lunedì,  18 gennaio 2021

Sanità, in Emilia-Romagna 23mila assunzioni a tempo indeterminato in 5 anni: più di 8.600 solo nel 2020

Il 30% stabilizzazioni di personale precario: nell'anno della pandemia è successo a 1.160 infermieri, 445 medici e 486 Oss

medici chirurghi ospedale pazienteTecnologie, macchinari, modelli organizzativi, ma soprattutto persone: la Regione Emilia-Romagna lo ha fatto negli ultimi cinque anni, e anche per affrontare l’emergenza Coronavirus ha investito in maniera massiccia sul rafforzamento dell’organico degli ospedali e dei luoghi di cura, sia in termini numerici che di qualità del rapporto di lavoro. A partire da chi era già in prima linea a servizio della sanità regionale per la salute dei cittadini, valorizzandone l’esperienza maturata.

Sono oltre 23mila (23.298) le assunzioni fatte in sanità nel quinquennio 2016-2020, di cui più di 8.600 (8.626) lo scorso anno. Per un terzo si tratta di dipendenti del Sistema sanitario regionale che hanno visto il loro contratto flessibile convertito in uno a tempo indeterminato: 2.988 nel 2020, di cui la maggior parte infermieri (1.160), medici (445) e operatori socio-sanitari (486). Guardando poi al totale, dal 2016 a oggi, sono stati 7.470 i contratti stabilizzati in Emilia-Romagna, tra cui 2.110 medici e 2.270 infermieri: si tratta del 32% del totale delle nuove assunzioni a tempo indeterminato.

Un importante risultato che l’assessore regionale alle Politiche per la salute, Raffaele Donini, ha ricordato ai rappresentanti della Cgil-Funzione pubblica, oggi in viale Aldo Moro, durante un incontro sindacale.

Assessore Donini, incontro con i sindacati per la stabilizzazione dei precariAi delegati del sindacato, che hanno presentato le firme raccolte in una petizione per la stabilizzazione del personale, l’assessore ha infatti ricordato come anche per il 2021 e per l’anno successivo la Regione abbia intenzione di avvalersi di tutte le possibilità attualmente offerte dalla normativa di settore per la conversione a tempo indeterminato dei contratti di lavoro precari.

In particolare sono due le novità su cui fa affidamento l’ente per la propria campagna di stabilizzazione del personale: da una parte la proroga fino a fine 2021 degli strumenti di reclutamento speciali introdotti lo scorso anno a fronte della pandemia, dall’altra l’estensione alla fine del 2021 del periodo da prendere in considerazione per soddisfare il requisito dell’anzianità lavorativa previsto per la partecipazione alle procedure di stabilizzazione, che sarà valida anche per il personale assunto con tipologie contrattuali flessibili durante la fase di emergenza sanitaria. Queste possibilità aggiuntive riguardano però solo il personale sanitario e quello tecnico che opera in stretta collaborazione con i sanitari.

(In foto, da sinistra: Gaetano Alessi, responsabile della sanità dell'area metropolitana Fp-Cgil di Bologna; Raffaele Donini, assessore regionale alle Politiche per salute; Marco Blanzieri, responsabile regionale alla sanità della Fp-Cgil)

Azioni sul documento

pubblicato il 2021/01/18 18:03:00 GMT+2 ultima modifica 2021-01-18T18:09:36+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina