Primo bando edifici produttivi

Riqualificazione energetica degli edifici e nuovi impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili destinate all’autoconsumo. Ma anche interventi per il miglioramento/adeguamento sismico degli edifici nei quali si svolge l’attività aziendale del manifatturiero e dei servizi.

Sono gli interventi che saranno finanziati dalla Regione, con 13 milioni di euro di risorse europee del Fondo Fesr 2021-2027, attraverso un bando per supportare interventi energetici e prevenzione sismica delle imprese dell’Emilia-Romagna.

Le risorse serviranno alle imprese per interventi sugli immobili produttivi come per esempio coibentazione degli edifici, pannelli solari o fotovoltaici, impianti per il riscaldamento, raffreddamento e areazione.


Oltre agli interventi di riqualificazione energetica e di installazione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili, in un’ottica di integrazione delle misure d’intervento volte a contribuire alla riduzione dei fabbisogni di energia da fonti fossili e al contempo ad aumentare la sicurezza all’interno degli stabilimenti produttivi, saranno finanziati anche interventi che vanno a migliorare la prestazione sismica degli edifici in cui si svolgono le attività economiche. 

Il contributo regionale è a fondo perduto e comprende una quota fissa pari al 10%, che può arrivare al 15%, qualora l’impresa sia in possesso di almeno uno dei criteri di premialità previsti dal bando, a questo si aggiunge un ulteriore contributo fino al 15% dell’investimento corrispondenti agli interessi pagati dall’impresa per l’attivazione di un mutuo pluriennale che potrà stipulare con la propria banca di fiducia.

Tale componente di contributo ha lo scopo di supportare in modo particolare le imprese che hanno difficoltà finanziarie e sono costrette a ricorrere al mercato del credito, in un periodo di tassi crescenti.

Il contributo complessivo può quindi raggiungere il 30% dell’investimento.

L’investimento minimo è di 50mila euro mentre l’importo massimo del contributo pubblico è di
150mila euro. Gli investimenti potranno essere avviati già alla data di presentazione della richiesta di contributo (esclusivamente per via telematica, tramite l’applicazione web ‘Sfinge 2020’ dal 31 gennaio al 22 febbraio 2023) e dovranno essere conclusi entro il 31 dicembre 2024.

Il provvedimento è pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna Telematico e
alla pagina: https://fesr.regione.emilia-romagna.it/opportunita/2022/supporto-ad-interventi-energetici-e-prevenzione-sismica-delle-imprese

Azioni sul documento

ultima modifica 2023-01-17T13:42:20+02:00
Questa pagina ti è stata utile?

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina