Agenzia di informazione e comunicazione

Commercio. I centri agroalimentari dell’Emilia-Romagna fanno rete. Corsini: “Collaborazione e modernizzazione, siamo al passo con l’Europa”

Siglato il protocollo di intenti per l’avvio del processo di aggregazione organizzativa e operativa tra Regione, Centro agroalimentare di Bologna, Rimini, Parma e la Filiera ortofrutticola romagnola.

06/08/2020 16:44

Bologna. In economia come nel turismo, in agricoltura come nel commercio: insieme si è più forti, più competitivi e più innovativi.

Il nuovo protocollo di intenti, approvato dalla Giunta regionale, punta proprio a questo: attivare una rete tra i centri agroalimentari e i mercati all’ingrosso della Regione volta a favorire la cooperazione, l’integrazione delle strategie sul piano commerciale e organizzativo, promuovere insieme iniziative per lo sviluppo, anche sui mercati esteri, e migliorare quindi la qualità dei servizi offerti.

“L’esperienza europea e in particolare quella di Spagna, Francia e Germania- spiega l’assessore al Commercio, Andrea Corsini- ha visto una forte iniziativa tesa a fare dei mercati generali all’ingrosso lo strumento principale a sostegno dello sviluppo e della difesa delle produzioni nazionali, a partire da una forte modernizzazione delle strutture e da una forte collaborazione gestionale tra operatori pubblici e privati- e anche l’ Emilia-Romagna, al riguardo, è fortemente impegnata a seguire questa evoluzione. E’ in atto già da tempo una profonda trasformazione dei mercati regionali e questo protocollo getta le basi per un ulteriore salto migliorativo nell’ammodernamento del sistema delle strutture mercatali. Questo settore rappresenta un segmento importante del nostro sistema economico, anche in considerazione dell’ingente quantità di merci che movimenta all’anno e dei dettaglianti, ambulanti, grossisti esterni, e tutti gli addetti delle diverse categorie che impiega”.

I centri agroalimentari e i mercati all’ingrosso rivestono infatti un ruolo importante sia nei confrontidei produttori agricoli sia dei consumatori. Non solo contribuiscono al miglioramento dei controlli sulla qualità dei prodotti, a tutela della salute individuale e collettiva, ma svolgono anche un’importante funzione calmieratrice.

La sottoscrizione di questo protocollo, che unisce Regione Emilia-Romagna, Centro agroalimentare di Bologna SPA, Centro agroalimentare riminese SCPA, Centro agroalimentare e logistica di Parma srl Consortile e Filiera ortofrutticola romagnola Spa, non fa che rafforzare e ampliare ancora di più la rilevanza sul sistema economico del nostro sistema agroalimentare.

Tra gli obiettivi del protocollo c’è anche quello di innescare sinergie e collaborazioni fra le società, sia con riferimento alle opportunità di sviluppo sia alle economie di scala, nell'ottica di una futura estensione del Mercato di Cesena (FOR), col quale in questo ultimo anno sono state avviate e attuate iniziative comuni propedeutiche a un'estensione del Protocollo. /ER

« Torna all'archivio

Azioni sul documento

pubblicato il 2018/01/02 19:14:04 GMT+2 ultima modifica 2020-06-29T15:21:41+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina