Consiglio delle Autonomie locali

Deliberazione n. 2/2019/PAR

La deliberazione riguarda la richiesta del parere del Sindaco del Comune di Ravenna (RA). Esito: la deliberazione esamina la richiesta di parere del sindaco di Ravenna intesa a conoscere se le spese connesse all'applicazione dell'art. 56-quater , comma 1 , lettera c) del nuovo CCNL “Funzioni Locali 2016-2018” riguardanti incentivi al personale della polizia locale, possano essere escluse dai limiti fissati dall'art. 23, comma 2, del decreto legislativo 25 maggio 2017, n. 75, per i quali il relativo fondo non può superare, complessivamente, il corrispondente importo determinato per l'anno 2016. Il Collegio ha ritenuto inammissibile il quesito, sotto il profilo oggettivo, nella parte in cui fa riferimento al citato art 56 quater atteso il consolidato orientamento delle Sezioni regionali di controllo nell'esercizio dell’attività consultiva, in senso conforme agli orientamenti espressi dalle Sezioni Riunite (deliberazioni n.50/CONTR/2010 e n.56/CONTR/2011) e dalla Sezione delle Autonomie (deliberazione n.5/AUT/2006) che esclude che le Sezioni stesse possano rendere un parere sull'interpretazione e sul contenuto delle norme di un contratto collettivo nazionale di lavoro. Per la rimanente parte della richiesta di parere, riguardante il disposto dell’articolo 208 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, che disciplina la destinazione dei proventi da sanzioni amministrative pecuniarie per violazioni del Codice della strada, il Collegio non ha ravvisato alcuna motivazione per discostarsi dalle numerose pronunce che configurano un consolidato orientamento a ritenere che i proventi da sanzioni per violazione del codice della strada destinati al finanziamento del trattamento accessorio del personale non possano essere esclusi dal computo rilevante ai fini del rispetto del tetto di spesa fissato in materia dal legislatore nazionale, ex multis: Sezione regionale di controllo per il Lazio, deliberazione n. 222/2014/PAR; Sezione regionale di controllo per il Piemonte, deliberazioni n. 257/2012/SRCPIE/PAR e n. 34/2014/SRCPIE/PAR; Sezione regionale di controllo per la Puglia, deliberazione n. 83/PAR/2011; Sezione regionale di controllo per il Veneto, deliberazioni n. 346/2011/PAR e n. 44/2012/PAR; Sezione regionale di controllo per l’Abruzzo, deliberazioni n. 151/2016/PAR e n.173/2017/PAR; Sezione regionale di controllo per la Liguria, deliberazione n.30 del 7 febbraio 2018. Non è superfluo soggiungere che sul tema incide, altresì, la deliberazione n. 51/CONTR/11 delle Sezioni riunite in sede di controllo della Corte dei conti, in cui si osserva come le disposizioni che pongono limiti puntuali alla crescita della spesa diretta a finanziare la contrattazione, ancorché riferita alla totalità dei dipendenti, siano da considerare di stretta interpretazione e quindi non ammettano, in via di principio, deroghe o eccezioni, al di là di qualsiasi argomento riguardante la provenienza delle risorse.

Azioni sul documento

ultima modifica 2019-01-30T15:25:36+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina