venerdì,  8 ottobre 2021

Cultura e Turismo, A Noceto (Pr) nasce il museo della Vasca votiva, reperto unico in Europa sull’Età del bronzo

Corsini-Felicori: “Importante fattore di attrattività turistica e culturale per l’intera regione”

taglio nastro Felicori e Corsini museo Vasca VotivaNasce a Noceto, in provincia di Parma, il museo della Vasca votiva, un reperto ligneo ritrovato nel 2005 che per caratteristiche e grado di conservazione rappresenta un 'unicum' a livello europeo, tale da innovare profondamente le conoscenze scientifiche sull'età del bronzo.

La grande vasca, contenente numerosi manufatti in legno e ceramica, databili al XV secolo a.C., è stata posta, al termine di un accurato restauro a cura del ministero della Cultura e dell’Università di Milano, al centro di una struttura museale che racconta con ricostruzioni, video e dispositivi interattivi la cultura delle terramare che caratterizzava circa 3500 anni fa la quasi totalità della pianura padana.

L’inaugurazione alla presenza, tra gli altri, dell’assessore regionale al Turismo Andrea Corsini, del sindaco di Noceto, Fabio Fecci, Corrado Azzollini del ministero della Cultura, Marco Masetti dell’Università Statale di Milano e Franco Magnani, presidente della Fondazione Cassa di risparmio di Parma. 

Complessivamente il progetto di recupero e realizzazione del museo ammonta a 570 mila euro; la Regione ha contribuito con un finanziamento di 285 mila euro e oltre al Comune di Noceto, il progetto ha interessato, in termini di finanziamento e di collaborazione scientifica, il ministero della Cultura, l'Università di Milano con il dipartimento “A. Desio” e la Fondazione Cariparma. 

La Vasca votiva

La vasca di Noceto è una grande struttura lignea rettangolare, lunga 12 metri, larga 7 e profonda almeno 3 metri, realizzata in una cavità scavata nel terreno. Le pareti erano rivestite di assi parzialmente sovrapposte le une alle altre. Secondo gli studiosi, l’interpretazione più convincente è che fosse un bacino d’acqua artificiale in cui oggetti d’uso quotidiano quali vasi, manufatti in legno, in fibra vegetale e in terracotta, resti di animali, rami, frutti, ciottoli venivano deposti come offerte rituali. 

Il suo uso si è protratto per circa un secolo, finché i diversi manufatti e il terreno scivolato dai bordi esterni l’hanno riempita e prosciugata. Tra i reperti più significativi sono stati trovati cinque aratri, alcuni cesti di grandi dimensioni, diverse figurine di animali in terracotta, decine di vasi.

Il Museo

Nel museo, oltre alla Vasca votiva sono esposti molti oggetti caratteristici della cultura terramaricola che caratterizzava circa 3500 anni fa la quasi totalità della pianura padana e la cui storia viene raccontata con testi, immagini, ricostruzioni, video e dispositivi interattivi che offrono al visitatore un’esperienza multisensoriale e multimediale.

 La vasca lignea, scoperta nel 2005 in occasione di lavori edili, era stata costruita ai margini della terramara di Noceto. Il nome deriva da terra marna, termine usato nel 1800 per indicare il terriccio fertilizzante che si ricavava dai depositi archeologici dell’età del Bronzo e che oggi si riferisce ai villaggi distribuiti nella pianura padana centrale tra il 1650 e il 1150 circa a.C.   

Il percorso museale inizia con l’osservazione dei reperti rinvenuti - una ventina di oggetti miniaturisti, circa 150 vasi interi o ricomponibili, vari reperti faunistici e oltre 500 manufatti di legno - e si conclude con la veduta dall’alto della grande vasca lignea.

Azioni sul documento

pubblicato il 2021/10/08 13:40:00 GMT+2 ultima modifica 2021-10-08T13:54:01+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina