavorativa, le competenze che permettano di acquisire il valore della prevenzione e degli strumenti di protezione.

Così da comprendere, prevenire, ridurre fino a eliminare i rischi, garantendo le informazioni sui possibili danni alla salute derivanti dall’attività svolta, la conoscenza dei propri diritti e doveri, della normativa di sicurezza e, per le persone occupate, delle procedure e delle disposizioni aziendali in materia, le misure e le attività di prevenzione e protezione che l’azienda ha deciso di adottare.

QUALITA’ DEL LAVORO, DELL’IMPRESA E DELLO SVILUPPO

Per rafforzare la tutela della salute e sicurezza dei lavoratori, il sistema regionale si impegna a realizzare investimenti coerenti col progetto di sviluppo sostenibile delineato dal Patto per il Lavoro e per il Clima.

Attraverso: contrasto alla precarietà, stop all’utilizzo non legittimo di contratti a termine, a pratiche di appalto elusive della normativa, all’eccessiva esternalizzazione e frammentazione delle attività negli appalti a partire da quelli pubblici, combattendo ogni forma di illegalità.

RICERCA, INNNOVAZIONE E DIGITALIZZAZIONE

L’obiettivo è promuovere, col coinvolgimento degli Atenei e dell’ecosistema regionale dell‘innovazione, progetti di ricerca e trasferimento tecnologico per sostenere le imprese nell’adozione di strumenti organizzativi, tecnologici e digitali in grado di ridurre gli infortuni e aumentare la sicurezza degli ambienti di lavoro.

ASSISTENZA, VIGILANZA E CONTROLLO

L’obiettivo è garantire le risorse umane, finanziarie e tecnologiche necessarie per assicurare trasparenza, equità e uniformità dell’azione di prevenzione e aumentare la consapevolezza da parte dei datori di lavoro dei rischi e delle conseguenze dovute al mancato rispetto delle norme di sicurezza, qualificando assistenza e affiancamento nei confronti delle imprese, con particolare attenzione alle piccole, rafforzando vigilanza e controllo, intensificando l’azione nei confronti dei settori più a rischio.

Ai quattro obiettivi strategici se ne aggiunge uno trasversale: condividere dati, informazioni, conoscenze e buone prassi utili a orientare, programmare, pianificare e valutare l'efficacia della attività di prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali, nonché programmare e valutare, le attività di vigilanza.

Azioni sul documento

pubblicato il 2022/09/13 14:08:59 GMT+1 ultima modifica 2022-09-13T14:08:59+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina