martedì,  26 febbraio 2019

La Banca mondiale porta in Croazia l'esperienza dell'Emilia-Romagna nell'utilizzo dei fondi europei

La Regione collaborerà al progetto avviato dalla Banca Mondiale con il governo croato per promuovere crescita e occupazione

Firma Memorandum Banca Mondiale, ass. Patrizio Bianchi - 26/02/2019La Banca mondiale esporta in Croazia l’esperienza della Regione Emilia-Romagna nella programmazione dei Fondi strutturali europei, per generare nuovi processi di sviluppo, stimolare produttività e lavoro e contribuire alla crescita del Vecchio Continente.

L’assessore regionale al Coordinamento delle politiche europee allo sviluppo, Patrizio Bianchi, e la Country Bank Manager per la Croazia, Elisabetta Capannelli, hanno firmato oggi in viale Aldo Moro un Memorandum con cui viene definita la collaborazione tra Regione Emilia-Romagna e Banca Mondiale per un progetto che riguarda la Croazia orientale.
La sottoscrizione è avvenuta nell’ambito di uno ‘Study Tour’ che Banca mondiale sta svolgendo in questi giorni a Bologna per conoscere da vicino il modello positivo della Regione nell’utilizzo dei Fondi strutturali e di investimento europei, grazie al quale l’Emilia-Romagna si colloca tra i primi posti in Italia e in Europa in termini di performance, efficacia ed efficienza della spesa.

La Banca mondiale - con una delegazione guidata da Arup Banerji, direttore regionale per l’Unione Europea e composta dai Country Manager di alcune importanti sedi della Banca Mondiale in Europa - inoltre, è interessata ad approfondire l’organizzazione che l’Emilia-Romagna si è data per ottimizzare l'impatto delle risorse sul territorio e per coordinare le politiche e i finanziamenti regionali, nazionali e comunitari; altro stimolo di approfondimento, la politica industriale della Regione, con le azioni intraprese localmente per stimolare lo sviluppo del territorio e l'occupazione.

In virtù del Memorandum firmato oggi, l’Emilia-Romagna collaborerà dunque con i propri esperti al progetto avviato dalla Banca Mondiale con il Governo croato per promuovere la crescita e l'occupazione nella Regione orientale di Slavonia, Baranja e Srijem, che ospita più di un quarto dei disoccupati del Paese e ha il 20% della popolazione a rischio povertà, nonostante una buona posizione geografica, un'importante università e industrie promettenti. La stessa Banca mondiale coprirà tutte le spese necessarie alla collaborazione, che consentirà alla Croazia di acquisire esperienze e buone pratiche dai funzionari dell’Emilia-Romagna e da altri esperti, e di avere nella Regione un partner utile a definire la strategia di sviluppo territoriale nel periodo di programmazione 2021-2027.

I RAS sono servizi di consulenza personalizzati offerti dalla Banca mondiale ai suoi membri, utilizzati principalmente in Paesi a medio e alto reddito per supportarli a progettare o implementare politiche migliori, rafforzare le istituzioni, sviluppare nuove capacità.

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/02/26 18:55:51 GMT+2 ultima modifica 2019-02-26T18:55:51+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina