Il programma completo

LA FESTA ARTUSIANA - IL PROGRAMMA
INCONTRI & SPETTACOLI
Sabato 1
Chiesa dei Servi, in Casa Artusi, Via A. Costa n. 27, ore 19.00
Apertura della Festa Artusiana 2020 nell'anno del bicentenario della nascita di Pellegrino Artusi con il
saluto di Milena Garavini, Sindaco del Comune di Forlimpopoli.
ARTUSI OGGI al tempo della novella attenzione alla cucina di casa
L'incontro vuole costituire un momento di riflessione sull'attualità dell'insegnamento artusiano anche a
seguito del tempo domestico trascorso dagli italiani nel corso degli ultimi mesi, ritrovando, forzatamente
ma felicemente, una nuova dimensione di pratica di cucina, libera e rassicurante.
La triade Igiene Economia Buongusto a cui Pellegrino Artusi si ispira sin dalla prima edizione del suo
manuale ancora oggi può servire da linea per chi ama preparare il proprio cibo e condividerlo a tavola.
A conclusione si propone il Manifesto della cucina in casa
Interventi:
Massimo Montanari, Presidente Comitato Scientifico di Casa Artusi, Università di Bologna
Mauro Felicori, Assessore alla Cultura e Paesaggio della Regione Emilia-Romagna
Alberto Capatti, Direttore Scientifico di Casa Artusi, storico della gastronomia
Andrea Segrè, Presidente Fondazione Fico, Università di Bologna
Stefano Salis, Il Sole 24 ore
Casa Artusi, Via A. Costa n. 27, ore 20.15
Mostra fotografica "A tavola con Fellini, ricordando l'Artusi"
Inaugurazione mostra prodotta e organizzata da Centro Cinema Città di Cesena, Regione Emilia-Romagna,
Casa Artusi di Forlimpopoli, Cineteca del Comune di Rimini.
Intervengono:
Milena Garavini, Sindaco di Forlimpopoli
Mauro Felicori, Assessore alla Cultura e Paesaggio della Regione Emilia-Romagna
Antonio Maraldi, curatore Mostra
Laila Tentoni, Presidente Casa Artusi
Cortile Palazzo Fabbri, via A. Costa n. 5, ore 20.00
Grandi Chef interpretano Artusi
Showcooking con lo Chef Cristian Pratelli
Executive Chef di "Summetrade", il King of catering 2013, formatosi alla scuola del grande Gino Angelini,
Premio Artusi nel 2007. Cristian Pratelli è uno “chef banqueting” di altissimo livello. Da vent’anni Cristian
conduce la cucina di Summertime, azienda riminese al primo posto in Romagna per questo tipo di attività.
La sua formazione parte con Gino Angelini. Un percorso teorico e pratico che gli serve quando si incontra
con gli chef di Fellini, Pavarotti e Gorbaciov. La sua carriera è ricca di premi e soddisfazioni: Medaglia d’oro
all’edizione 2006 degli Internazionali d’Italia, e svariati argenti in concorsi nazionali, a cui si aggiungono il
riconoscimento King of Catering 2013 ottenuto al “Taste” di Firenze. La sua vocazione per l’arte culinaria lo
stimola ad applicare sempre una meticolosa ricerca della massima qualità e della freschezza di un prodotto.
Sulla base dell’artigianalità della materia prima progetta ricette adatte ai grandi numeri del banqueting.
Rocca Ordelaffa, dalle 21 alle 23.30
Omaggio al “Verdi”
Proiezione sui torrioni di manifesti e foto storiche per festeggiare i 100 anni del cine-teatro Verdi. A cura di
Guido Vitali.
Arena centrale in Piazza A. Fratti (corte della rocca), ore 21.15 e 22.30
The magic show
spettacolo di grandi illusioni con Alberto Giorgi & Laura.
Alberto Giorgi e la sua assistente e complice Laura, sono fra i più interessanti esponenti dell'illusionismo
europeo. Nel loro stile coniugano modernità e tradizione, creano un universo unico e magico, costellato di
macchine incredibili ispirate dalle più belle fantasticherie di Jules Verne e G.H. Wells. I loro personaggi
sembrano uscire dalle pagine di un loro romanzo o da un moderno film di Tim Burton per l'approccio
sempre innovativo e visionario. L'eleganza dell'esecuzione e le loro incredibili illusioni vi incanteranno
trascinandovi con numeri visuali e avvincenti in una fantastica avventura ed esperienza magica. L'eleganza
dell'esecuzione e le loro incredibili illusioni vi incanteranno. Hanno vinto i più ambiti premi del settore
magico: 2° posto al “Shanghai Magic Festival” (2009), il prestigioso “Mandrake d'or” a Parigi (2008). Nel
2010 sono insigniti del “Trofeo magic stars” nel Teatro Princesse Grace dalla principessa Stefanie di Monaco.
Ingresso libero. Due repliche da 35 minuti ciascuna.
Domenica 2
Corte di Casa Artusi, Via A. Costa n. 27, ore 19.00
APP-eritivi a corte: storie-autori-assaggi
Ketty Magni, Artusi. Il bello e il buono (Cairo, 2020)
«Amo il bello e il buono ovunque si trovino.»
È stato il motto che ha sempre guidato Pellegrino Artusi, autentico pioniere della gastronomia in Italia, ed è
il filo conduttore del romanzo della sua vita ripercorso in queste pagine. Nato a Forlimpopoli due secoli fa,
uomo di fascino ma non senza contraddizioni, Artusi superò i tragici eventi che colpirono la sua famiglia e
reagì sempre caparbiamente a ogni avversità pur di riuscire a realizzare il suo grande progetto: unire l'Italia
a tavola attraverso la pubblicazione di un libro, La scienza in cucina e l'arte di mangiar bene, «manuale
pratico per le famiglie» contenente ricette per ogni gusto, sperimentate con cura. Nel suo nuovo romanzo,
l’autrice ricostruisce quell'impresa restituendo i tratti del personaggio, le vicende private e l'atmosfera di
un'epoca: un capitolo cruciale della storia culinaria nazionale.
Conversa con l’autore, Ketty Magni
Alberto Capatti, Direttore scientifico di Casa Artusi.
Segue un brindisi.
Ingresso libero
Cortile Palazzo Fabbri, via A. Costa n. 5, ore 20.00
Grandi Chef interpretano Artusi
Showcooking con lo Chef Silver Succi
Chef del Ristorante "Quartopiano" di Rimini (Forlimpopolese “in trasferta”)
La passione di rielaborare, in chiave personale ed artistica, i piatti della tradizione locale, accompagna lo
chef Silver Succi in una meticolosa ricerca di armonie nei sapori e negli ingredienti. Ricerca e lavoro che
trovano come sede il ristorante Quartopiano, a Rimini. Un talento innato per la cucina quello di Silver, che si
affina con anni di studio ed esperienza a fianco di alcuni pilastri del panorama gastronomico italiano,
come Gualtiero Marchesi, Mauro Uliassi, Gino Angelini e Vincenzo Cammerucci. Per Silver è fondamentale
conoscere e “sentire” le tradizioni culinarie nella storia del territorio, così come lo è essere sempre
aggiornati sulle ultime tecniche di cottura. Ciò che fa la differenza in una cucina è ad ogni modo la
sensibilità personale, che scaturisce dall’esperienza e dall’amore per il proprio mestiere. È la passione
sincera per il cucinare ciò che, secondo Silver, ti spinge a voler “andare oltre”, e ti conduce a una costante
ricerca dell’eccellenza del risultato.
Rocca Ordelaffa, dalle 21 alle 23.30
Omaggio al “Verdi”
proiezione sui torrioni di manifesti e foto storiche per festeggiare i 100 anni del cine-teatro Verdi. A cura di
Guido Vitali.
Arena centrale in Piazza A. Fratti (corte della rocca), ore 20.30
Consegna del Premio al vincitore del concorso Marietta, riservato ai cuochi non professionisti.
Consegna dei Premi Marietta ad honorem a Franco Chiarini e a Bruno Gambacorta.
Conduce la serata: l’attrice, Maria Pia Timo
a seguire (ca. ore 21.30)
Corpo
Il Recital Corpo, è uno spettacolo in cui i grandi temi dell’attualità, permeando il corpo ostentato, caldo e
burroso di Maria Pia Timo si fondono con le tematiche più varie. Spunti nati dal quotidiano, visto con
un’ottica femminile. Sola sul palco, graffiante, coinvolgente, contemporanea, spassosa e in continuo dialogo
col pubblico, per uno spettacolo sempre esilarante e coinvolgente. In tv l’avete potuta visionare a ZELIG nei
panni di Sos Tata e al telefono nelle vesti della sua surreale Vendicatrice Telefonica. L’avete vista su Rai 2
stravaccata sui divanetti di QUELLI CHE IL CALCIO, con Simona Ventura prima, con Vittoria Cabello e ora con
Nicola Savino. Prima ancora su Rai 2, accanto a Belen Rodriguez nel varietà STAMO TUTTI BENE. Oppure
nelle due edizioni del fortunatissimo programma VESPA TERESA (Alice – can. 221 del digitale terreste),
cinquanta puntate e passa di interviste e cucina in terra di Romagna e internazionali e alle conduzione di
FRATELLI COLTELLI. E ancora tantissime apparizioni televisive. Sul grande schermo ha debuttato con Pupi
Avati, nel cast de GLI AMICI DEL BAR MARGHERITA, assieme a Neri Marcorè, Diego Abatantuono, Fabio De
Luigi, Luigi Lo Cascio, e poi ha continuato con REGALO A SORPRESA, per la regia di Fabrizio Casini, con
Massimo Ceccherini, e nel film di Carlo Vanzina TORNO INDIETRO E CAMBIO LA MIA VITA, di prossima
uscita, a fianco a Raul Bova. In radio ha divelto onde medie ed onde lunghe dalle prestigiose frequenze di
OTTOVOLANTE (RadioDue), ed è stata ospite fissa della trasmissione UN GIORNO DA PECORA (RadioDue),
condotta da Claudio Sabelli Fioretti e Giorgio Lauro nei panni della Divina Thelma, moglie del Mago Otelma;
mentre in teatro, dopo i tanti ruoli brillanti e le incursioni in palchi, locali e predelle adibite al puro cabaret,
fa la comica in compagnia o da sola.
Ingresso libero. Unica replica di 90 minuti
Lunedì 3
La Festa Artusiana si colora di Rosa – la Pink Week
Chiesa dei Servi, Via A. Costa n. 27, ore 18
Alimentiamo il benessere.
Tra cucina e medicina, tante diete diverse, ma cosa dice la Scienza?
Ascoltiamo un approccio basato sull'evidenza scientifica.
Dialogheranno il Dr. Matteo Micucci, Prof. Università di Bologna, PhD in Scienze Farmaceutiche e Scienziato
nei settori della Nutraceutica e della Chimica degli Alimenti, e Annalisa Calandrini, Naturopata,
Foodblogger di Amarsicucinando
MAF – Museo Archeologico “Tobia Aldini”, Piazza A. Fratti n. 5 (corte della rocca) ore 19:00
Visita guidata alla Mostra TOUROPERATOR. Diario di Vite dal Mare di Sicilia
Mostra dell'artista Massimo Sansavini
visita gratuita, gradita la prenotazione
Centro Storico di Forlimpopoli, dalle ore 19.00
L'omaggio della Festa Artusiana alla Pink Week
Allestimenti a tema per le vie della città, ricette a tema proposte dai ristoranti della Festa, e due
spettacoli teatrali alle 21.30 ed alle 22.30 dedicati al mondo della magia (in rosa).
Corte di Casa Artusi, Via A. Costa n. 27, ore 19.00
APP-eritivi a corte: storie-autori-assaggi
Alberto Capatti, Pellegrino Artusi Il fantasma della cucina italiana (Mondadori, 2019)
Finalmente la biografia che mancava.
La lunga e intensa vita di Artusi viene raccontata nel volume che rende giustizia alle tante inesattezze che si
sono reiterate fino ai giorni nostri. Quindi in occasione del bicentenario finalmente una biografia realizzata
da parte del massimo esperto artusiano che, sfogliando autobiografia, ricettario e carteggio conservato in
Casa Artusi, ha ricomposto l’esistenza, gaudente ma non mondana, del ricco commerciante
forlimpopolese passato alla storia, oltre le sue stesse intenzioni, per aver raccontato agli italiani la cucina
domestica nazionale.
Poiché Pellegrino Artusi amava i libri, e li ascoltava, questa biografia, riassunto della sua vita vissuta e di
quella da noi immaginata cuocendo aneddoti, documenti e lettere, è una lunghissima ricetta per la nostra,
per la vostra, pentola esistenziale.
Conversa con l’autore Alberto Capatti
Antonio Tolo, Responsabile Biblioteca Comunale
Ingresso libero
Per l'occasione viene anche proposta l'edizione del bicentenario del manuale artusiano (Rizzoli, 2020)
curata da Alberto Capatti, massimo esperto artusiano.
Sala Mostre in Piazza A. Fratti n. 9 (corte della rocca), ore 20.00
Inaugurazione mostre:
I volti di Artusi - sala mostre
Forlimpopoli e forlimpopolesi a matita 2 – a casa di Baldelli
Aggiungi un posto a tavola. Convivialità nei tempi e nell'arte e nel cinema e Ho parlato con l'Artusi –
Galleria d'Arte A Casa di Paola
Amici dell'Arte - Artisti alla Festa – palazzo in Via Costa
Visioni siderali di Alessandro Turoni presso il Ristorante di Casa Artusi
Cortile Palazzo Fabbri, via A. Costa n. 5, ore 20.00
Grandi Chef interpretano Artusi
Showcooking con la Chef Elide Pastrani e Flavio Cerioni
Chef del Ristorante "Alla Lanterna" di Fano (grande cucina della tradizione con materia prima eccellente).
Flavio Cerioni e Elide Pastrani aprono l’1 gennaio 1976 un’accogliente locanda con ristorante. Elide giovane
e inesperta si mette in cucina e studia il pescato del giorno che Flavio le porta ogni mattina. Col passare del
tempo prende confidenza, cresce, si arricchisce di esperienze tanto che oggi è una delle migliori cuoche
d’Italia. Sa creare e comporre osando con audacia sicura. I piatti nascono dal confronto con Flavio, uno degli
uomini a cui la regione Marche deve dire grazie per dedizione, fedeltà e impegno. Da quel giorno ad oggi
molte cose sono cambiate. Una solo è rimasta tale: la stagionalità dal mare alla terra.
Rocca Ordelaffa, dalle 21 alle 23.30
Il Verdi omaggia la Settimana Rosa
proiezione sui torrioni della Rocca di manifesti e foto storiche di film romantici. A cura di Guido Vitali.
Arena centrale in Piazza A. Fratti (corte della rocca), ore 21.15 e 22.30
Kalinka
Spettacolo di circo teatro con Nando a Maila.
Uno spettacolo che, attraverso il clown musicale, esplora la storia di una coppia di artisti ben assortita che
ha del Felliniano: lui (Mascherpa) è uno sgangherato impresario-presentatore-spalla, lei (Maila Zirovna) è
una non meno pasticciona primadonna venuta-scappata-scacciata, vai a capire, dalla grande tradizione
circense della Russia sovietica. Nando e Maila portano in scena una carica ludica e tenera che innerva screzi,
frecciate, dispetti e che si arricchisce man mano di poesia. Duettano con contorsionismi musicali esecutivi,
quando abbracciati ballano un tango mentre suonano fisarmonica e violino. In KALINKA la musica dal vivo si
intreccia con gags, tormentoni, acrobazie aeree e giocolerie. Un viaggio nei personaggi del circo
tradizionale, messo in scena attraverso un linguaggio di Circo Contemporaneo.
Ingresso libero. Due repliche da 35 minuti ciascuna.
Martedì 4
Buon compleanno Pellegrino Artusi
Cortile Palazzo Fabbri, via A. Costa n. 5, ore 19.00
Apertura dell'anno del bicentenario artusiano
Intervengono:
Milena Garavini, Sindaco del Comune di Forlimpopoli
Alessio Mammi, Assessore all'agricoltura e agroalimentare, caccia e pesca della Regione Emilia-Romagna
a seguire, sempre nel Cortile Palazzo Fabbri, via A. Costa n. 5, fino alle ore 22.00
Annullo del francobollo emesso in occasione del bicentenario dalla nascita di Pellegrino Artusi
MAF – Museo Archeologico “Tobia Aldini”, Piazza A. Fratti n. 5 (corte della rocca) ore 19:00
Visita guidata alla Mostra TOUROPERATOR. Diario di Vite dal Mare di Sicilia
Mostra dell'artista Massimo Sansavini
visita gratuita, gradita la prenotazione
Arena centrale in Piazza A. Fratti (corte della rocca), ore 19.30
Buon compleanno Pellegrino
Torna Pellegrino Artusi nei panni del detective
Marco Malvaldi presenta il suo ultimo libro Il borghese Pellegrino
(Sellerio, 2020)
Dopo “Odore di chiuso”, l’autore torna a far rivivere l’Artusi come protagonista d’eccezione, questa volta
assieme al suo più grande sostenitore: il medico, antropologo e senatore Paolo Mantegazza. Marco Malvaldi
rende ancora omaggio al grande gastronomo nel suo secondo centenario della nascita con questo nuovo
romanzo costruito come un perfetto «enigma della camera chiusa». Gli anni della belle époque, gli intrecci
tra politica e finanza che legavano l’Italia all’Impero Ottomano, il borghese Pellegrino, con la sua passione
rivoluzionaria per la cucina, la familiarità con la chimica, il sentimento di unità nazionale che lo animava:
gli ingredienti per un giallo colto, divertente e istruttivo.
Conversano con l’Autore
Alberto Capatti e Massimo Montanari, Casa Artusi
Piazza Garibaldi, ore 20.30
A Cena con Tramonto DiVino
Il road show più gustoso dell’estate in Emilia-Romagna torna a Forlimpopoli in piazza Garibaldi per celebrare
Artusi! Protagonisti i vini d’eccellenza dell’Emilia-Romagna proposti dai sommelier A.I.S., insieme ai prodotti
Dop e Igp regionali. Fil rouge della serata la cucina artusiana nel giorno del 200° anniversario della nascita di
Pellegrino Artusi. A interpretare i piatti in chiave artusiana un grande chef stellato, Gianpaolo Raschi
(Ristorante Guido 1946 di Rimini - Una Stella Michelin), insieme alla maestra di cucina Carla Brigliadori
(Scuola di Casa Artusi, Forlimpopoli).
In degustazione:
- Cappelletto ripieno di (ricetta artusiana n. 497) Cefali in gratella con la sua salsa e Aceto Balsamico
Tradizionale di Modena Dop Extraveccchio
- Ricetta Artusiana n. 520. Palombo in umido
- Ricetta Artusiana n. 697. Pesche ripiene - Pesche nettarine di Romagna Igp.
Ouverture con Assaggi di prodotti tipici: Salumi e formaggi Dop e Igp regionali, assortimento di formaggi del
territorio, Cozza Romagnola.
In abbinamento oltre 15 tra le migliori etichette regionali selezionate dalla guida Emilia-Romagna da bere e
da Mangiare 2019. A fine serata, brindisi e torta artusiana per celebrare il bicentenario della nascita del
cittadino più illustre e il genuis loci di Forlimpopoli che ne ha dato i natali, alla presenza dell’Assessore
Regionale all’Agricoltura Alessio Mammi. Cena a pagamento, posti limitati - Info e prenotazione obbligatoria
su: https://shop.emiliaromagnavini.it/eventi/a-cena-con-tramonto-divino-forlimpopoli-4-agosto.4.html
Arena centrale in Piazza A. Fratti (corte della rocca) e Rocca Ordelaffa, dalle 21 alle 23.30
Buon compleanno Pellegrino da....Firenze, Italia, Mondo
Un augurio e un pensiero artusiano da professionisti dell'arte e della scienza del buon cibo italiano
in Emilia-Romagna e in Toscana
Finale del concorso on-line promosso dalle Associazioni Cuochi Romagnoli e Cuochi Fiorentini, in
collaborazione con Casa Artusi rivolto ai cuochi professionisti, ambasciatori della cultura enogastronomica
tosco-romagnola, ore 17 in diretta sulla pagina facebook di Associazione cuochi romagnoli. (caricarte il
bando sul sito web e il link)
nel mondo
INTERNATIONAL DAY of ITALIAN CUISINES dedicata a Pellegrino Artusi, organizzata da itchefs-GVCI (Virtual
Group of Italian Chefs), una rete di professionisti della cucina che opera in 70 paesi . In collaborazione con
Casa Artusi gli chef che aderiscono all’iniziativa propongono nei loro ristoranti la ricetta n. 7 “Cappelletti
all’uso di Romagna”. In tutto il mondo, da Hong Kong a Città del Messico, da Lione a Lima, da Dubai a
Buenos Aires passando per San Pietroburgo etc, si mangerà il piatto più amato dai romagnoli e da Artusi
stesso. Scrive un’amica al famoso gastronomo parlando di cappelletti “sono d’accordo con Lei nel chiamarli
la prima minestra del Mondo”.
Mercoledì 5
La Milanesiana fa tappa a Forlimpopoli
MAF – Museo Archeologico “Tobia Aldini”, Piazza A. Fratti n. 5 (corte della rocca) ore 19:00
Visita guidata alla Mostra TOUROPERATOR. Diario di Vite dal Mare di Sicilia
Mostra dell'artista Massimo Sansavini
visita gratuita, gradita la prenotazione
Cortile Palazzo Fabbri, via A. Costa n. 5, ore 19.00
Premiazione concorso FIORIMPOPOLI 2020
Si terrà la consegna dei premi a tutti i vincitori delle diverse categorie proposte nel primo concorso di
"Fiorimpopoli 2020". Concorso indetto in occasione dell'annuale manifestazione di Fiorimpopoli, giunta
quest'anno alla sua XVI edizione, ma che l'emergenza Covid ne ha impedito la realizzazione.
Le 4 categorie sono state:
- il BALCONE FIORITO più bello,
- il GIARDINO FIORITO più bello,
- il DISEGNO più bello dedicato a “Il mio Giardino Ideale” (riservato ai bambini dai 6 ai 12 anni)
- la RICETTA CON I FIORI più gustosa.
Corte di Casa Artusi, Via A. Costa n. 27, ore 19.00
APP-eritivi a corte: storie-autori-assaggi
La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene
Traduzione in Giapponese a cura della Prof. Hiroko Kudo (Heibonska, Tokio, 2020)
Il manuale artusiano è stato tradotto nelle più importanti lingue del mondo. L'ultima è quella in giapponese,
conclusa nell'anno delle 200 candeline artusiane e realizzata con grande attenzione filologica, grazie alla
determinazione della curatrice. Essa rappresenta un ulteriore passo in avanti nella promozione della cultura
gastronomica e della cucina italiana nel mondo che conferma l’Artusi quale ambasciatore delle eccellenze
agro-alimentari nazionali e del made in Italy.
Conversa con la curatrice Hiroko Kudo, Chuo University Tokio
Anabela Ferreira, Dipartimento di Interpretazione e Traduzione di Forlì (Alma Mater di Bologna) che, oltre
ad aver curato la traduzione in portoghese del manuale, ha realizzato il primo eserciziario ispirato al
ricettario artusiano, per studenti di qualsiasi lingua, che vogliono perfezionare la conoscenza del
portoghese, tramite uno degli aspetti più tipici della cultura italiana: la cucina.
Introduce Laila Tentoni, Presidente di Casa Artusi
Segue un brindisi
Ingresso libero
Arena Centrale in Piazza A. Fratti (corte della rocca) ore 21.00
Milanesiana
Notte Romagnola. I colori della Romagna/3 – L'Italia di Dante e di Artusi
Letture e dialogo in compagnia di Oscar Farinetti, Camilla Baresani, Giulio Ferroni e Marco Mavaldi.
Proiezione di alcuni filmati e cortometraggi: L’arte in cucina di Angela Ricci Lucchi (2020), Cortometraggio
inedito di Yervant Gianikian. Voce recitante Lucrezia Lerro
La serata sarà introdotta e coordinata da Fabio Francione con l'intervento di Orietta Berti. A seguire musica
dal vivo con Extraliscio e Orietta Berti.
L’appuntamento sarà visibile anche in streaming su Corriere.it e Lamilanesiana.it
Giovedì 6
Il record della sfoglia più lunga al mondo
Via A. Costa, dalle ore 20.30
La sfoglia più lunga del mondo
Forlimpopoli ospiterà il tentativo di stabilire il record del mondo di lunghezza di una sfoglia. L’obiettivo è
raggiungere i 130 metri, come richiesto dal Guinness dei primati.
Corte di Casa Artusi, Via A. Costa n. 27, ore 19.00
APP-eritivi a corte: storie-autori-assaggi
AA.VV., La salute nella Romagna dell’Ottocento. Il caso della pellagra, a cura di Chiara Arrighetti
(Società di Studi Romagnoli, 2019)
La Romagna. Geografia e storia per l’ing. Rosetti (Hoepli, 1894), si offre ancora oggi come imprescindibile
affresco sulle nostre terre di fine Ottocento. Particolarmente attento anche alle tematiche economicosociali, Emilio Rosetti nella compilazione dell’opera - realizzata al rientro in Italia, dopo due decenni di
trionfi accademici in Argentina - rivolge l’attenzione alla problematica situazione sanitaria. Tra le altre
afflizioni, cita il morbus a medicis vocato pelagra, una patologia molto grave determinata dall’estrema
miseria che costringeva i meno abbienti, specie i braccianti agricoli, ad alimentarsi quasi esclusivamente con
polenta di mais. In questo nuovo saggio, realizzato dalla Fondazione Italia Argentina - Emilio Rosetti, una
rosa di saggisti affronta le caratteristiche del male, le cause, la diffusione, le misure atte a combatterlo,
colmando un vuoto di conoscenze nella storia della medicina nazionale. Presentano la pubblicazione,
realizzata dalla Fondazione Emilio Rosetti: Maurizio Castagnoli, Presidente, Giancarlo Cerasoli, medico e
saggista, Carla Giovannini, docente di geografia all’Alma Mater Studiorum - Università di Bologna.
Segue un brindisi.
Ingresso libero
Rocca Ordelaffa, dalle 21 alle 23.30
Omaggio al “Verdi”
proiezione sui torrioni di manifesti e foto storiche per festeggiare i 100 anni del cine-teatro Verdi. A cura di
Guido Vitali.
Arena centrale in Piazza A. Fratti (corte della rocca), ore 21.15 e 22.30
Hey food
Spettacolo di teatro comico con gli Appiccicaticci con: Renato Preziuso, Tiziano Storti e il maestro Alessio
Granato. Gli Appiccicaticci sanno come trattare i piatti e i loro ingredienti, e lo fanno ovviamente
improvvisando. Nato durante Il Festival Internazionale di Improvvisazione a Lione, HEY FOOD unisce due arti
assolutamente vicine: la cucina e l’improvvisazione e lo fa con uno spettacolo assolutamente unico e
divertente nel suo genere; ogni ingrediente diventerà il pretesto per raccontare una storia, ogni pietanza
sarà improvvisato alla maniera di un preciso genere cinematografico, ogni portata celerà una storia che
nessuno (nemmeno noi) poteva immaginarsi. HEY FOOD è un piatto bianco, noi siamo le posate, ma il
pubblico rappresenta gli ingredienti, così da godersi uno spettacolo come fosse la migliore cena (o pranzo
beninteso) della vostra vita.. Tutto, ovviamente in stile APPICCICATICCI, ovvero folle, geniale e
assolutamente IMPROVVISATO Il gruppo Appiccicaticci: formatosi nel 2004, vanta una ventina di
riconoscimenti nel panorama del cabaret come VINCITORI ASSOLUTI: Premio Charlot, Premio Storchi
Cabaret Emergente Modena, Delfino D’oro Adriatica Cabaret, Premio Troisi, Locomix San Marino, Premio
Petrolini, Bravo Grazie RAI 2, vincitori premio Skenè e Petrolini con “L’assassino è quello che resta in piedi”
Ingresso libero. Due repliche da 35 minuti ciascuna.
Venerdì 7
La Festa Artusiana omaggia Fellini nel centenario della sua nascita
Casa Artusi, Via A. Costa n. 27, ore 20.15
Visita guidata alla Mostra "A tavola con Fellini, ricorando l'Artusi"
visita guidata alla mostra fotografica con il curatore Antonio Maraldi
ingresso libero fino a esaurimento posti
Corte di Casa Artusi, Via A. Costa n. 27, ore 19.00
APP-eritivi a corte: storie-autori-assaggi
Martina Liverani, Atlante di geogastronomia. Edizione illustrata (Rizzoli, 2020)
La cucina trae beneficio dalle differenze e si arricchisce delle diversità (ingredienti, tecniche, nuovi modi di
consumo), ma da sempre ha avuto anche e soprattutto il ruolo di azzerare le differenze e unire le persone.
Il cibo è un mezzo di conoscenza reciproca e di aggregazione: è il più antico e moderno dei social network,
perché basta una tavola apparecchiata per far nascere una relazione, un legame nuovo tra i convitati. Una
geogastronomia è dunque una geografia della cucina e delle abitudini alimentari che ridisegna il mondo in
zone culinarie, definisce luoghi e non luoghi, mode e manie, spazi reali e virtuali. Ridisegnare il mondo
partendo dal cibo. Una nuova geografia della cucina e delle abitudini alimentari, per scoprire un linguaggio
universale che unisce e non divide.
Conversa con l’autrice Martina Liverani
Mattia Fiandaca, Radio Evolution Parma
Segue un brindisi.
Ingresso libero
Cortile Palazzo Fabbri, via A. Costa n. 5, ore 20.00
Grandi Chef interpretano Artusi
Showcooking con lo Chef Enrico Croatti
Chef del ristorante "Moebius" di Milano, allievo del Premio Artusi
Gino Angelini e del grande Paul Bocuse.
Nato a Rimini nel 1982, il giovane chef ha appreso le basi del mestiere alla scuola alberghiera della sua città.
Curiosità e desiderio di crescere non gli hanno mai fatto difetto, così, appena ne ha avuto
l'occasione, ha lasciato la costa romagnola per approdare ad altri lidi. Ecco allora la felice avventura
d'oltreoceano alla corte di Gino Angelini, a Los Angeles. Poi le esperienze al Akelarre, insegna tristellata di
San Sebastian in Spagna, al Les Terrasses de Lyon del Relais & Chateaux Villa Florentine di Lione, senza
dimenticare il Grand Hotel Miramonti Majestic di Cortina d’Ampezzo e l’incontro, sempre a Lione, con Paul
Bocuse a l’Auberge du Pont de Collonges. Nonostante la giovane età, Croatti ha già messo in bacheca tanti
riconoscimenti tra i quali spicca la prima stella Michelin che dal 2013 brilla sulla sua cucina. Stella
conquistata per l'ottimo lavoro che sta svolgendo a Madonna di Campiglio come executive chef del
Dolomieu, il ristorante del DV Chalet Boutique Hotel & Spa.
Arena centrale in Piazza A. Fratti (corte della rocca), ore 21.15 e 22.30
Fellinik
Un omaggio poetico a Federico Fellini attraverso le ombre, la sand art e la magia, nel centenario della sua
nascita con Federico Pieri.
Attraverso una tecnica mista che vede l’utilizzo delle ombre cinesi, la manipolazione della sabbia, il disegno
creativo e la magia, vengono evocati personaggi e scene dei lungometraggi più celebri del regista italiano. E
così Marcello Mastroianni ne “La Dolce Vita”, Alberto Sordi nei “I Vitelloni”, Ciccio Ingrassia in “Amarcord” e
altre citazioni e sequenze figurate dei film “I Clown”, “Otto e mezzo”, prendono vita sulle note dei suggestivi
brani di Nino Rota.
Le abili mani di Federico Pieri si trasformano in creature umane grazie alla tecnica delle ombre,
realizzate a vista con il corpo. Poi il tavolo luminoso si cosparge di sabbia e le mani cominciano
magicamente a disegnare. L’artista modella la sabbia sotto gli occhi stupiti degli spettatori, dando vita ad
immagini che si susseguono come fosse una sequenza cinematografica montata senza discontinuità. Uno
spettacolo in perfetto stile amarcord, che fa emozionare
Ingresso libero. Due repliche da 35 minuti ciascuna.
Rocca Ordelaffa, ore 21.15 e 22.30
Omaggio a Fellini
proiezione sui torrioni della Rocca dello spettacolo “Fellinik” in diretta dal palco dell'Arena centrale.
Sabato 8
Distanti ma vicini, la Festa Artusiana saluta i gemelli francesi nell'anno del ventennale tra la città di
Forlimpopoli e di Villeneuve-Loubet
Parco Urbano "L. Lama", Via Piero Camporesi, ore 18.30
20° anniversario del gemellaggio di Forlimpopoli e Villeneuve-Loubet
Cerimonia commemorativa presso l'ulivo donato dal Sindaco della città di Velleneuve-Loubet, Lionell Luca,
in occasione della firma del gemellaggio avvenuta il 1° luglio del 2000. L'ulivo, simbolo della pace e della
cultura mediterranea, fu piantato ai margini del nascente parco urbano in un'area verde, tra la via Matteotti
ed il parcheggio, denominata oggi per l'occasione: "la colline de l'amitié". Alla cerimonia sono presenti i
sindaci di Forlimpopoli che si sono succeduti dal 2000 ad oggi (Maurizio Castagnoli, Paolo Zoffoli, Mauro
Grandini e Milena Garavini) ed una delegazione francese in dimensioni ridotte per il Covid-19. Allietano
l'evento gli Sbandieratori e Tamburini del gruppo storico Brunoro II di Forlimpopoli.
a seguire, in Piazza Garibaldi, ore 19.30 ca
Cerimonia di apertura dello stand francese gestito dalle Associazioni Culturali "Pais Beaujolais/Le Bonne
Europe" e "Gemellaggi del Gusto di Forlimpopoli". Sono proposti piatti tipici della cucina francese,
pâtisseries sèches, vari vini francesi e la famosa pêche Melba dello chef Auguste Escoffier.
Corte di Casa Artusi, Via A. Costa n. 27, ore 19.00
APP-eritivi a corte: storie-autori-assaggi
Luisanna Messeri - Angela Simonelli, Le stories di #Artusi
(Giunti, 2019)
Vita, ricette e miracoli dell’uomo che rivoluzionato la cucina degli italiani.
Ma l’Artusi uomo chi era? Com’è diventato il più autorevole esperto della cucina italiana? E naturalmente la
pratica domestica con i fedeli Francesco e Marietta. Oltre al racconto della vita di Artusi, le autrici hanno
scelto 50 ricette con le quali, anche chi non sa tenere un mestolo in mano, potrà cimentarsi per preparare
piatti buoni e belli. Un viaggio gastronomico in territori dimenticati per scoprire, assaporare, recuperare
un paradiso di sapori. Perché la cucina è estrosa…
Conversa con l’autrice, Premio Marietta ad Honorem 2007, Luisanna Messeri
Laila Tentoni, Presidente di Casa Artusi
Ingresso libero
Corte di Casa Artusi, Via A. Costa n. 27, ore 20.15
Artusi a tutto vapore, showcooking
Nel corso della serata i Maestri di Cucina Carla Brigliadori e Maurizio Marrocco prepareranno deliziose
pietanze di origine Artusiana, con l’aiuto dei forni a vapore e dei piani a induzione Electrolux. Anche in
cucina infatti, si possono attuare scelte responsabili e sostenibili come limitare lo spreco di cibo, prestare
attenzione ai consumi energetici e utilizzare tecniche di cottura più salutari. La cottura a vapore di Electrolux
infatti permette di creare piatti squisiti e incredibilmente sani, esaltando i sapori degli alimenti e
preservando le proprietà nutritive. Mentre i piani a induzione consentono di regolare l’assorbimento di
energia, evitando sprechi e assicurando risultati straordinari in poco tempo.’’
In collaborazione con Electrolux
Special guest: Luisanna Messeri, Premio Marietta ad Honorem 2007
Segue un brindisi con degustazione
Rocca Ordelaffa, dalle 21 alle 23.30
Omaggio ai gemelli di Francia
in occasione del XX anniversario del gemellaggio fra Forlimpopoli e Villeneuve-Loubet, proiezione sui
torrioni di immagini legate alla Francia.
Arena centrale in Piazza A. Fratti (corte della rocca), ore 21.15 e 22.30
Cucina in punta di piedi
Spettacolo col teatro dei piedi con Veronica Gonzales.
La straordinaria figura di Pellegrino Artusi raccontata attraverso gli occhi incantati della sua fedele aiutante
Marietta. La cucina fa da sfondo al rapporto tra il Maestro, burbero ma bonario, e l’Allieva, pasticciona,
sognatrice ma sempre devota. Con abilità di trasformista, Veronica Gonzalez dà vita a episodi esilaranti
utilizzando la tecnica del “Teatro dei Piedi”. I personaggi dello spettacolo sorgono dai piedi e dalle gambe
dell’attrice creando invenzioni, gags e coreografie sorprendenti accompagnata da quei giganti (Rossini,
Ponchielli, Verdi, Puccini, Collodi) che come lo stesso Artusi hanno fatto l’Italia degli ITALIANI. Questo
omaggio a Pellegrino Artusi non vuole essere una biografia né un trattato di cucina, proprio per la scelta
espressiva di non usare la parola. Grazie al teatro di figura, gli stimoli saranno più visuali e fantasiosi nella
prospettiva di arrivare ad un pubblico internazionale.
Ingresso libero. Due repliche da 35 minuti ciascuna.
Domenica 9
Corte di Casa Artusi, Via A. Costa n. 27, ore 18.00
Nocini a Confronto per il Bicentenario Artusiano
Dodicesima edizione per il confronto dedicato ai nocini di produzione casalinga: organizzato dalla
Associazione Italiana Sommelier sezione Romagna in collaborazione con il Comune di Forlimpopoli, Casa
Artusi e l’Istituto Alberghiero “Pellegrino Artusi” di Forlimpopoli. Durante la premiazione, incontro pubblico
sul nocino tradizionale in Emilia-Romagna, una giuria composta da Sommelier AIS ed esperti degustatori di
nocino valuterà i cinque campioni arrivati in finale e consegnerà i PREMI Noce d’oro, d’argento e di bronzo.
Cortile Palazzo Fabbri, via A. Costa n. 5, ore 20.00
Grandi Chef interpretano Artusi
Showcooking con lo Chef Mattia Borroni
Chef del Ristorante "Cinema Alexander" di Ravenna, giovane con una grande fantasia e mano superlativa.
Mattia, brillante ed estroverso, allegro e determinato, ad 11 anni scopre la sua passione per la cucina.
Passione e pazzia, improvvisazione e buon senso sono le doti utili per dare il meglio di sé. Nei suoi piatti,
radicati nel gusto della memoria, c’è il richiamo alle origini, nella semplicità dei suoi gesti c’è quel pizzico di
classe che riesce sempre a dare vita alle sue creazioni. Per lui la ricerca del “gusto” è l’ingrediente
sostanziale per fare emozionare e che lo porta a coltivare un solo desiderio, che è quello di fare al meglio
tutto.
Rocca Ordelaffa, dalle 21 alle 23.30
Omaggio al “Verdi”
proiezione sui torrioni di manifesti e foto storiche per festeggiare i 100 anni del cine-teatro Verdi. A cura di
Guido Vitali.
Arena centrale in Piazza A. Fratti (corte della rocca), ore 21.15 e 22.30
Alto livello
Spettacolo di trasformismo e illusionismo su trampoli e di grande impatto scenico con Circomprovviso.
“Alto livello” è uno spettacolo contenitore di tanti sketch comici e di grande impatto visivo.
Lo spettacolo nasce nel 1993 e sono tantissime oramai le variazioni che ogni anno vi sono state apportate.
Uno spettacolo senza parole tutto improntato al fascino della figurazione, riscuote un grandissimo successo
ovunque venga programmato (ha rappresentato l’Italia al festival di Shizouka in Giappone). "Alto Livello" è
uno spettacolo senza età che usa la tecnica del trasformismo e dell’illusionismo su trampoli. Un teatro di
figura nuovo ed originale dove viene presentata una galleria di suggestivi personaggi umani o animali: la
mosca, il cavallo/cavaliere, la medusa, la giraffa, la ballerina, Aladino sul tappeto volante, il nanofunambolo, tutti realizzati con semplici trucchi basati sul prolungamento (o meglio, la deformazione) degli
arti. Indimenticabile la metamorfosi ‘a vista’ del bruco che diventa farfalla. Oltre alla suggestione delle
figure è molto efficace anche la velocità della trasformazione.
Ingresso libero. Due repliche da 35 minuti ciascuna.
MOSTRE
MAF – Museo Archeologico "Tobia Aldini"
Collezioni stabili sulla storia della città
apertura nelle sere della Festa dalle ore 19.00 alle ore 21.00
TOUROPERATOR. Diario di Vite dal Mare di Sicilia
al MAF - Mostra di MASSIMO SANSAVINI
Questo il titolo della mostra che l’artista forlivese Massimo Sansavini ha allestito nel MAF, organizzata
dall’Associazione Libera e dall’Associazione Barcobaleno, con il Patrocinio del Comune di Forlimpopoli, della
Regione Emilia-Romagna e del Parlamento Europeo. Unico artista ad ottenere un’autorizzazione
Ministeriale per recarsi nel cimitero delle barche di Lampedusa, Massimo carica un rimorchio di legni,
oggetti, timoni, parti di chiglie per ridar loro una nuova vita che diventi testimonianza, memoria. Nel suo
studio forlivese avviene un’operazione di resurrezione e di bellezza. Le forme che assumono questi legni
inermi danno l’idea di un’allegra leggerezza che portano a conoscere storie, numeri, drammi di quel
maledetto genocidio. E ancora una volta l’arte diventa “porta”, “ponte”, “porto” e non “muro”. Per
comunicare, attraverso una solo apparente leggerezza, la verità di questa attualissima tragedia.
Visite guidate, gratuite, nei gioni del 3-4-5 alle ore 19.00, durata 1 ora circa
Sala Mostre
Piazza A. Fratti n.9, corte della Rocca
I volti di Artusi
Più di venti artisti si sono misurati con la figura di Pellegrino Artusi cercando di dargli un nuovo "volto" per
celebrare il bicentenario della sua nascita, adottando le tecniche compositive più diverse, dal mosaico alla
pittura, passando per le arti plastiche.
apertura nelle sere della Festa dalle ore 19.00 alle ore 21.00, ingresso libero
Casa Artusi, via A. Costa n.27
A tavola con Fellini, ricordando l’Artusi
Due anniversari di romagnoli illustri come Federico Fellini (centenario della nascita) e Pellegrino Artusi
(bicentenario della nascita), accomunati nel saporito binomio cinema e cibo; il primo tra i maggiori registi
della storia del cinema e il secondo, gastronomo e scrittore, autore del celebre libro di ricette La scienza in
cucina e l'arte di mangiar bene (1891). Un omaggio reso con una esposizione di foto inerenti a scene
culinarie e conviviali, tratte dai film del Maestro. Immagini che documentano comparse e protagonisti
raccolti attorno a tavole imbandite (matrimoni, feste), a più circoscritti deschi familiari o a mangiate
solitarie. Non mancano foto di backstage sulle pause mangerecce delle troupe e del regista e di celebri spot
diretti da Fellini. Il percorso alimentare felliniano è testimoniato a partire da Lo sceicco bianco (1952) fino a
Ginger e Fred (1986), toccando, tra gli altri riconosciuti capolavori, come La strada (1954), La dolce vita
(1960), 8 ½ (1963) e Amarcord (1973). La documentazione fotografica è frutto del lavoro di alcuni dei
maggiori fotografi di scena del cinema italiano. Ad arricchire la mostra, la proiezione degli spot e del girato
originale con la voce fuori campo di Fellini. Prodotta e organizzata da Centro Cinema Città di Cesena,
Regione Emilia-Romagna, Casa Artusi di Forlimpopoli, Cineteca del Comune di Rimini.
Ingresso gratuito
La mostra sarà aperta dal 1 al 9 agosto, dalle ore 18.00 alle ore 23.00
Corte di Casa Artusi, Via A. Costa n.27
Dal mattarello al videomapping
Artusi anima la corte di Casa Artusi con filmati, letture, testimonianze e documenti ...
in collaborazione con Camera di Commercio della Romagna Forlì-Cesena e Rimini
nelle sere della Festa dalle ore 21.00 alle ore 23.00
ingresso libero
Nel Ristorante di Casa Artusi, Via A. Costa n. 31
MOSTRA “Visioni Siderali” di Alessandro TURONI
Il Ristorante Casa Artusi ospita, nelle sale da pranzo, la mostra personale dell’artista Alessandro Turoni
(Forlimpopoli 1986). Turroni comincia la sua formazione artistica all’Istituto d’arte di Forlì, dove si avvicina
alle tecniche plastiche e pittoriche. Studia Scenografia per il melodramma all’Accademia di Belle Arti di
Bologna, dove sviluppa, oltre all’abilità manuale della lavorazione teatrale, anche una metodologia
progettuale. Si laurea con 110 e lode e inizia a lavorare come assistente scenografo, collaborando a
numerosi allestimenti, anche all’estero. Nel 2013, perseguendo la sua passione per l’arte e il lavoro
manuale, realizza le sue prime sculture zoomorfe, che inizia a esporre nei locali forlivesi. Partecipa a diverse
collettive, anche all’estero; è del 2015 la prima importante personale allestita negli spazi a piano terra del
Palazzo del Monte di Pietà di Forlì, Naufragi evolutivi. Tra le altre mostre personali si ricordano:
Wunderturm al Museo di scienze naturali di Cesena (2016), Alterazioni naturali presso la galleria
1.1_ZENONE contemporanea di Reggio Emilia (2017), XIII. La danza dell’arcano nella chiesa di Sant’Agostino
in Rocca d’Elmici di Predappio (2018) e Altre nature al museo di storia naturale La Specola di Firenze (2018).
Ad oggi insegna Modellazione digitale all’Accademia Belle Arti di Bologna e prosegue la sua ricerca artistica
personale.
Ingresso libero
visita accompagnata con aperitivo di benvenuto, lunedì 3 agosto 2020 dalle ore 18.30 alle 19.30
INFORMAZIONI telefono +39 0543 74.80.49 e.mail ristorante@casartusi.it
Via A. Costa n. 32 e Torrione angolo Piazza Pompilio – Piazza Garibaldi
Amici dell'Arte - Artisti alla Festa
Gli allievi e i docenti partecipanti al corso di disegno e pittura organizzato dall'Associzione cultruale "Amici
dell'Arte dio Forlimpopoli" allestiscono una collettiva a tema artusiano e libero delle opere eseguite
nell'anno 2019/2020. Alcuni artisti espongono le loro opere in spazi allestiti all'aperto.
apertura in orario della Festa, ingresso libero
Galleria d'Arte "A casa di Paola", Via A. Costa n. 22/24
AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA. Convivialità nel tempo e nell’arte.
FABIO COLINELLLI in arte PIXEL continua a stupirci con i suoi “ RIVISTI” . Con buona mano, fantasia e uso del
digitale ci ripropone simpaticamente la Grande Arte in forma semplice, riconoscibile e spiritosa. Gli enormi
occhi rotondeggianti sui volti dei personaggi, cercano quelli del pubblico e con il pubblico stesso creano
dialogo. 200 anni dalla nascita di Pellegrino Artusi sono un periodo storico importante e l’artista ha voluto
onorare il Padre della Cucina Italiana, osando più del previsto con la sua opera dedicata.
Se la tavola, dai tempi più remoti fino ai giorni nostri, è riconosciuta come luogo dove ci si confronta,
assaporando gusti e alimenti che hanno una storia e un significato simbolico, legato alle tradizioni del luogo,
l’opera per eccellenza che più rappresenta il valore del ritrovarsi insieme, di fronte anche ad un semplice
cibo, è sicuramente “Ultima cena” di Leonardo da Vinci…. Preparatevi ad ammirare l’ultimo “rivisto” dal
titolo AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA, per onorare il luogo di massima convivialità, ora come allora, proprio
come “LA SCIENZA IN CUCINA E L’ARTE DI MANGIAR BENE”, un testo scritto tanti anni fa ma tuttora
moderno e validissimo per tutti coloro che amano preparare e condividere il buon cibo in grande amicizia.
A cura di Paola Gatti
apertura in orario della Festa, ingresso libero
e
Ho parlato con l'Artusi
"...quando con le mani cercavo di dare vita ai suoi occhi, procedevo con rispetto...soggiogato dalla sua
personalità...di notte poi me lo ritrovavo davanti maestoso, impeccabilmente vestito, con la tuba, gli enormi
scopettoni e in mano il suo famoso libro." (Da testimonianze raccolte). Poche parole per comprendere con
quanta passione lo scultore forlimpopolese MARIO BERTOZZI ha affrontato la scelta di creare un
monumento degno del grande PELLEGRINO ARTUSI. Dal 2008 l'imponente statua posta all’ingresso della
nostra Forlimpopoli, accoglie i visitatori con il suo benvenuto. Per festeggiare i 200 anni dalla nascita, la
galleria presenterà la scultura preparatoria e una serie di bozzetti inediti dell’Artista con una mostra dal
titolo “HO PARLATO CON L’ARTUSI”.
apertura in orario della Festa, ingresso libero
Mostra Baldelli, Via Oberdan n. 4
Forlimpopoli e Forlimpopolesi a matita 2
Mostra di disegni di PierLuigi Baldelli
"Oramai gironzolare per Forlimpopoli, cercare le ombre e le luci giuste delle strade e delle case, parlare con
la gente mentre le rubi le espressioni, è diventata per me una abitudine. Come è una abitudine riproporle
alle Feste Artusiane. Forse le abitudini sono diventate una esigenza” (Pierluigi Baldelli)
apertura in orario della Festa, ingresso libero
I

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/07/28 13:07:36 GMT+2 ultima modifica 2020-07-28T13:07:36+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina