giovedì,  28 maggio 2020

Suinicoltura, le proposte anti-crisi della Regione: subito i bandi per indigenti e un patto di filiera

L'assessore Mammi: "Fare presto, interventi urgenti per risollevare il mercato e superare l'attuale frammentazione". Riunione del tavolo istituzionale con la Regione Lombardia

allevamento suiniUn patto di filiera per definire in maniera chiara e trasparente gli impegni di ciascuna componente - allevatori, industria di macellazione e trasformazione e distribuzione - e la messa in campo di alcuni interventi urgenti per smaltire le eccedenze di mercato, a partire dall’attivazione dei bandi per gli indigenti e dall’avvio di campagne di corretta informazione alimentare e di promozione del made in Italy, con il coinvolgimento delle grandi catene di vendita.

 

Sono alcune delle misure indicate dall’assessore regionale all’Agricoltura, Alessio Mammi, nel corso del tavolo istituzionale tra le Regioni Emilia-Romagna e Lombardia sulla grave crisi che sta attraversando il settore suinicolo.

 

Le due regioni, insieme, rappresentano i due terzi di suini allevati in Italia, di cui oltre 800 mila nel territorio emiliano romagnolo, pari al 14,5% della produzione nazionale. Inoltre, in Emilia-Romagna vengono macellati ogni anno in una cinquantina di strutture oltre 3,9 milioni di capi, le cui carni sono in gran parte destinate alla filiera del prosciutto di Parma Dop.  

 

Proprio la filiera del suino pesante, che si distingue dal modello di allevamento europeo per la destinazione di gran di lunga prevalente delle carni ai prodotti della salumeria, è il comparto che in questo momento soffre di più, per il calo significativo dei prezzi al consumo e la concorrenza del prodotto generico, non a marchio Dop e Igp, mentre continuano a scendere le quotazioni di mercato dei suini da macello rilevati dalla Commissione unica nazionale.

Accanto a iniziative di impatto immediato sul mercato come i bandi per gli indigenti, la Regione Emilia-Romagna ribadisce poi l’importanza di adeguate campagne di promozione e corretta informazione per sostenere la ripresa dei consumi, utilizzando una parte, 1,5 su un totale di 5 milioni di euro, della dotazione del Fondo suinicolo nazionale. Gli altri 3,5 milioni saranno invece impiegati nell’ambito degli accordi di filiera per finanziare nuovi strumenti di valutazione automatica delle carcasse suine, per ristabilire un clima di fiducia reciproca tra allevatori e macellatori.

La Regione Emilia-Romagna spinge molto anche sul versante dell’innovazione e ha finanziato negli ultimi anni diversi progetti di ricerca. Infine, nell’ambito della nuova programmazione comunitaria 2021-2027, la Regione Emilia-Romagna chiede la creazione di un’Organizzazione comune di mercato zootecnica, sull’esempio del settore dell’ortofrutta, per favorire le relazioni tra i vari anelli della filiera.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/05/28 10:18:59 GMT+2 ultima modifica 2020-05-28T10:18:59+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina