Alle urne in 48 comuni dell'Emilia-Romagna per eleggere i sindaci e rinnovare i consigli comunali

Al voto quasi 865mila elettori di tutte le 9 province: si vota anche nei capoluoghi di Bologna, Ravenna e Rimini

Urne aperte in Emilia-Romagna in 48 comuni dove domenica 3 e lunedì 4 ottobre 2021 gli elettori sono chiamati a scegliere sindaci e i rispettivi consigli comunali. Al voto quasi 865 mila elettori (dato Ministero Interno al 1° gennaio 2021) emiliano-romagnoli di tutte le 9 province, circa un quarto dell’intero corpo elettorale della regione.

Elezioni che, al tempo del Covid-19, richiedono misure di sicurezza sanitaria per elettori e operatori dei seggi e al contempo assicurano l’esercizio del diritto di voto, oltre a chi sia ricoverato in strutture ospedaliere anche Covid, a coloro che si trovino in trattamento domiciliare, in condizioni di quarantena o di isolamento fiduciario.

I seggi, suddivisi in 1.157 sezioni, saranno aperti domenica 3 dalle ore 7 alle 23, e lunedì 4 dalle ore 7 alle 15: le operazioni di scrutinio avranno inizio subito dopo la chiusura delle urne. Per le consultazioni amministrative votano gli iscritti nelle liste elettorali di ciascun comune, che abbiano compiuto il 18° anno di età entro domenica 3 ottobre 2021 compresa. La scheda è azzurra.

Ecco dove si vota in Emilia-Romagna

Si voterà in tre capoluoghi di provincia quali Bologna, Ravenna e Rimini, nonché in altri 6 comuni con popolazione legale superiore ai 15mila abitanti, con il sistema elettorale maggioritario a doppio turno. Quindi eventuale turno elettorale supplementare di ballottaggio, domenica 17 e lunedì 18 ottobre 2021 (con gli stessi orari previsti per il primo turno), per Bologna, Ravenna e Rimini, San Giovanni in Persiceto (Bo), Cento (Fe), Cesenatico (Fc), Pavullo nel Frignano e Finale Emilia (Mo), Cattolica (Rn).

Solo a Bologna si vota anche per il rinnovo dei sei Consigli di Quartiere: la scheda è rosa. 

Gli altri 39 comuni al voto sono: in provincia di Bologna (6 comuni complessivi) Alto Reno Terme, Gaggio Montano, Monghidoro e Castel del Rio; in provincia di Ferrara (5 comuni), Codigoro, Portomaggiore, Vigarano Mainarda e Goro; in provincia di Forlì-Cesena (4 comuni), Bertinoro, Gatteo e Sogliano sul Rubicone; in provincia di Modena (6 comuni), Zocca, Sestola, Palagano e Montefiorino; in provincia di Parma (8 comuni), Traversetolo, Felino, Borgo val di taro, Busseto, Fontanellato, San Secondo Parmense, Sala Baganza e Neviano degli Arduini; in provincia di Piacenza (8 comuni), Fiorenzuola D’Arda, Rottofreno, Borgonovo Val Tidone, Cadeo, Cortemaggiore, Gropparello, Agazzano e Gazzola; in provincia di Reggio Emilia (4 comuni), Castellarano, San Martino in Rio, Casina e Ventasso; in provincia di Rimini (6 comuni), Novafeltria, Montescudo-Montecolombo, Pennabilli e Sassofeltrio, comune che, passato recentemente dalle Marche al territorio regionale emiliano-romagnolo, vota per la prima volta tra le municipalità dell’Emilia-Romagna.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/09/11 10:20:00 GMT+2 ultima modifica 2021-09-16T10:13:00+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina