Gli interventi alla Tavola rotonda

La seconda sessione della giornata di studio è stata aperta dal saluto del Prefetto di Ferrara Michele Campanaro e ha visto una concertazione partecipata degli enti in sinergia con le amministrazioni locali e la Protezione Civile: una tavola rotonda per giungere a soluzioni comuni per la difesa dei territori.  

“I monitoraggi e le verifiche degli enti tecnici servono proprio a rendere consapevoli le comunità delle priorità dei territori – così il Segretario Generale dell’Autorità di Bacino Meuccio Berselli – . In questo caso la sicurezza idraulica risulta fondamentale e la pianificazione progettuale mirata diventa assolutamente strategica per le persone, per le loro attività operose, per il nostro futuro”.

“Quello di oggi è un momento importante per sancire l’unita di intenti tra AIPo e Autorità di Bacino Distrettuale del fiume po – ha sottolineato Luigi Mille, Direttore di AIPo – e poiché la tematica trattata qui stamane è prioritaria siamo coscienti che vada gestita attraverso la massima collaborazione di tutti gli enti coinvolti. Auspichiamo presto la concretizzazione di nuove tecnologie per il monitoraggio e l’esplorazione di nuove tecniche per la realizzazione di arginature che resistano alla tracimazione”.

“L’aggiornamento del rapporto sull’attività relativa alla messa in sicurezza infrastrutturale del fiume Po è un importante momento di confronto con gli amministratori locali per pianificare ulteriori azioni di protezione civile per la riduzione del rischio residuo – ha evidenziato Angelo Borrelli, Capo Dipartimento Protezione Civile – . Qui abbiamo la più importante opera idraulica del nostro paese, che va preservata e manutentata con programmi di intervento anche straordinari. Per essere pronti a gestire le eventuali piene ci prepariamo alla realizzazione di un sistema di allertamento moderno ed efficace per la popolazione, con strumenti innovativi e utili come il cell broadcast, che consente di allertare i cittadini in modo utile e tempestivo”.

“Quello del delta del Po è un territorio che richiede una esigenza di attenzione costante e continua – ha commentato Roberta Fusari, Assessore all’Urbanistica del Comune di Ferrara – e lo vediamo soprattutto in questi ultimi anni, con l’affermarsi dei cambiamenti climatici. Per mitigare il rischio nell’area estense occorre un monitoraggio costante e una manutenzione ordinaria delle infrastrutture”.

Pietro Foroni, Assessore al Territorio e Protezione Civile della Regione Lombardia, ha posto l’accento su quella che rappresenta “l’importanza della messa in sicurezza del fiume Po in quei tratti dove questa non è ancora forte come in altri punti. La Regione Lombardia opera per la salvaguardia della popolazione e per la valorizzazione dei territori sottesi al Po: in chiave macroregionale crediamo infatti sia giunto il momento di porre l’asta del Po come valutazione di sviluppo di tutta l’area dal punto di vista turistico e ambientale, grazie a importanti fattori come le ciclovie e il sistema di navigazione”.

 Infine Francesco Balocco, Assessore ai Trasporti e alla Difesa del Suolo della Regione Piemonte e Presidente del Comitato di Indirizzo AIPo, ha concluso con il proprio intervento la tavola rotonda e la mattina di studio dichiarando che “questa giornata è molto importante perché ufficializza una ulteriore e più stretta collaborazione tra l’Autorità di Bacino Distrettuale del fiume Po e AIPo: una questione, quella della difesa dei territori, di primo piano e che si affianca all’aspetto della valorizzazione degli stessi. Ora si apre una fase nuova anche per il Piemonte, quella della laminazione: una serie di interventi molto delicati, ma che contiamo essere risolutivi”. 

Azioni sul documento

pubblicato il 2018/07/05 11:37:46 GMT+1 ultima modifica 2018-07-05T11:37:46+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina