Sezioni

Consigliere di parità

Trattato sull’Unione Europea

7 febbraio 1992 - "Trattato di Maastricht"

(Omissis)

Art 119

1. Ciascuno Stato membro assicura l´applicazione dei principio di parità di retribuzione tra lavoratori e lavoratrici per un medesimo lavoro.

2. Per retribuzione deve essere inteso, ai sensi dei presente articolo, il salario o stipendio normale di base o minimo e tutti gli altri vantaggi pagati direttamente o indirettamente, in contanti o in natura, dal datore di lavoro al lavoratore in relazione al posto che quest´ultimo occupa. La parità di retribuzione, senza discriminazione fondata sul sesso, implica:
a. che la retribuzione corrisposta per uno stesso lavoro pagato a cottimo sia fissata in base a una stessa unità di misura;
b. che la retribuzione corrisposta per un lavoro pagato a tempo sia uguale per lo stesso posto di lavoro.

3. Il presente articolo non osta a che ciascuno Stato membro mantenga o adotti misure che prevedano vantaggi specifici intesi a facilitare l´esercizio di un´attività professionale da parte delle donne, ovvero a prevenire o compensare svantaggi nella loro carriera professionale.

(Omissis)

Azioni sul documento

pubblicato il 2014/12/03 13:24:26 GMT+2 ultima modifica 2014-12-03T14:24:00+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?