Sicurezza nei luoghi di lavoro

Un progetto di buone prassi nei cantieri edili

Il progetto “Buone prassi per la gestione del rischio nei cantieri edili” è destinato a realizzare modelli per cantieri sicuri.

Si basa sulla consapevolezza che la sicurezza non è solo il risultato positivo di un calcolo probabilistico ma dipende anche dalla percezione del rischio. Gli incidenti avvengono per difetto di abilità, di conoscenza, di comportamento ed una efficace politica di prevenzione deve sensibilizzare ai rischi, aggiornarne l’elenco tramite l’analisi delle procedure di lavoro, aumentare l’informazione (che deve sempre essere bidirezionale e coinvolgere tutto il gruppo di lavoro) per far comprendere le dinamiche che determinano l’evento infortunistico e giungere a strategie di intervento più mirate e rispondenti alle esigenze degli operatori.

La realizzazione del progetto “Buone prassi” prevede tre fasi: la mappatura dei dati relativi agli incidenti che si sono verificati sul territorio regionale nell’intervallo temporale di tre anni per avviare una prima riflessione sull’incidenza “territoriale” degli eventi nonché sulle dinamiche più consuete che favoriscono un infortunio; gli esiti della mappatura consentiranno di individuare il campione di nove imprese/cantieri (seconda fase) - che potranno aderire solo su base volontaria - su cui svolgere l’indagine consistente nella rilevazione del programma lavori e di una serie di indicatori (infortuni, previsione dei tempi per le lavorazioni, ritardi, assenteismo, ecc.) e nella successiva opera di sensibilizzazione (sopralluoghi, incontri con imprenditore, tecnico di cantiere, capisquadra e con tutti gli operatori/conferenza di cantiere).
La terza fase consisterà nella predisposizione di un modello definitivo di intervento che potrà essere utilizzato non solo come procedura di riferimento per gli interventi in cantiere da parte delle scuole edili/CPT (comitato paritetico territoriale) per la informazione e sensibilizzazione dei lavoratori presenti, ma anche come strumento di supporto per l’eventuale conseguente predisposizione di specifici piani formativi.

Il progetto discende dal protocollo quadro d’intesa siglato nel 2009 da Regione e Inail (pdf, 220.5 KB)per la realizzazione di un efficace sistema di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro ed è realizzato da Inail, Regione Emilia-Romagna ed il Consorzio Formedil.

Azioni sul documento

pubblicato il 2011/11/14 09:00:00 GMT+1 ultima modifica 2011-11-14T16:45:00+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina