martedì,  8 settembre 2020

Agroalimentare, trasferimento tecnologico e innovazione: oltre 1 milione e 700mila euro per i progetti più all'avanguardia

Gli ultimi due bandi della Regione previsti dal Piano di sviluppo rurale 2014-2020. Domande ammesse entro il 25 novembre

R2B 2017 progetti Goi  Agricoltori, esperti, ricercatori, imprese. Insieme per realizzare progetti di produttività, sostenibilità e innovazione agroalimentare al passo con le sfide dell’Europa.

Sono i Gruppi operativi del Partenariato europeo per l’innovazione (Go del Pei), i destinatari degli ultimi due bandi, approvati dalla Giunta regionale, che vanno a finanziare le misure di ‘Sostegno per la costituzione e la gestione dei Gruppi operativi del Pei in materia di produttività e sostenibilità dell’agricoltura', previste dal Psr, Piano di sviluppo rurale 2014-2020.

L’obiettivo è selezionare i migliori progetti in grado di ottimizzare i sistemi di organizzazione, gestione e verifica tecnologica per l’uso razionale dell’acqua in agricoltura (Focus area 5A) e ridurre le emissioni di gas effetto serra e di ammoniaca prodotte dall’agricoltura, con particolare riferimento agli allevamenti regionali. (Focus area 5D).

La dotazione finanziaria complessiva ammonta a 1 milione e 740mila euro, di cui 840mila euro sono per i progetti relativi alla Focus area 5A e circa 900mila euro vanno ai gruppi operativi dedicati alla Focus area 5D.

I destinatari dei bandi

I beneficiari del sostegno sono i Gruppi Operativi del PEI. Il GO dovrà aggregare, quali membri effettivi, almeno un’impresa del settore agricolo che svolga attività di produzione e/o commercializzazione e/o prima trasformazione di prodotti agricoli e almeno un organismo di ricerca – sperimentazione, pubblico o privato, operante nei settori e discipline pertinenti agli obiettivi del Piano di innovazione del GO.

Possono far parte del GO, come partner effettivi, anche gli organismi di consulenza, gli enti di formazione, le organizzazioni di produttori agricoli, riconosciute sulla base della normativa vigente, le organizzazioni interprofessionali, riconosciute sulla base della normativa vigente e le imprese del settore agroindustriale che svolgono attività di produzione - commercializzazione -trasformazione di prodotti agricoli.

I progetti hanno una durata di 20 mesi e possono avere un contributo sulla spesa ammessa pari 90%, con un valore che può andare da un minimo di 50mila a un massimo di 200mila euro.

L'intensità dell'aiuto è pari al 100% della spesa ammissibile nel caso di attività di divulgazione e diffusione dei risultati.

Le domande possono essere presentate alla Regione Emilia-Romagna, Servizio Innovazione, qualità, promozione e internazionalizzazione del sistema agroalimentare, con la specifica modulistica prodotta dal Siag - Sistema informativo Agrea, entro le ore 13 di mercoledì 25 novembre.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/09/08 12:27:12 GMT+2 ultima modifica 2020-09-08T12:27:12+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina