Consiglio delle Autonomie locali

Pareri della Sezione regionale di controllo del 2020

Deliberazione n. 55/2020/PAR

Richiesta di parere pervenuta dal Comune di Bore Prot. N.2581 del 26/05/2020, in merito all'ammissibilità del turn-over al 100% delle cessazioni di personale dell’anno precedente. Esito: In materia di limiti all’assunzione di personale da parte dei Comuni, la logica del turn over al 100% è superata dall’art. 33, comma 2, del d.l. n. 34/2019 (cd. Decreto Crescita) - convertito, con modificazioni, dalla l. 28 giugno 2019, n. 58 e successivamente modificato dall’art. 1, comma 853, della l. n. 160/2019 (legge di bilancio 2020) -, che introduce un sistema maggiormente flessibile rispetto al precedente in quanto basato sulla sostenibilità finanziaria della spesa di personale. I Comuni il cui rapporto fra spesa di personale e media delle entrate correnti degli ultimi tre rendiconti risulti compreso fra i due valori soglia previsti dal dm del 17.03.2020, attuativo del D.L. 34/2019, potranno pertanto effettuare anche il turn over del personale al 100% a condizione di non incrementare il rapporto fra entrate correnti e impegni di competenza per la spesa complessiva di personale rispetto al rapporto corrispondente registrato nell’ultimo rendiconto della gestione approvato, dovendosi intendere per “ultimo rendiconto” quello approvato per primo in ordine cronologico a ritroso rispetto all’adozione della procedura di assunzione del personale.

Deliberazione n. 46/2020/PAR

Comune di Masi Torello (prot. n. 1993 del 05/05/2020) - richiesta di parere in merito all'erogazione dell’indennità di risultato al segretario comunale in assenza di determinazione degli obiettivi specifici di cui all’art.42 CCNL Segretari comunali

Deliberazione n. 38/2020/PAR

Richiesta di parere trasmessa tramite CAL dal Comune di Piacenza (prot. n. 38234 del 14/04/2020) in merito ai compensi spettanti al dipendente pubblico per collaudi svolti in relazione a contratti pubblici di lavoro, servizi e forniture (art. 61, co. 9 D.L. n. 112/2008). Esito: gli incarichi di collaudo delle opere di urbanizzazione a scomputo di oneri, ricevuti dal dipendente pubblico direttamente dal lottizzatore rientrano sempre nell'ambito oggettivo di applicazione dell’art. 61, comma 9, del d.l. n. 112/2018.

Deliberazione n. 33/2020/PAR

Richiesta di parere Provincia di Piacenza (prot. n. 5541 del 26/02/2020) in merito alla corretta interpretazione dell'art. 7, co. 8 della n. 131/2003 (affidamento di lavori, servizi e forniture). Esito: il presupposto della “gara”, cui fa riferimento il citato art. 113, comma 2, d.lgs. n. 50/2016, per la corresponsione di incentivi tecnici al personale, può dirsi sussistente anche nell’ipotesi del ricorso, da parte dell’ente territoriale, alla procedura comparativa di cui all’art. 36, comma, 2, lett. b), d.lgs. n. 50/2016.

Deliberazione n. 32/2020/PAR

Richiesta di parere pervenuta tramite CAL dal Comune di Bore (prot. n. 1742 del 10/04/2020) in merito ad un posto resosi vacante per autorizzazione mobilità volontaria in uscita. Esito: “Misure per la definizione delle capacità assunzionali di personale a tempo indeterminato dei comuni”; in base a tale nuova disciplina, i comuni possono procedere ad assunzioni di personale a tempo indeterminato in coerenza con i piani triennali dei fabbisogni di personale e fermo restando il rispetto pluriennale dell'equilibrio di bilancio asseverato dall'organo di revisione, sino ad una spesa complessiva per tutto il personale dipendente, al lordo degli oneri riflessi a carico dell'amministrazione, non superiore al valore soglia definito come percentuale, differenziata per fascia demografica, della media delle entrate correnti relative agli ultimi tre rendiconti approvati, considerate al netto del fondo crediti dubbia esigibilità stanziato in bilancio di previsione.

Deliberazione n. 30/2020/PAR

Richiesta pervenuta dalla Provincia di Forlì-Cesena (prot. n. 34170 del 03/12/2019) in merito alla corretta applicazione degli incentivi per funzioni tecniche, di cui all'art. 113, co. 2 del D. Lgs. n. 50/2016. Esito: l'incentivo potrà dirsi spettante: a) se l'Ente abbia stanziato somme per far fronte agli oneri di cui all'art. 113, comma 1, cit.; b) se, in concreto, sia stato nominato dall'Ente un direttore dell'esecuzione e questi svolga o abbia svolto le funzioni relative a contratti di servizi o forniture.

Deliberazione n. 25/2020/PAR

Comune di Pianoro (pg 25923 del 19/12/2019) - richiesta di parere trasmessa tramite CAL in merito alla legittimità dell'erogazione di somme a titolo di galleggiamento al Segretario Comunale. Esito: la disciplina del cd. galleggiamento ex art. 41, comma 5, del CCNL dei segretari comunali e provinciali del 16 maggio 2001 è estranea alla materia della contabilità pubblica ai fini dell’esercizio della funzione consultiva della Corte dei conti, mentre vi rientra quella dei diritti di rogito ai sensi dell’art. 10, comma 2-bis, del d.l. n. 90/2014. La richiesta di parere relativa al trattamento retributivo spettante al segretario comunale, formulata in relazione ai fatti di gestione specificamente individuati, è inammissibile sul piano oggettivo per mancanza dei requisiti di generalità ed astrattezza, anche sotto il profilo del rischio di interferenze con le funzioni requirenti e giurisdizionali della stessa Corte dei conti o con funzioni proprie di altri plessi magistratuali, oltre che di ingerenze della Sezione di controllo nell'attività amministrativa dell’ente richiedente.

Deliberazione n. 18/2020/PAR

Richiesta di parere trasmessa tramite CAL dal Comune di Sassuolo (prot. n. 777755 del 22/10/2019) in merito agli oneri posti a carico dei Comuni per il funzionamento dei Centri per l’impiego (art. 7, Legge n. 131/2003). Esito: il riparto degli oneri e le spese tra Regione, Province, Comuni ed Agenzia per l’impiego per il funzionamento dei Centri per l’impiego, è subordinato all'osservanza del principio della leale collaborazione.

Deliberazione n. 16/2020/PAR

Richiesta di parere trasmessa tramite CAL dal Comune di Galliera (prot. n. 9359 del 02/09/2019) in merito alla riduzione obbligatoria del canone di locazione intercorrente tra pubbliche amministrazioni. Esito: La deliberazione esamina la richiesta di parere del sindaco di Galliera su una complessa vicenda che appare senz'altro estranea alla materia della contabilità pubblica: proprio il contenuto specifico della richiesta esclude la possibilità per la Sezione di esprimersi sulla legittimità della ivi illustrata attività amministrativo-gestionale; nella delibera si ribadisce cosi l’impossibilità di interpretare la funzione consultiva intestata alla Corte dei conti come funzione "consulenziale" (generale) sull'attività dell'Amministrazione locale (cfr. Sez. controllo Puglia 104/2010 e 118/2009): per evitare cioè una impropria ingerenza della Corte nell'amministrazione attiva e di fornire dettagliate indicazioni operative finalizzate a supportare specifici comportamenti amministrativi e gestionali dell’Ente istante, coincidenti in questo caso con l’individuazione di una modalità applicativa di specifici istituti in materia di beni della Pubblica Amministrazione.In secondo luogo, il tenore della richiesta stessa non consente al Collegio di pronunciarsi nel merito , in quanto “l’ausilio consultivo, per quanto possibile, deve essere reso senza costituire un’interferenza con le funzioni requirenti e giurisdizionali, e ponendo attenzione ad evitare che, di fatto, si traduca in un’intrusione nei processi decisionali degli enti territoriali” (delibera n. 54/2010 delle Sezioni Riunite della Corte): purtuttavia per finalità di carattere squisitamente collaborativo , il parere ha ribadito l’indirizzo già espresso da questa Sezione(delibera 157/2015 e 14/2019), nella fattispecie considerata , sulla inapplicabilità della norma dell ‘art. 3, comma 4 del d.l. n. 95/2012 “nell'ipotesi in cui il rapporto intervenga tra due pubbliche amministrazioni , in quanto “una previsione normativa formulata per un contratto di locazione non puo' trovare applicazione per la fattispecie, non sovrapponibile, di un rapporto di concessione di beni demaniali o patrimoniali indisponibili, attesa la loro diretta destinazione alla realizzazione di interessi pubblici (cfr. C.S.U. del 26 giugno 2003, n. 10157)”, per via della "insuscettibilità dell’applicazione analogica, ovvero in casi simili o materie analoghe, della norma di carattere eccezionale”.

Deliberazione n. 10/2020/PRSP

Relazione finale sullo stato di attuazione del Piano di riequilibrio finanziario pluriennale previsto del Tuel del comune di Portomaggiore (FE)” (art. 243-quater TUEL).

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/01/13 19:34:55 GMT+2 ultima modifica 2020-07-06T18:57:56+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina