Elezioni politiche del 25 settembre 2022

La legge elettorale

Azioni sul documento

pubblicato il 2022/08/25 10:38:34 GMT+2 ultima modifica 2022-08-25T10:38:34+02:00

1

Il sistema elettorale attuale è un sistema misto:

- 3/8 dei seggi (sia della Camera che del Senato) sono assegnati con metodo maggioritario in collegi uninominali;

- i restanti seggi sono attribuiti con metodo proporzionale, in collegi plurinominali, alle liste e coalizioni di liste che abbiano superato le soglie di sbarramento previste dalla legge.

I collegi elettorali

Il territorio nazionale elegge 392 deputati e 192 senatori ed è suddiviso in circoscrizioni, collegi plurinominali e collegi uninominali.

  • Per la Camera, il territorio è diviso in:

- 28 circoscrizioni, coincidenti con i confini regionali, tranne che in Piemonte (2 circoscrizioni), Lombardia (4 circoscrizioni), Veneto (2 circoscrizioni), Lazio (2 circoscrizioni), Campania (2 circoscrizioni) e Sicilia (2 circoscrizioni)

- 147 collegi uninominali (inclusa la Valle d’Aosta)

- 49 collegi plurinominali.

  • Per il Senato il territorio nazionale è diviso in circoscrizioni elettorali corrispondenti alle regioni ed alle province autonome di Trento e di Bolzano; 74 collegi uninominali (inclusa la Valle d’Aosta) e 26 collegi plurinominali.
  • A questi si aggiunge la circoscrizione estero che elegge 8 deputati e 4 senatori.

I collegi in Emilia-Romagna

Soglie di sbarramento

Per le coalizioni è prevista una soglia del 10% dei voti validi su base nazionale, quale requisito di accesso alla ripartizione dei seggi.

Per le liste, sia singole, sia in coalizione, la soglia è del 3% (previsioni specifiche sono definite per le liste rappresentative di minoranze linguistiche).

Solo per il Senato sono ammesse alla ripartizione dei seggi anche le liste che hanno raggiunto il 20% dei voti in almeno una regione.

Equilibrio di genere

I candidati nei collegi plurinominali devono essere presentati, in ciascuna lista, in ordine alternato per sesso; inoltre, nel complesso delle candidature presentate dalle liste e dalle coalizioni di liste nei collegi uninominali e nei collegi plurinominali in qualità di capolista, nessuno dei due generi può essere rappresentato, a livello nazionale per la Camera e a livello regionale per il Senato, in misura superiore al 60%.

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina