sabato,  19 giugno 2021

Difesa del suolo, Bacino dell’Enza: conclusi due interventi per la funzionalità idraulica dopo i danni del maltempo

Dalla Regione 200mila euro. Priolo: "Un impegno che continua lungo l’intera asta fluviale nel parmense e nel reggiano”

Torrente Enza - Ripristino di una controbriglia in località NironeAncora un passo avanti per aumentare la sicurezza nel bacino del fiume Enza, in territorio parmense. Con la chiusura di due cantieri sono terminati nei giorni scorsi i lavori di regolazione della portata delle acque - regimazione idraulica - nel torrente Cedra, in località Ponte di Caneto, e nel fiume Enza in località Nirone, nel comune di Palanzano. In entrambi i casi ad eseguire i lavori è stato il Servizio di Parma dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la Protezione civile.

Gli interventi

Il cantiere sul torrente Cedra ha riguardato il tratto immediatamente a monte e a valle del ponte sulla strada comunale che porta all’abitato di Caneto di Palanzano. Si è provveduto al ripristino della copertura della soglia del corso d’acqua, alla realizzazione di un rivestimento in pietra e alla posa di massi ciclopici per ottenere difese spondali.

Nell’alveo è stato movimentato il materiale - massi e ghiaia - spostandolo dal centro verso la sponda sinistra danneggiata dall’erosione per realizzare un’opera di difesa. Analogo intervento nel letto del fiume è stato realizzato a monte del ponte, dove è stata realizzata una struttura di protezione in massi, in sinistra idrografica.
Eseguita anche la risagomatura di un tratto del Rio di Trevignano, con taglio di piante e ripristino della sezione di deflusso.

I lavori sul fiume Enza hanno invece permesso di ripristinare la funzionalità delle opere idrauliche nel tratto davanti all’abitato di Nirone, sulla sponda sinistra. Qui si è intervenuti sulla controbriglia di chiusura del sistema di regimazione idraulica ai piedi del paese, rinforzandola e assicurandone l’efficienza.

Realizzata inoltre la manutenzione straordinaria ad una briglia situata più a monte, con la ricostruzione della copertura in pietra e il rinforzo di parti strutturali danneggiate dall’azione erosiva della corrente durante le fasi di piena. Una protezione con massi ciclopici è stata realizzata anche nella sponda destra a monte della briglia.

Tutte le informazioni sui lavori in corso in Emilia-Romagna per la sicurezza del territorio sul sito: https://www.regione.emilia-romagna.it/territoriosicuro

Azioni sul documento

pubblicato il 2021/06/19 10:41:08 GMT+2 ultima modifica 2021-06-19T10:41:08+02:00