SCHEDA 1 – Bando rivitalizzazione centri storici

SCHEDA 1 – Bando rivitalizzazione centri storici

 Bologna – Nuovi bar, ristoranti, pizzerie e negozi e uffici ma soprattutto attività commerciali, artigianali professionali e di impresa ampliati e rinnovati nel look. Queste alcune delle iniziative interessate dalle 400 richieste di contributo per realizzare attività in grado di rivitalizzare i centri storici dei 30 comuni colpiti dal sisma del 2012, ancora oggi ricompresi nel cosiddetto cratere ristretto. Con un contributo di 15 milioni di euro messi a disposizione dal Commissario nella prima finestra di un apposito bando, si innescheranno investimenti per oltre 32 milioni. Misura che prevede contributi (per Pmi, liberi professionisti, associazioni, fondazioni e enti no profit) per favorire l’insediamento di nuove attività in immobili localizzati in aree dei centri storici individuate dai Comuni, ma anche la riqualificazione, ammodernamento e ampliamento delle attività esistenti.

La seconda finestra sarà aperta dal 13 settembre al 29 novembre 2019, mentre la terza partirà il 15 gennaio 2020 e si chiuderà il 29 maggio 2020. Complessivamente le due successive finestre erogheranno contributi per un totale di 20 milioni, raggiungendo così un totale di 35 milioni per l’intero bando.

 

Le proposte in sintesi

Dei 400 progetti inerenti alla prima finestra del bando, circa il 30% è al di sopra dei 100 mila euro: il costo medio supera gli 80 mila euro. Ben 74 sono le nuove attività che si insedieranno (la metà sono imprese femminili e delle rimanenti, una su quattro è un’impresa guidata da giovani), mentre gli altri progetti riguardano ampliamenti e ammodernamenti di attività già esistenti prima del sisma, che aumenteranno la capacità attrattiva dei centri storici grazie anche all’offerta di nuovi prodotti e servizi. Molto significativo il numero di domande presentate da parte di imprese del commercio, che insieme a bar ristoranti raggiunge il 40% del totale, mentre circa il 15% dei richiedenti è composto da liberi professionisti.

 

Comuni interessati

Gli interventi interessano i 30 comuni che compongono l’area definita “cratere ristretto” (29 sono usciti a fine del 2018). Sono 4 nel bolognese e si tratta di Crevalcore, Galliera, Pieve di Cento, San Giovanni in Persiceto; 6 nel ferrarese: Bondeno, Cento, Ferrara, Terre del Reno (ex Mirabello-Sant’Agostino), Poggio Renatico, Vigarano Mainarda; 15 nel modenese: Bastiglia, Bomporto, Camposanto, Carpi, Cavezzo, Concordia sulla Secchia, Finale Emilia, Medolla, Mirandola, Novi di Modena, Ravarino, San Felice sul Panaro, San Possidonio, San Prospero, Soliera; 5 nel reggiano: Fabbrico, Guastalla, Luzzara, Reggiolo, Rolo.

 

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/03/31 19:17:07 GMT+2 ultima modifica 2019-03-31T19:17:08+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina