martedì,  1 dicembre 2020

Ristori economici, da 10 a 31 milioni di euro: triplicano i fondi regionali per chi ha dovuto sospendere o limitare la propria attività

Per pubblici esercizi, bar e ristoranti, taxi e Ncc, cultura e sport, palestre e piscine. Criteri fissati con le associazioni di categorie. Bonaccini: "Al lavoro perchè gli aiuti siano rapidi"

Taxi Salgono a 31 milioni di euro le risorse disponibili per i ristori economici a favore delle categorie che in Emilia-Romagna hanno dovuto sospendere o limitare le loro attività a causa delle misure restrittive introdotte per frenare il contagio da Coronavirus. Si tratta di pubblici esercizi come bar e ristoranti, taxi e Noleggio con conducente, operatori della cultura e comparto sport, palestre e piscine.

Ai 10 milioni di euro già stanziati dalla Regione e inseriti nel bilancio di previsione 2021, e quindi disponibili fra poche settimane, si aggiungono più di 21 milioni messi a disposizione dal Governo attraverso l’ultimo Decreto-legge, il quarto, sulle ulteriori misure connesse all’emergenza epidemiologica. Nel provvedimento, oltre a stanziare ulteriori misure dirette a favore delle imprese, l’Esecutivo ha ripartito fra le Regioni a statuto ordinario ulteriori 250 milioni di euro per il ristoro delle categorie soggette a restrizioni aggiuntive disposte dalle stesse Amministrazioni regionali in relazione all’emergenza Covid. E all’Emilia-Romagna sono assegnati allo scopo 21,266 milioni di euro.

Sommati ai fondi già stanziati dalla Giunta regionale, si arriva appunto a un pacchetto da oltre 31 milioni di euro, disponibili in tempi brevi, fra fine dicembre e inizio gennaio.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/12/01 12:21:00 GMT+1 ultima modifica 2020-12-01T12:49:24+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina