martedì,  29 settembre 2020

Moria di vongole, la Regione: "Chiederemo l'attivazione del fondo di solidarietà nazionale"

L'assessore Mammi e il sindaco di Cesenatico Matteo Gozzoli programmano incontro con i pescatori interessati e la Consulta ittica regionale

Vongole veraci molluschi conchiglie Goro pescaE’ alta la preoccupazione del comparto ittico di Cesenatico a causa della moria di vongole.

In questi giorni, infatti, gli operatori del settore di Ravenna si sono messi in contatto con il servizio ittico della Regione Emilia- Romagna per segnalare il grave problema che interessa la zona tra Cervia e Cesenatico, in particolare le aree di Zadina e Tagliata di Cervia, e chiedere aiuto alle istituzioni.

Mentre non si registrano criticità nella Sacca di Goro, la situazione è problematica anche nei pressi di Porto Garibaldi, e in particolare nelle dighe foraniche e nelle concessioni dei canali. Il problema della raccolta dei molluschi a Cesenatico si somma ai pochi giorni di pesca a disposizione dei pescatori a causa della scarsità di materia prima. Situazione che si manifesta già da tempo e che sta mettendo a rischio un’attività economica vitale per molte famiglie.

L’assessore regionale all’Agricoltura, Caccia e Pesca, Alessio Mammi, assieme al sindaco di Cesenatico, Matteo Gozzoli, hanno deciso di convocare per i prossimi giorni un incontro con le rappresentanze dei pescatori interessati, con l’obiettivo di trovare soluzioni condivise.

Oltre all’incontro concordato tra l’assessore Mammi e il sindaco Gozzoli, è stata anche convocata la consulta ittica regionale per il prossimo 8 ottobre, durante la quale la moria delle vongole e la difficoltà di pesca dei bivalvi nel comparto di Ravenna saranno tra i temi trattati.

 

Perché si verifica il fenomeno

La moria delle vongole, riporta Arpae attraverso la struttura oceanografica Daphne, è la conseguenza di eventi eutrofici -mancanza di ossigeno sul fondali - che si verificano periodicamente lungo la costa emiliano-romagnola. Nell’area di mare analizzata sono state infatti rilevate zone circoscritte con concentrazioni di ossigeno molto basse, tendenti all’ipossia-anossia, un fenomeno che crea condizioni non idonee alla vita degli organismi e causato da condizioni di mare calmo, acque con localizzate fioriture micro algali e dalle alte temperature (26°). 

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/09/29 16:08:00 GMT+1 ultima modifica 2020-09-29T17:26:57+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina