sabato,  9 novembre 2019

Ricostruzione post sisma, il Duomo di Modena restituito alla città. Interventi per oltre 1,5 milioni

L'assessore Costi: "Un capolavoro patrimonio dell'Unesco e un luogo di culto importante per la città, reso più sicuro dal restauro"

Duomo di Modena, riapertura, Ass. Costi - 09/11/2019Un’altra grande opera molto attesa viene restituita alla città, restaurata e più sicura dal punto di vista sismico. Dopo l’abbazia di Nonantola, il Duomo di Mirandola e il Duomo di Carpi, anche il Duomo di Modena completa il restauro a seguito dei danneggiamenti del sisma del 2012.

“Il Duomo di S. Maria Assunta e San Geminiano è il principale luogo di culto della città e anche un capolavoro dello stile romanico, patrimonio dell’Unesco dal 1997, e poterlo preservare anche in futuro grazie ai lavori di messa in sicurezza e di miglioramento sismico è stato un nostro obiettivo- ha detto l’assessore regionale alla Ricostruzione post sisma, Palma Costi-. Lavori finanziati completamente dalla struttura del Commissario per la ricostruzione, Stefano Bonaccini, con oltre 1 milione e 500 mila euro”.

“La ricostruzione delle chiese in provincia di Modena continua- ha aggiunto l’assessore- con grande gioco di squadra tra la Regione e la curia modenese”.

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/11/09 14:39:30 GMT+1 ultima modifica 2019-11-09T14:39:30+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina