venerdì,  3 giugno 2022

Cultura, sedi di spettacolo e patrimonio architettonico: 2 bandi e 6 milioni di euro per valorizzarli

Fondi destinati ai Comuni. Domande entro il 29 agosto

Un teatro dismesso, che però ha valore storico-artistico riconosciuto e che meriterebbe di essere ripristinato con una serie di interventi. Una biblioteca, che necessita di nuove dotazioni tecnologiche. Un museo, che potrebbe diventare ancora più accessibile, una rocca, ma anche un complesso monumentale o un palazzo storico da destinare a sede culturale.

Sono esempi di strutture che potranno trovare maggiori opportunità grazie a due nuovi bandi, appena approvati dalla Giunta regionale, che destinano complessivamente contributi straordinari per 6 milioni di euro circa, ripartiti tra il 2023 (2 milioni) e 2024 (4 milioni).

Risorse, queste, destinate a sostenere investimenti nel settore dello spettacolo e a contribuire a spese di restauro, conservazione, consolidamento e valorizzazione del patrimonio architettonico, storico e contemporaneo, che già ospita (oppure ospiterà) un’attività culturale.

Si tratta di risorse straordinarie, spiega la Regione, in quanto ogni bando potrà contare su 3 milioni di euro circa. Cifre che serviranno per potenziare ulteriormente lo spettacolo e il patrimonio architettonico, storico e contemporaneo, che può essere destinato ad ospitare attività culturali. Un investimento nella cultura e nelle sue potenzialità, di cui questi bandi sono l’ennesima prova.

Azioni sul documento

pubblicato il 2022/06/03 16:39:47 GMT+2 ultima modifica 2022-06-03T16:39:47+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina