Le attività di sorveglianza della circolazione virale

In Emilia-Romagna il sistema di sorveglianza e controllo previsto dal “Piano regionale di sorveglianza delle arbovirosi” coinvolge Regione, Aziende sanitarie, Istituto Zooprofilattico e Comuni: una rete consolidata, fin dall’esperienza acquisita con l’epidemia di Chikungunya, avvenuta in Romagna nel 2007.

Anche quest’anno, in base al Piano, sono operative da giugno le attività di sorveglianza della circolazione virale, mentre il Gruppo regionale di entomologia sanitaria elabora e aggiorna mappe di rischio per individuare le aree in cui intensificare la disinfestazione. La sorveglianza sanitaria dei casi di Chikungunya, Dengue, Zika virus e West Nile viene potenziata in estate, periodo di attività delle zanzare, per intercettare prima possibile i casi sospetti. Particolare attenzione viene posta alle persone che rientrano dai Paesi dove tali malattie sono endemiche o epidemiche e alle persone con sintomatologia o complicanze neurologiche associate a queste infezioni.

Nel 2017 in Emilia-Romagna i casi confermati di Dengue sono stati 14, quelli di Chikungunya 5, di Zika virus 9, di West Nile 10.

Azioni sul documento

pubblicato il 2018/07/05 11:56:00 GMT+2 ultima modifica 2018-07-05T12:54:53+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina