Ufficio Relazioni con il Pubblico

Ambiente

Biodiversità in Emilia-Romagna 1° parte

La ricchezza degli ambienti naturali in Emilia-Romagna. Una produzione: Regione Emilia-Romagna, assessorato Ambiente e Sviluppo sostenibile - Servizio Parchi e Risorse forestali. Regia: Marco Tessaro

Biodiversità in Emilia-Romagna 2° parte

La ricchezza degli ambienti naturali in Emilia-Romagna. Una produzione: Regione Emilia-Romagna, assessorato Ambiente e Sviluppo sostenibile - Servizio Parchi e Risorse forestali. Regia: Marco Tessaro

Biodiversità in Emilia-Romagna 3° parte

La ricchezza degli ambienti naturali in Emilia-Romagna. Una produzione: Regione Emilia-Romagna, assessorato Ambiente e Sviluppo sostenibile - Servizio Parchi e Risorse forestali. Regia: Marco Tessaro

Biodiversità in Emilia-Romagna 4° parte

La ricchezza degli ambienti naturali in Emilia-Romagna. Una produzione: Regione Emilia-Romagna, assessorato Ambiente e Sviluppo sostenibile - Servizio Parchi e Risorse forestali. Regia: Marco Tessaro

Biodiversità in Emilia-Romagna 5° parte

La ricchezza degli ambienti naturali in Emilia-Romagna. Una produzione: Regione Emilia-Romagna, assessorato Ambiente e Sviluppo sostenibile - Servizio Parchi e Risorse forestali. Regia: Marco Tessaro

Biodiversità in Emilia-Romagna 6° parte

La ricchezza degli ambienti naturali in Emilia-Romagna. Una produzione: Regione Emilia-Romagna, assessorato Ambiente e Sviluppo sostenibile - Servizio Parchi e Risorse forestali. Regia: Marco Tessaro

Biodiversità in Emilia-Romagna 7° parte

La ricchezza degli ambienti naturali in Emilia-Romagna. Una produzione: Regione Emilia-Romagna, assessorato Ambiente e Sviluppo sostenibile - Servizio Parchi e Risorse forestali. Regia: Marco Tessaro

L'Appennino vien marciando - L'Alta via dei Parchi, un sentiero lungo 500 chilometri

Alla riscoperta dell'Appennino Settentrionale. L'Alta Via dei Parchi è un percorso naturalistico, finanziato dalla Regione Emilia-Romagna, che attraverso oltre 500 chilometri di sentieri collega tutto l'Appennino settentrionale, da Berceto in provincia di Parma fino al Monte Carpegna in provincia di Pesaro e Urbino, attraversando otto aree protette. A cura della Direzione generale Ambiente e Difesa del suolo e della costa.

Ambiente flora e fauna dei Rii

ll progetto europeo Life Rii riguarda la fascia pedecollinare dell’Appennino reggiano. Questo progetto mira a introdurre e testare l’efficacia di strategie innovative di gestione. L'ambiente dei piccoli rii che scorrono tra le colline dell'Emilia-Romagna è un patrimonio da tutelare e riqualificare. In questo habitat naturale ricco di biodiversità, convivono una flora e una fauna tipiche di queste zone.A cura della Direzione generale Ambiente e Difesa del suolo e della costa

Progetto Life Rii - interventi a basso impatto per ridurre il rischio alluvioni

Il progetto europeo “Life Rii” riguarda la fascia pedecollinare dell’Appennino reggiano. In queste aree in cui la densità di infrastrutture e l’elevato grado di urbanizzazione determinano un alto rischio di alluvione, questo progetto mira a introdurre e testare l’efficacia di strategie innovative di gestione del territorio con interventi sperimentali per riportare i corsi d’acqua ad un assetto più sicuro e più vicino a quello naturale. L’obiettivo è quello di accrescerne la capacità auto depurativa e di migliorare la qualità delle acque e dello stato ecologico. A cura della Direzione generale Ambiente e Difesa del suolo e della costa

Cosa fa il Sistema informativo sismica (Sis)

Il video illustra cosa fa il Sistema informativo della sismica. Il Sis permette la gestione degli eventi che accompagnano l’istanza della pratica sismica, dall'invio della domanda di autorizzazione/deposito in modalità telematica fino al rilascio dell’atto finale di autorizzazione/diniego o l'archiviazione della pratica in caso di deposito. Sistema informativo per la Gestione delle pratiche sismiche in zone a media e bassa sismicità, Regione Emilia-Romagna. A cura della Direzione generale Ambiente e Difesa del suolo e della costa

La Regione non è In-difesa - La difesa del suolo contro il rischio idrogeologico in Emilia-Romagna

Un miliardo circa gli investimenti fatti dalla Regione dal 2000 a oggi, tra interventi di difesa del suolo, della costa e di bonifica, e interventi urgenti di protezione civile, con una filosofia che già da tempo si è concentrata sul passare dall'emergenza alla prevenzione, con una difesa attiva del territorio che cerca di anticipare i problemi con manutenzione continua, controlli e rilevazioni costanti e specifici lavori di ripristino della vegetazione naturale. A cura della Direzione generale Ambiente e Difesa del suolo e della costa

Alta Via dei Parchi. Viaggio a piedi in Emilia-Romagna - il trailer

Il film è prodotto da Articolture, in collaborazione con Italica Edizioni; promosso da Regione Emilia-Romagna, Servizio Parchi e Riserve dell'Emilia Romagna; scritto e diretto da Enrico Brizzi e Serena Tommasini Degna. A cura della Direzione generale Ambiente e Difesa del suolo e della costa.

Illustrazione del progetto europeo Life rii

Il progetto europeo “LIFE RII” riguarda la fascia pedecollinare dell’Appennino reggiano. In queste aree in cui la densità di infrastrutture e l’elevato grado di urbanizzazione determinano un alto rischio di alluvione, questo progetto mira a introdurre e testare l’efficacia di strategie innovative di gestione del territorio con interventi sperimentali per riportare i corsi d’acqua ad un assetto più sicuro e più vicino a quello naturale. L’obiettivo è quello di accrescerne la capacità auto depurativa e di migliorare la qualità delle acque e dello stato ecologico.

Spot della campagna "Chi li ha visti", per promuovere la raccolta differenziata dei rifiuti

Sei sicuro di sapere cosa hai casa? Tanti oggetti di uso comune nascondono un passato da rifiuti! Inizia così lo spot video di "Chi li ha visti?", la campagna della Regione Emilia-Romagna, realizzata con il sostegno di CONAI e la collaborazione di Arpa, che ricostruisce cosa accade ai rifiuti dopo che li abbiamo consegnati al servizio di raccolta differenziata. A cura della Direzione generale Ambiente e Difesa del suolo e della costa

Il rifiuto non esiste (parte prima)

Differenziare, riciclare, recuperare: accettare il rifiuto. Cosa succede ai rifiuti differenziati? E' davvero importante il lavoro che i cittadini fanno? E ci guadagnano qualcosa, a parte un ambiente migliore? La puntata è la prima di due parti, e ricostruisce il cammino dei rifiuti dal momento in cui vengono gettati nel cassonetto, sulla scia dell'indagine "Chi li ha Visti?" voluta dalla Regione Emilia-Romagna per rispondere a tutte le domande dei cittadini. A cura della Direzione generale Ambiente e Difesa del suolo e della costa

Il rifiuto non esiste (parte seconda)

Differenziare, riciclare, recuperare: accettare il rifiuto. Qual è il risultato finale del lavoro di raccolta differenziata dei rifiuti? Esiste davvero il riciclo, il recupero di materia? maneggiamo già oggetti frutto di questo processo? La puntata è la seconda di due parti, e ricostruisce il cammino dei rifiuti verso la loro seconda vita sulla scia dell'indagine "Chi li ha Visti?" voluta dalla Regione Emilia-Romagna per rispondere a tutte le domande dei cittadini. A cura della Direzione generale Ambiente e Difesa del suolo e della costa

Azioni sul documento

pubblicato il 2015/09/03 09:01:04 GMT+1 ultima modifica 2018-06-27T12:05:56+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina