Le professioni turistiche di accompagnamento

Cosa fa la Regione

La deliberazione di Giunta regionale 24 ottobre 2011, n. 1515 ha approvato le disposizioni attuative della L.R. 4/2000 e s.m. per l’esercizio delle attività di accompagnamento turistico: guida turistica, accompagnatore turistico e guida ambientale-escursionistica. Tale atto ha approvato i contenuti dei seguenti tre allegati:

  • allegato 1): Disposizioni attuative della L.R. n. 4/2000 per l’accesso alle attività di accompagnamento turistico in Emilia-Romagna;
  • allegato 2): Disposizioni per lo svolgimento delle verifiche delle conoscenze linguistiche e del territorio regionale per l’accesso alle attività di accompagnamento turistico in Emilia-Romagna;
  • allegato 3): Disposizioni per la formazione delle figure di accompagnamento turistico di cui alla L.. 4/2000: guida turistica – accompagnatore turistico- guida ambientale-escursionistica.

Per i cittadini stranieri, la relativa competenza spetta al Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo – Ufficio per le politiche del Turismo - Indirizzo: Via del Collegio Romano, 27 - 00186 Roma - Segreteria dr. Roberto Rocca – Ufficio Turismo tel. 0667232131 - posta elettronica ordinaria: turismo@beniculturali.it - posta elettronica certificata: turismo@mailcert.beniculturali.it.

I moduli di domanda sono disponibili sul sito web del Ministero al seguente indirizzo.

  • Per l'attività di guida turistica

La Legge regionale n. 25/2017 “Disposizioni collegate alla legge regionale di stabilità per il 2018” trasferisce alla Regione le funzioni amministrative relative alle professioni turistiche di accompagnamento prima esercitate dalle Province e dalla città metropolitana alla Regione.

In questa fase si stanno definendo le modalità di esercizio delle funzioni sopra indicate da parte della Regione, al fine di garantirne un unitario e corretto esercizio delle stesse. Tali procedure saranno pubblicate su questo sito al più presto.

La guida turistica accompagna persone o gruppi nelle visite a musei, gallerie e scavi archeologici e ai siti regionali di interesse turistico illustrandone gli aspetti culturali, paesaggistici, naturali e produttivi.

L'esercizio della professione di Guida Turistica, con l'entrata in vigore della Legge Comunitaria 97/2013, è esteso al territoriale nazionale.

La verifica delle conoscenze per accedere alla professione avviene tramite un colloquio orale con riferimento ai beni turistici dell'intero territorio regionale e alle competenze linguistiche (è richiesto il livello C2). Superata la prova, nel caso di possesso della laurea in lettere, archeologia o titolo equipollente, si può richiedete l'abilitazione alla professione e il rilascio del patentino. Nel caso non si sia in possesso di queste lauree è necessario frequentare un corso di 100 ore, a pagamento, alla fine del quale avverrà una verifica dell'apprendimento conseguito.

L'abilitazione vale per tutto il territorio regionale e, in ottemperanza alle norme europee, diventerà valida anche per il livello nazionale.

  • Per l'attività di accompagnatore turistico

L'accompagnatore turistico accompagna e assiste persone e gruppi in viaggi, sul territorio nazionale o all'estero; cura l'attuazione di programmi turistici e fornisce informazioni turistiche sulle zone visitate.

Per accedere a questo profilo la prova orale riguarda soltanto le competenze linguistiche. Le lauree che permettono di non frequentare il corso di formazione sono quelle turistiche; nel caso di possesso di altre lauree occorre frequentare un corso di 150 ore di formazione e superare la verifica di apprendimento finale.

  • Per l'attività di guida ambientale escursionistica

La guida ambientale escursionistica iIllustra a persone o gruppi gli aspetti ambientali e naturalistici del territorio, compresi parchi e aree protette, zone espositive di carattere naturalistico e ecologico con esclusione dei percorsi alpini, in particolare quelli che richiedono attrezzature specifiche.

L'abilitazione alla professione consente l'esercizio dell'attività in tutto il territorio regionale.

Per accedere è necessario anche in questo caso superare una prova orale relativamente ai beni naturali e paesaggistici di tutto il territorio regionale e alle competenze linguisticheTutti devono frequentare anche il corso di formazione di 150 ore e superare la verifica di apprendimento finale.

Percorso formativo e abilitazione professionale

La Regione è l'ente pubblico di riferimento cui dovranno rivolgersi gli aspiranti accompagnatori turistici, guide turistiche e guide ambientali escursionistiche e si occupa:

  • dell’abilitazione alle professioni turistiche di accompagnamento;
  • della redazione e aggiornamento dell’elenco, distinto nelle diverse professioni, di coloro che hanno l’abilitazione all’esercizio della professione;
  • della pubblicazione sul Bollettino Ufficiale Regionale, dell’elenco dei nominativi di coloro che si dichiarano disponibili all’effettivo esercizio della professione per la quale sono stati abilitati;
  • del rilascio agli abilitati del tesserino personale di riconoscimento che deve essere reso visibile durante l’attività professionale.

Soggetti attuatori dei corsi

I corsi di formazione devono essere preventivamente autorizzati dall’Amministrazione competente (Regione o Provincia)

Per quanto riguarda le verifiche e i corsi, si può consultare la banca dati Orienter.

Per ulteriori verifiche sull’offerta formativa sul territorio si può anche contattare l’ufficio URP regionale al numero verde 800955157.

A chi rivolgersi

Servizio turismo e commercio

Loretta Legnani – Referente
tel. 051 5273358
loretta.legnani@regione.emilia-romagna.it

Gloria Savigni
tel. 051 5273257
gloria.savigni@regione.emilia-romagna.it

Per approfondire

Norme e atti

Moduli

Link utili

Azioni sul documento

pubblicato il 2010/06/01 17:35:00 GMT+1 ultima modifica 2018-07-23T14:15:06+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina