venerdì,  12 ottobre 2018

EnERgie Diffuse, il fine settimana è open day: porte aperte per musei, biblioteche, archivi e teatri storici

Da Piacenza a Rimini oltre 200 luoghi da visitare, tra cui 30 teatri e 6 di mulini storici

Open Day_Biblioteca Imola_EnERgie DiffuseMostre, letture, conferenze, incontri, visite guidate, laboratori per tutte le età. Il fine settimana di EnERgie diffuse, la Settimana della Cultura in Emilia-Romagna, si anima con numerose iniziative nelle oltre 200 aperture straordinarie di musei, teatri, biblioteche, archivi e persino mulini storici.

Da Rimini a Piacenza, gli open days del 13 e 14 ottobre costituiranno un nastro di eventi che attraversa la via Emilia, risale l’Appennino, accomuna piccoli e grandi centri, proponendo approcci e incontri appositamente realizzati per EnERgie diffuse, nell’Anno Europeo del Patrimonio culturale. 

Grazie alla rassegna, c’è la possibilità di conoscere l’enorme patrimonio custodito negli istituti culturali della regione. Le istituzioni che hanno aderito all’invito dell’assessorato regionale alla Cultura e dell’Istituto Beni Culturali ad aprire le loro porte, hanno fatto rete: la biblioteca, il museo, l’archivio, nella stessa località, si preparano ad accogliere il pubblico mettendo in relazione patrimoni di carta, oggetti, narrazioni, spettacoli dal vivo. 

Trenta dei magnifici teatri storici della regione, nel nome di Gioacchino Rossini (nel 150° anniversario della morte), accolgono il pubblico nell’iniziativa “A scena aperta”, per mostrare tutto il loro fascino, a partire dalle architetture. Qui si terranno concerti, balletti, rappresentazioni, letture scelte, narrazioni, e anche teatro di figura con il filo conduttore rappresentato dalla vita e dalle opere di Gioacchino Rossini. Le iniziative coinvolgono anche giovani delle scuole locali di musica, danza e teatro.

Open Day_archivio Accademia Filarmonica BolognaRappresentazioni teatrali, concertistiche e di danza andranno in scena anche nei sei mulini storici dell'Emilia-Romagna, con la rassegna “Macinare Cultura”.

Affidandosi al cromatismo delle mappe, che segnalano luoghi ed eventi, è possibile creare personali itinerari culturali. A tutti gli istituti L’Ibc ha chiesto, inoltre, di inviare un’immagine esemplificativa della loro realtà o dell’evento previsto. Si è così formato un repertorio di oggetti e situazioni che rende con particolare efficacia la ricchezza, la varietà e la diffusione del patrimonio culturale regionale, già visibile sul cartellone degli appuntamenti di EnERgie Diffuse.


Tutto il programma di EnERgie Diffuse su www.emiliaromagnacreativa.it

 

Azioni sul documento

pubblicato il 2018/10/12 14:57:00 GMT+2 ultima modifica 2018-10-17T16:35:38+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina